Economia

A Conti fatti – L’outsourcing dei colletti bianchi

di Giovanni Vasso -

Carlos Tavares A.D. Stellantis e John Elkann presidente Stellantis anteprima stampa della mostra multimediale “Drive Different.Dall’Austerity alla mobilità del futuro” presso museo Mauto di Torino, 23 novembre 2023. ANSA/ALESSANDRO DI MARCO


Più che l’intelligenza artificiale, deve iniziare a far paura l’avidità. Soprattutto se le grandi aziende, piuttosto che comprendere la lezione di questi anni, continuano a delocalizzare e a preferire, sistematicamente, giovani laureati stranieri agli italiani o, in genere, agli occidentali. Non è questione di grandi ideali, dietro cui spesso e volentieri si nascondono ragioni più prosaiche di marketing. È una questione squisitamente economica. Come riporta il Sole 24 Ore, infatti, Stellantis assumerà nuovi ingegneri pescandoli dal Nord Africa, dove ha spostato una parte rilevante della produzione, dal Brasile e dall’India. Non perché siano più preparati ma perché “costano” fino a cinque volte in meno rispetto a un collega italiano, francese o americano. È l’outsorcing dei colletti bianchi. Stellantis, però, non è sola. Ma “copia” un trend già in voga tra le grandi major occidentali, specialmente quelle digitali. Su tutte, Google. Diranno, come fanno, che è tutta colpa della Cina e della concorrenza al ribasso. È lo stesso refrain degli anni ’90, ricordate?, quando portarono le fabbriche in Asia. Prima gli operai, ora gli ingegneri. Altro che intelligenza artificiale, i problemi per il lavoro sono tutti qui.

Non bisogna avere paura della tecnologia. Né occorre idolatrarla. Papa Francesco rimette le cose a posto affermando che, al centro delle cose dell’uomo, economia compresa, va riportato, appunto, l’uomo. “No alla tecnofobia e no alla tecnocrazia. Si tratta invece di investire risorse ed energie, perché la trasformazione del lavoro esige una formazione continua, creativa e sempre aggiornata. E bisogna farlo con le imprese e le famiglie. Una tecnica senza umanità diventa ambigua, rischiosa e non è veramente formativa”.

Buone, anzi ottime notizie, arrivano dall’Istat sul fronte dell’occupazione. A marzo, rispetto al mese precedente, gli occupati sono aumentati e il numero dei disoccupati continua a scendere.L’occupazione cresce  dello 0,3 per cento, pari a circa 70mila unità di nuovi lavoratori sia uomini che donne, per dipendenti e autonomi e per tutte le classi d’età a eccezione dei 35-49enni che registrano un calo. Su base annua, il numero di occupati a marzo supera quello di marzo 2023 dell’1,8 per cento (+425mila unità). Aumenta, contestualmente, il numero degli inattivi.


Torna alle notizie in home

Le ultime news

Dopo la splendida cerimonia di inaugurazione di sabato 18 maggio al Magazzino 26 di Porto Vecchio a Trieste la Mostra “Da Lubiana a Trieste, la Pietra di Aurisina, del Carso e dell’Istria in Italia e nel Mondo” entra nel vivo degli eventi collaterali con l'incontro con il fotografo Lorenzo Parenzan, dal titolo
Il centro Benessere Capelli ha offerto a Francesco Facchinetti un servizio completo e personalizzato, dalla consulenza iniziale alla realizzazione del patch e all'applicazione del trattamento vero e proprio. Grazie alla competenza e all'esperienza del team di professionisti del centro, Facchinetti ha potuto godere di un'esperienza confortevole e soddisfacente, ottenendo risultati estetici eccellenti e una maggiore fiducia in se stesso.