Attualità

A Terni si dimette Bandecchi, il sindaco-scandalo

di Angelo Vitolo -


“Ho già dato le dimissioni dalla carica di sindaco di Terni, attraverso questo video lo comunico a tutti i cittadini così eviteranno di leggersi i giornali che chissà quali stupidaggini potranno dire. I motivi sono di carattere politico”. Lo afferma Stefano Bandecchi in un video sui social. Giorni fa aveva invitato il dimissionario sottosegretario Vittorio Sgarbi a dargli una mano nella campagna elettorale che intende avviare per le Europee di giugno: al critico d’arte offerta la candidatura come capolista.

“Continuo a essere segretario di Ap ma non farò più, da qui a venti giorni, il sindaco così non correremo rischi di avere una ‘dittatura bandecchiana’”, conclude.

La minoranza lo incalza. “I ternani si sono affidati a Bandecchi e questo è il risultato: dimissioni senza nemmeno dare le motivazioni. Speriamo non sia uno dei suoi scherzi da irresponsabile e che si vada davvero a votare per eleggere persone dignitose alla guida di una città che merita il meglio”. Lo afferma Elisabetta Piccolotti, deputata umbra dell’Alleanza Verdi Sinistra.

“Di Bandecchi non possiamo fidarci. E quindi le sue dimissioni annunciate a video ci lasciano ancora dubbiosi sulle sue vere intenzioni. Ma, se fosse confermata, questa è una splendida notizia, perché vuol dire che nel giro di un anno sia Terni che Perugia, sia la stessa regione Umbria avranno un governo ecologista, progressista e di Sinistra che cercherà di risolvere i problemi che questa destra fino adesso ha causato”. Così Gianfranco Mascia e Eva Hausegger, co-portavoce di Europa Verde Umbria, e Francesca Arca, portavoce di Europa Verde Terni.


Torna alle notizie in home