A2A e Politecnico di Milano insieme per la transizione ecologica

Il Gruppo A2A Life Company e il Politecnico di Milano lavoreranno insieme per lo sviluppo di iniziative di innovazione, ricerca e formazione nel settore Energy & Utility. L’accordo tra l’azienda del settore energia e l’Università milanese, firmato dal Rettore del Politecnico Ferruccio Resta e da Renato Mazzoncini, Amministratore Delegato di A2A, alla presenza del Presidente di A2A Marco Patuano, del Sindaco di Milano Giuseppe Sala e del Presidente di Regione Lombardia Attilio Fontana, ha la durata di 5 anni e un valore complessivo di 8 milioni di euro, la collaborazione porterà allo sviluppo di soluzioni innovative a supporto della transizione ecologica del Paese.

In particolare, tramite l’istituzione di un Joint Research Center, verranno implementati progetti di sperimentazione multidisciplinari su temi specifici come la mobilità sostenibile, lo sviluppo delle energie rinnovabili e dell’idrogeno, il riciclo delle batterie, lo studio di nuove tecnologie per il trattamento dei rifiuti e il recupero di materia ed energia.

Contemporaneamente sarà istituito un Centro Congiunto di Ricerca e Innovazione all’interno del progetto Innovation District che il Politecnico di Milano sta sviluppando presso l’ex parco dei Gasometri nell’area di Bovisa, al quale A2A parteciperà con investimento complessivo di 3 milioni di euro. Il centro Congiunto sarà dedicato interamente all’innovazione nella transizione energetica e nell’economia circolare.

“Questa partnership con il Politecnico, punto di riferimento scientifico a livello nazionale e internazionale, ci consentirà di mettere a sistema competenze ed esperienze reciproche per affrontare, grazie anche all’innovazione, le sfide legate al Climate Change” – ha commentato il Presidente di A2A Marco Patuano – Siamo certi che questa collaborazione potrà valorizzare ulteriormente il nostro lavoro nel garantire servizi sempre più efficienti, contribuire a migliorare la qualità della vita delle persone e supportare lo sviluppo sostenibile del nostro Paese”.

Dal canto suo Ferruccio Resta, Rettore del Politecnico di Milano, si è soffermato sull’importanza del Joint Research Center, “uno degli strumenti più validi – ha detto – per rafforzare l’intesa tra università e impresa attivando una sinergia sempre più stretta su temi di interesse comune per far fronte alle sfide che il PNRR pone al nostro Paese: dalla transizione energetica, alla mobilità sostenibile, alle energie rinnovabili”.

“Milano continua a offrire il terreno adatto in cui sperimentare, fare innovazione e ricerca ad alto livello – ha affermato il Sindaco di Milano Giuseppe Sala -. La partnership tra Politecnico e A2A trova nella nostra città il giusto sostegno, l’attenzione e la collaborazione indispensabili per portare a compimento il percorso di trasformazione ambientale e tecnologica che il nostro Paese ha avviato”.

“Il distretto nell’ex parco dei Gasometri nell’area di Bovisa – ha detto a sua volta il presidente della Regione, Attilio Fontana – ospiterà aziende, startup e nuovi spazi dedicati all’innovazione, oltre ad attività specifiche che punteranno a favorire il trasferimento tecnologico, che ha visto un impegno di 25 milioni da parte della Regione”.

Il Gruppo A2A Life Company e il Politecnico di Milano lavoreranno insieme per lo sviluppo di iniziative di innovazione, ricerca e formazione nel settore Energy & Utility. L’accordo tra l’azienda del settore energia e l’Università milanese, firmato dal Rettore del Politecnico Ferruccio Resta e da Renato Mazzoncini, Amministratore Delegato di A2A, alla presenza del Presidente di A2A Marco Patuano, del Sindaco di Milano Giuseppe Sala e del Presidente di Regione Lombardia Attilio Fontana, ha la durata di 5 anni e un valore complessivo di 8 milioni di euro, la collaborazione porterà allo sviluppo di soluzioni innovative a supporto della transizione ecologica del Paese.

In particolare, tramite l’istituzione di un Joint Research Center, verranno implementati progetti di sperimentazione multidisciplinari su temi specifici come la mobilità sostenibile, lo sviluppo delle energie rinnovabili e dell’idrogeno, il riciclo delle batterie, lo studio di nuove tecnologie per il trattamento dei rifiuti e il recupero di materia ed energia.

Contemporaneamente sarà istituito un Centro Congiunto di Ricerca e Innovazione all’interno del progetto Innovation District che il Politecnico di Milano sta sviluppando presso l’ex parco dei Gasometri nell’area di Bovisa, al quale A2A parteciperà con investimento complessivo di 3 milioni di euro. Il centro Congiunto sarà dedicato interamente all’innovazione nella transizione energetica e nell’economia circolare.

“Questa partnership con il Politecnico, punto di riferimento scientifico a livello nazionale e internazionale, ci consentirà di mettere a sistema competenze ed esperienze reciproche per affrontare, grazie anche all’innovazione, le sfide legate al Climate Change” – ha commentato il Presidente di A2A Marco Patuano – Siamo certi che questa collaborazione potrà valorizzare ulteriormente il nostro lavoro nel garantire servizi sempre più efficienti, contribuire a migliorare la qualità della vita delle persone e supportare lo sviluppo sostenibile del nostro Paese”.

Dal canto suo Ferruccio Resta, Rettore del Politecnico di Milano, si è soffermato sull’importanza del Joint Research Center, “uno degli strumenti più validi – ha detto – per rafforzare l’intesa tra università e impresa attivando una sinergia sempre più stretta su temi di interesse comune per far fronte alle sfide che il PNRR pone al nostro Paese: dalla transizione energetica, alla mobilità sostenibile, alle energie rinnovabili”.

“Milano continua a offrire il terreno adatto in cui sperimentare, fare innovazione e ricerca ad alto livello – ha affermato il Sindaco di Milano Giuseppe Sala -. La partnership tra Politecnico e A2A trova nella nostra città il giusto sostegno, l’attenzione e la collaborazione indispensabili per portare a compimento il percorso di trasformazione ambientale e tecnologica che il nostro Paese ha avviato”.

“Il distretto nell’ex parco dei Gasometri nell’area di Bovisa – ha detto a sua volta il presidente della Regione, Attilio Fontana – ospiterà aziende, startup e nuovi spazi dedicati all’innovazione, oltre ad attività specifiche che punteranno a favorire il trasferimento tecnologico, che ha visto un impegno di 25 milioni da parte della Regione”.

Pubblicitàspot_img
Pubblicitàspot_img

Ultimi articoli

Squalo bianco

Il lato sinistro di Giuseppi

Lega Sud

Sorpresa il partito del Nord

Il ministro Fedriga