Addio Kobe, muore la leggenda del basket

 La leggenda dell’NBA Kobe Bryant, sua figlia e altre sette persone sono state morte domenica quando il loro elicottero è precipitato su una collina nella fitta nebbia mattutina nel sud della California, la sua morte improvvisa all’età di 41 anni ha provocato un’esplosione di dolore per una star la cui celebrità ha trasceso il basket. L’elicottero è sceso a Calabasas, a circa 30 miglia (48 chilometri) a nord-ovest del centro di Los Angeles. Le autorità hanno affermato che nove persone erano a bordo e presumibilmente morte. Bryant, un grande giocatore di basket di tutti i tempi che ha trascorso la sua intera carriera ventennale con i Los Angeles Lakers. La causa dell’incidente non era nota. La notizia della morte della superstar carismatica è precipitata nei mondi dello sport e dell’intrattenimento, con molti che si sono trasferiti su Twitter per registrare lo shock, l’incredulità e l’angoscia. “ Le parole non possono descrivere il dolore che sento. Ho adorato Kobe era come un fratellino per me ”, ha dichiarato il grande Michael NBA in pensione. “ Parlavamo spesso e mi mancheranno molto quelle conversazioni. Era un feroce concorrente, uno dei grandi del gioco e una forza creativa. Kobe! ” Tiger Woods non era a conoscenza delle notizie durante il suo round finale a Torrey Pines a San Diego quando ha iniziato a sentire l’urlo della galleria “ Fallo per Mamba ”, riferendosi a Bryant con il suo soprannome. In tutto il mondo, le persone sono state incollate ai loro telefoni e schermi TV mentre le notizie dello schianto si diffondevano e le reti iniziavano a programmare con copertura dal vivo. Un LeBron James visibilmente scosso si è asciugato gli occhi con dei fazzoletti e si é allontanato da solo dall’aereo dei Lakers che era appena atterrato nel sud della California. Migliaia di persone si sono radunate per piangere Bryant fuori dallo Staples Center nel centro di Los Angeles. 

Le persone in lutto in maglie n. 24 si mescolavano a quelle in costume che arrivavano all’arena del centro per i Grammy Awards di domenica sera. La gente ha portato fiori e cantava “ Kobe! ” E “ MVP! ” Sotto schermi video giganti che mostravano il volto sorridente di Bryant. “ Kobe Bryant si è ritirato nel 2016 come terzo marcatore nella storia della NBA, finendo due decenni con i Lakers come prolifico tiratore con un sublime tuttofare gioco e un’inesorabile etica competitiva.

Domenico  Condello

 La leggenda dell’NBA Kobe Bryant, sua figlia e altre sette persone sono state morte domenica quando il loro elicottero è precipitato su una collina nella fitta nebbia mattutina nel sud della California, la sua morte improvvisa all’età di 41 anni ha provocato un’esplosione di dolore per una star la cui celebrità ha trasceso il basket. L’elicottero è sceso a Calabasas, a circa 30 miglia (48 chilometri) a nord-ovest del centro di Los Angeles. Le autorità hanno affermato che nove persone erano a bordo e presumibilmente morte. Bryant, un grande giocatore di basket di tutti i tempi che ha trascorso la sua intera carriera ventennale con i Los Angeles Lakers. La causa dell’incidente non era nota. La notizia della morte della superstar carismatica è precipitata nei mondi dello sport e dell’intrattenimento, con molti che si sono trasferiti su Twitter per registrare lo shock, l’incredulità e l’angoscia. “ Le parole non possono descrivere il dolore che sento. Ho adorato Kobe era come un fratellino per me ”, ha dichiarato il grande Michael NBA in pensione. “ Parlavamo spesso e mi mancheranno molto quelle conversazioni. Era un feroce concorrente, uno dei grandi del gioco e una forza creativa. Kobe! ” Tiger Woods non era a conoscenza delle notizie durante il suo round finale a Torrey Pines a San Diego quando ha iniziato a sentire l’urlo della galleria “ Fallo per Mamba ”, riferendosi a Bryant con il suo soprannome. In tutto il mondo, le persone sono state incollate ai loro telefoni e schermi TV mentre le notizie dello schianto si diffondevano e le reti iniziavano a programmare con copertura dal vivo. Un LeBron James visibilmente scosso si è asciugato gli occhi con dei fazzoletti e si é allontanato da solo dall’aereo dei Lakers che era appena atterrato nel sud della California. Migliaia di persone si sono radunate per piangere Bryant fuori dallo Staples Center nel centro di Los Angeles. 

Le persone in lutto in maglie n. 24 si mescolavano a quelle in costume che arrivavano all’arena del centro per i Grammy Awards di domenica sera. La gente ha portato fiori e cantava “ Kobe! ” E “ MVP! ” Sotto schermi video giganti che mostravano il volto sorridente di Bryant. “ Kobe Bryant si è ritirato nel 2016 come terzo marcatore nella storia della NBA, finendo due decenni con i Lakers come prolifico tiratore con un sublime tuttofare gioco e un’inesorabile etica competitiva.

Domenico  Condello

Pubblicitàspot_img
Pubblicitàspot_img

Ultimi articoli