Al Gruppo CAP 100 milioni dalla BEI per investimenti nel settore idrico di Milano

Al Gruppo CAP arrivano 100 milioni dalla Banca Europea per gli investimenti, per potenziare in particolare le infrastrutture nel settore idrico di Milano. Saranno 200 i milioni per 44 progetti con l’obiettivo di minimizzare le perdite sugli oltre 6 400 km della rete idrica, migliorare la qualità dell’acqua erogata e depurata, potenziare ed efficientare gli oltre 6 600 km della rete fognaria, realizzare progetti di economia circolare e ridurre drasticamente la dipendenza energetica e le emissioni climalteranti.

È questo il piano quadriennale per il quale Gruppo CAP, gestore del servizio idrico integrato della Città metropolitana di Milano, ha ottenuto un finanziamento di 100 milioni dalla Banca Europea per gli Investimenti (BEI), al fine di migliorare la copertura, la qualità e la resilienza dei servizi idrici integrati nel territorio del milanese.

È un importante contributo allo sviluppo del piano industriale 2022-2025 di Gruppo CAP che da solo vale 450 milioni, oltre 100 milioni ogni anno. Il piano di investimenti finanziato da BEI prevede la realizzazione di 20 opere nell’ambito dell’acquedotto, 14 nell’ambito della rete fognaria, 9 in ambito depurazione e 1 per altre attività idriche. Interventi essenziali per gestire le acque meteoriche e aumentare la resilienza del sistema a fronte dei cambiamenti climatici, ottimizzare il processo per la riduzione dei consumi energetici e dei fanghi di depurazione, e proseguire sul fronte del recupero di energia dagli scarti con progetti come la

Biopiattaforma di Sesto San Giovanni, il nuovo impianto che combina termovalorizzatore e depuratore e che rappresenta il primo esempio in Italia di simbiosi industriale a zero emissioni di Co2. Gli interventi saranno valutati in linea con gli accordi di Parigi e con gli obiettivi a basse emissioni di carbonio della Climate Bank Roadmap della BEI. Il presente finanziamento è tra i primi Green Loans (Prestiti Verdi) della BEI nel settore idrico in Italia, con l’obiettivo di potenziare la gestione del servizio idrico di Gruppo CAP.

Al Gruppo CAP arrivano 100 milioni dalla Banca Europea per gli investimenti, per potenziare in particolare le infrastrutture nel settore idrico di Milano. Saranno 200 i milioni per 44 progetti con l’obiettivo di minimizzare le perdite sugli oltre 6 400 km della rete idrica, migliorare la qualità dell’acqua erogata e depurata, potenziare ed efficientare gli oltre 6 600 km della rete fognaria, realizzare progetti di economia circolare e ridurre drasticamente la dipendenza energetica e le emissioni climalteranti.

È questo il piano quadriennale per il quale Gruppo CAP, gestore del servizio idrico integrato della Città metropolitana di Milano, ha ottenuto un finanziamento di 100 milioni dalla Banca Europea per gli Investimenti (BEI), al fine di migliorare la copertura, la qualità e la resilienza dei servizi idrici integrati nel territorio del milanese.

È un importante contributo allo sviluppo del piano industriale 2022-2025 di Gruppo CAP che da solo vale 450 milioni, oltre 100 milioni ogni anno. Il piano di investimenti finanziato da BEI prevede la realizzazione di 20 opere nell’ambito dell’acquedotto, 14 nell’ambito della rete fognaria, 9 in ambito depurazione e 1 per altre attività idriche. Interventi essenziali per gestire le acque meteoriche e aumentare la resilienza del sistema a fronte dei cambiamenti climatici, ottimizzare il processo per la riduzione dei consumi energetici e dei fanghi di depurazione, e proseguire sul fronte del recupero di energia dagli scarti con progetti come la

Biopiattaforma di Sesto San Giovanni, il nuovo impianto che combina termovalorizzatore e depuratore e che rappresenta il primo esempio in Italia di simbiosi industriale a zero emissioni di Co2. Gli interventi saranno valutati in linea con gli accordi di Parigi e con gli obiettivi a basse emissioni di carbonio della Climate Bank Roadmap della BEI. Il presente finanziamento è tra i primi Green Loans (Prestiti Verdi) della BEI nel settore idrico in Italia, con l’obiettivo di potenziare la gestione del servizio idrico di Gruppo CAP.

Pubblicitàspot_img
Pubblicitàspot_img

Ultimi articoli