Bce, Cna: dubbi e timori per nuovi tassi di interesse BCE

“Il nuovo consistente rialzo dei tassi di interesse da parte della Bce alimenta dubbi e preoccupazioni circa gli orientamenti della politica monetaria da parte della banca centrale davanti ai vistosi segnali di rallentamento dell`attività economica. Non è in discussione il mandato della Bce di perseguire la stabilità dei prezzi, ma è molto probabile che l`aumento del costo del denaro non sarà efficace per far scendere l`inflazione mentre è una certezza che avrà effetti negativi sulla congiuntura, con un impatto negativo sul costo del denaro, sia per finanziamenti in essere, sia per nuovi finanziamenti da parte di imprese e famiglie in una fase di particolare debolezza economica”.
La preoccupazione delle imprese, a giudizio della Cna, “deriva anche dalla mancanza di chiarezza sulla strategia della Bce che ha abbandonato la politica comunicativa, che si è dimostrata molto preziosa in anni recenti, per indirizzare le aspettative e fornire agli operatori un importante strumento conoscitivo sugli obiettivi della politica monetaria. Oggi è necessaria una chiara indicazione su fino a dove saliranno i tassi e per quanto tempo per rendere efficaci le decisioni dell`istituto”. Questo quanto riporta il comunicato odierno scritto dalla Cna.

“Il nuovo consistente rialzo dei tassi di interesse da parte della Bce alimenta dubbi e preoccupazioni circa gli orientamenti della politica monetaria da parte della banca centrale davanti ai vistosi segnali di rallentamento dell`attività economica. Non è in discussione il mandato della Bce di perseguire la stabilità dei prezzi, ma è molto probabile che l`aumento del costo del denaro non sarà efficace per far scendere l`inflazione mentre è una certezza che avrà effetti negativi sulla congiuntura, con un impatto negativo sul costo del denaro, sia per finanziamenti in essere, sia per nuovi finanziamenti da parte di imprese e famiglie in una fase di particolare debolezza economica”.
La preoccupazione delle imprese, a giudizio della Cna, “deriva anche dalla mancanza di chiarezza sulla strategia della Bce che ha abbandonato la politica comunicativa, che si è dimostrata molto preziosa in anni recenti, per indirizzare le aspettative e fornire agli operatori un importante strumento conoscitivo sugli obiettivi della politica monetaria. Oggi è necessaria una chiara indicazione su fino a dove saliranno i tassi e per quanto tempo per rendere efficaci le decisioni dell`istituto”. Questo quanto riporta il comunicato odierno scritto dalla Cna.

Pubblicitàspot_img
Pubblicitàspot_img

Ultimi articoli