Bufera in Campidoglio dopo la nostra inchiesta Karibu Capitale

Pubblicata oggi su L’Identità, ricostruisce il fiume di denaro, per oltre due milioni di euro, versato dal Comune alla coop della suocera di Soumahoro, Maria Therese Mukamitsindo. Sulla questione è intervenuta la Lega di Matteo Salvini, che sul caso presenta un’interrogazione alla Giunta Gualtieri e chiede la riunione delle Commissioni capitoline, per chiarire la vicenda.

“La Lega chiede conto di quanto emerge sui rapporti del Campidoglio con la coop Karibu che fa capo alla suocera del deputato Alleanza Verdi Soumahoro. Cifre altissime, che dal 2016 ad oggi ammonterebbero a oltre due milioni di euro di cui duecentomila solo nel 2022. È necessario che gli assessori competenti riferiscano e siano immediatamente riunite le Commissioni capitoline preposte. Quanto accade è una vergogna, un fiume di denaro uscito dalle tasche dei contribuenti per l’accoglienza e l’assistenza sociale sul cui destino si deve fare piena luce: quanti soldi, dal 2016, con la giunta Raggi, ad oggi, con la giunta Gualtieri, sono stati pagati alla coop, e che cosa è stato fatto. Vogliamo leggere i bilanci, sapere quanti bandi sono stati vinti da questa cooperativa anche a livello regionale, con la giunta Pd e M5S guidata da Zingaretti e D’Amato, e se siano mai arrivate prima lamentele dai lavoratori o da chi era loro vicino”. Lo dichiara in una nota il capogruppo della Lega in Campidoglio Fabrizio Santori, a proposito delle ultime notizie pubblicate sul caso della cooperativa Karibu. “Una situazione così grave lascia pensare anche ad una pressoché totale mancanza di controlli puntuali, seri ed accurati, non soltanto sul piano economico e gestionale, ma anche su quello dei diritti del lavoro, per la sicurezza, l’igiene, la sanità e la condizione dei dipendenti. Di tutti questi dovuti controlli attendiamo di conoscere il numero, le modalità e i contenuti”, conclude Santori.

Pubblicata oggi su L’Identità, ricostruisce il fiume di denaro, per oltre due milioni di euro, versato dal Comune alla coop della suocera di Soumahoro, Maria Therese Mukamitsindo. Sulla questione è intervenuta la Lega di Matteo Salvini, che sul caso presenta un’interrogazione alla Giunta Gualtieri e chiede la riunione delle Commissioni capitoline, per chiarire la vicenda.

“La Lega chiede conto di quanto emerge sui rapporti del Campidoglio con la coop Karibu che fa capo alla suocera del deputato Alleanza Verdi Soumahoro. Cifre altissime, che dal 2016 ad oggi ammonterebbero a oltre due milioni di euro di cui duecentomila solo nel 2022. È necessario che gli assessori competenti riferiscano e siano immediatamente riunite le Commissioni capitoline preposte. Quanto accade è una vergogna, un fiume di denaro uscito dalle tasche dei contribuenti per l’accoglienza e l’assistenza sociale sul cui destino si deve fare piena luce: quanti soldi, dal 2016, con la giunta Raggi, ad oggi, con la giunta Gualtieri, sono stati pagati alla coop, e che cosa è stato fatto. Vogliamo leggere i bilanci, sapere quanti bandi sono stati vinti da questa cooperativa anche a livello regionale, con la giunta Pd e M5S guidata da Zingaretti e D’Amato, e se siano mai arrivate prima lamentele dai lavoratori o da chi era loro vicino”. Lo dichiara in una nota il capogruppo della Lega in Campidoglio Fabrizio Santori, a proposito delle ultime notizie pubblicate sul caso della cooperativa Karibu. “Una situazione così grave lascia pensare anche ad una pressoché totale mancanza di controlli puntuali, seri ed accurati, non soltanto sul piano economico e gestionale, ma anche su quello dei diritti del lavoro, per la sicurezza, l’igiene, la sanità e la condizione dei dipendenti. Di tutti questi dovuti controlli attendiamo di conoscere il numero, le modalità e i contenuti”, conclude Santori.

Pubblicitàspot_img
Pubblicitàspot_img

Ultimi articoli