Cultura & Spettacolo

Cacciari a Caserta per Memorie dialoganti di Andrea Sparaco

di Angelo Vitolo -


Andrea Sparaco, per molti “il più fecondo, poliedrico, empatico, impegnato artista contemporaneo di Terra di Lavoro”, a 12 anni dalla sua scomparsa, verrà ricordato a Caserta con una mostra che intreccia la sua ispirazione artistica e il suo messaggio culturale e politico. Dopo un percorso burocraticamente accidentato, che ne ha impedito l’attuazione della celebrazione del decennale nel 2021, il progetto espositivo “Memorie dialoganti” trova cornice nell’Archivio di Stato di Caserta, istituto che è depositario dei nuclei fondanti della mostra, il gruppo di circa 100 opere donate dallo stesso Sparaco all’Archivio a partire dal 2006 e il Fondo Broccoli, donato all’Archivio dal senatore Paolo Broccoli, che comprende non solo opere dell’artista, ma pure una cospicua documentazione, in parte autografa, che lo riguarda e ne ripercorre la vicenda artistica, culturale, politica.

All’exhibition in Archivio va ad aggiungersi la scultura Figure dialoganti, che arricchisce il percorso narrativo, per raccontare Sparaco a tutto tondo, nel richiamo alla mostra di Sparaco in atto a Teano al momento della sua morte, “Figure dialoganti”. E i contenuti di “Memorie dialoganti” saranno anche ospitati in un catalogo introdotto da un partecipato scritto di Massimo Cacciari, che di Andrea Sparaco fu amico personale ed estimatore.

Il filosofo sarà a Caserta per l’opening, il 5 dicembre, alle ore 11.00. La mostra rimarrà aperta fino al 29 dicembre. All’inaugurazione, con Cacciari interverranno la direttrice dell’Archivio di Stato di Caserta, Fortunata Manzi, il presidente del Consiglio regionale Gennaro Oliviero e il sindaco di Caserta, Carlo Marino.


Torna alle notizie in home