Calcio, Europa League: vince l’Eintracht di Francoforte

L’Eintracht Francoforte ha vinto la UEFA Europa League 2021/2022 sconfiggendo in finale i Rangers Glasgow con il risultato di 6 a 5. La partita, giocata ieri sera a Siviglia in uno stadio “Ramon Sanchez Pizjuan” gremito, si è conclusa in pareggio dopo i 90 minuti regolamentari (più 4 di recupero), con gli scozzesi guidati da Van Brockhorst che sono andati in vantaggio grazie alla rete di Joe Aribo Ayodele segnata al 57° (quindi poco dopo l’inizio del secondo tempo). Immediata ed efficace la reazione dell’Eintracht del tecnico austriaco Glasner, che grazie ad un goal di Rafael Santos Borréé dopo circa 10 minuti ha – meritatamente – riportato il punteggio in parità.
L’extra time dei due tempi supplementari non è servito a sbloccare il risultato anche grazie ad un’eccezionale parata del portiere dell’Eintracht Trapp. Si è dunque arrivati alla serie dei tiri dal dischetto: perfetti i tedeschi, meno gli scozzesi, che sono usciti sconfitti a causa dell’errore dell’ex Juve Aaron Ramsey, entrato in sostituzione di un compagno a pochi minuti dal triplice fischio finale proprio per calciare il rigore. Quella alzata al cielo ieri sera è la seconda Europa League conquistata dal club tedesco nella sua storia: la prima vittoria risale al 1980, quando ancora si chiamava Coppa Uefa.
Per gli appassionati di calcio, le finali europee non sono finite: la prossima settimana, infatti, si disputeranno le ultime partite in questa stagione di altre due competizioni internazionali. Mercoledì 25 maggio a Tirana, per giocarsi la vittoria nella prima edizione della Conference League scenderanno in campo l’AS Roma e gli olandesi del Feyenord. Sabato 28 maggio, infine, allo Sta de France di Parigi, si disputerà la finale della prestigiosa Champions tra Liverpool e Real Madrid.

L’Eintracht Francoforte ha vinto la UEFA Europa League 2021/2022 sconfiggendo in finale i Rangers Glasgow con il risultato di 6 a 5. La partita, giocata ieri sera a Siviglia in uno stadio “Ramon Sanchez Pizjuan” gremito, si è conclusa in pareggio dopo i 90 minuti regolamentari (più 4 di recupero), con gli scozzesi guidati da Van Brockhorst che sono andati in vantaggio grazie alla rete di Joe Aribo Ayodele segnata al 57° (quindi poco dopo l’inizio del secondo tempo). Immediata ed efficace la reazione dell’Eintracht del tecnico austriaco Glasner, che grazie ad un goal di Rafael Santos Borréé dopo circa 10 minuti ha – meritatamente – riportato il punteggio in parità.
L’extra time dei due tempi supplementari non è servito a sbloccare il risultato anche grazie ad un’eccezionale parata del portiere dell’Eintracht Trapp. Si è dunque arrivati alla serie dei tiri dal dischetto: perfetti i tedeschi, meno gli scozzesi, che sono usciti sconfitti a causa dell’errore dell’ex Juve Aaron Ramsey, entrato in sostituzione di un compagno a pochi minuti dal triplice fischio finale proprio per calciare il rigore. Quella alzata al cielo ieri sera è la seconda Europa League conquistata dal club tedesco nella sua storia: la prima vittoria risale al 1980, quando ancora si chiamava Coppa Uefa.
Per gli appassionati di calcio, le finali europee non sono finite: la prossima settimana, infatti, si disputeranno le ultime partite in questa stagione di altre due competizioni internazionali. Mercoledì 25 maggio a Tirana, per giocarsi la vittoria nella prima edizione della Conference League scenderanno in campo l’AS Roma e gli olandesi del Feyenord. Sabato 28 maggio, infine, allo Sta de France di Parigi, si disputerà la finale della prestigiosa Champions tra Liverpool e Real Madrid.

Pubblicitàspot_img
Pubblicitàspot_img

Ultimi articoli