CheFare per il sistema culturale post Covid: una ricerca indaga gli spazi del Contemporaneo

CheFare, agenzia di promozione culturale di Milano, è pronta a presentare i risultati della ricerca de laGuida nel Contemporaneo. L’iniziativa parte da laGuida, il programma nazionale per i nuovi centri culturali di CheFare: da oltre 2 anni l’agenzia racconta, supporta e scopre spazi di confronto, di scontro e di trasformazione che si fanno promotori di innovazione sociale e di progetti culturali di prossimità.

In occasione della seconda tappa, dopo la prima che ha interessato Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta, laGuida si è trasformata in un progetto di ricerca che legga le modalità in cui gli spazi indipendenti in Lombardia promuovono il Contemporaneo. L’evento di presentazione è previsto online, per venerdì 4 febbraio, dalle 16.00 alle 19.00, con collegamento sulla pagina Facebook di CheFare.

Durante l’incontro saranno discussi i vari linguaggi del contemporaneo e l’aiuto che possono dare per comprendere i fenomeni complessi in cui sono immerse le iniziative culturali. Sarà rivelato l’ecosistema della cultura contemporanea milanese e lombarda e presentate le linee di policy per valorizzarla, anche alla luce delle trasformazioni della società per gli effetti dell’emergenza Covid.

Il progetto viene sviluppato grazie ad una partnership con Fondazione Cariplo, impegnata nel sostegno e nella promozione di progetti di utilità sociale legati al settore dell’arte e della cultura, dell’ambiente, dei servizi alla persona e della ricerca scientifica e con il supporto di Fondazione Unipolis.

Online ne discuteranno Pierluigi Sacco, professore di Economia della Cultura dell’Università IULM; Marianna D’Ovidio, esperta in Studi Urbani e docente al Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale dell’università di Milano-Bicocca; Paola Dubini, professoressa di management all’Università Bocconi di Milano e Visiting Professor all’IMT di Lucca; Andrea Rebaglio, vice direttore Area Arte e Cultura di Fondazione Cariplo; Marco Minoja, manager culturale e responsabile dal 2018 della Direzione Cultura del Comune di Milano, Umberto Angelini sovrintendente e direttore artistico del Teatro Grande e direttore artistico Triennale Milano Teatro; Matteo Balduzzi, curatore del Mufoco, Museo di Fotografia Contemporanea di Milano-Cinisello Balsamo; Martina Angelotti, curatrice d’arte indipendente.

CheFare, agenzia di promozione culturale di Milano, è pronta a presentare i risultati della ricerca de laGuida nel Contemporaneo. L’iniziativa parte da laGuida, il programma nazionale per i nuovi centri culturali di CheFare: da oltre 2 anni l’agenzia racconta, supporta e scopre spazi di confronto, di scontro e di trasformazione che si fanno promotori di innovazione sociale e di progetti culturali di prossimità.

In occasione della seconda tappa, dopo la prima che ha interessato Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta, laGuida si è trasformata in un progetto di ricerca che legga le modalità in cui gli spazi indipendenti in Lombardia promuovono il Contemporaneo. L’evento di presentazione è previsto online, per venerdì 4 febbraio, dalle 16.00 alle 19.00, con collegamento sulla pagina Facebook di CheFare.

Durante l’incontro saranno discussi i vari linguaggi del contemporaneo e l’aiuto che possono dare per comprendere i fenomeni complessi in cui sono immerse le iniziative culturali. Sarà rivelato l’ecosistema della cultura contemporanea milanese e lombarda e presentate le linee di policy per valorizzarla, anche alla luce delle trasformazioni della società per gli effetti dell’emergenza Covid.

Il progetto viene sviluppato grazie ad una partnership con Fondazione Cariplo, impegnata nel sostegno e nella promozione di progetti di utilità sociale legati al settore dell’arte e della cultura, dell’ambiente, dei servizi alla persona e della ricerca scientifica e con il supporto di Fondazione Unipolis.

Online ne discuteranno Pierluigi Sacco, professore di Economia della Cultura dell’Università IULM; Marianna D’Ovidio, esperta in Studi Urbani e docente al Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale dell’università di Milano-Bicocca; Paola Dubini, professoressa di management all’Università Bocconi di Milano e Visiting Professor all’IMT di Lucca; Andrea Rebaglio, vice direttore Area Arte e Cultura di Fondazione Cariplo; Marco Minoja, manager culturale e responsabile dal 2018 della Direzione Cultura del Comune di Milano, Umberto Angelini sovrintendente e direttore artistico del Teatro Grande e direttore artistico Triennale Milano Teatro; Matteo Balduzzi, curatore del Mufoco, Museo di Fotografia Contemporanea di Milano-Cinisello Balsamo; Martina Angelotti, curatrice d’arte indipendente.

Pubblicitàspot_img
Pubblicitàspot_img

Ultimi articoli