Copenaghen, sparatoria in centro commerciale: non è terrorismo

E’ al momento di tre morti e di diversi feriti (alcuni in modo grave) il bilancio della sparatoria consumatasi ieri mattina (domenica) nel centro commerciale Field’s di Copenaghen.

Il capo della polizia della capitale danese ha reso noto che le vittime sono due ragazzi danesi di 17 anni e un cittadino russo di 47 anni residente in Danimarca.

A quanto si è appreso, inoltre, le forze dell’ordine hanno preso in custodia un uomo di nazionalità danese di 22 anni. “Al momento non posso fare commenti. Non posso – ha dichiarato il comandante della polizia Soren Thoassen – perché abbiamo un’inchiesta su cui lavoriamo attivamente. E’ troppo presto per commentare”.

Quanto alla politica, il premier Frederiksen – riferisce adnkronos – ha dichiarato che la Danimarca ha subito un attacco crudele e ha incoraggiato i danesi a rimanere uniti e a sostenersi a vicenda in questo momento difficile.

A proposito delle indagini, in queste ore sembra che la polizia abbia escluso la matrice terroristica: si parla infatti di un sospetto che era noto ai servizi di salute mentale della città.

Nel corso di una conferenza stampa, gli inquirenti hanno poi dichiarato anche che secondo l’indagine della polizia l’uomo che ha aperto il fuoco nel centro commerciale molto probabilmente ha agito da solo e ha selezionato le sue vittime a caso.

E’ al momento di tre morti e di diversi feriti (alcuni in modo grave) il bilancio della sparatoria consumatasi ieri mattina (domenica) nel centro commerciale Field’s di Copenaghen.

Il capo della polizia della capitale danese ha reso noto che le vittime sono due ragazzi danesi di 17 anni e un cittadino russo di 47 anni residente in Danimarca.

A quanto si è appreso, inoltre, le forze dell’ordine hanno preso in custodia un uomo di nazionalità danese di 22 anni. “Al momento non posso fare commenti. Non posso – ha dichiarato il comandante della polizia Soren Thoassen – perché abbiamo un’inchiesta su cui lavoriamo attivamente. E’ troppo presto per commentare”.

Quanto alla politica, il premier Frederiksen – riferisce adnkronos – ha dichiarato che la Danimarca ha subito un attacco crudele e ha incoraggiato i danesi a rimanere uniti e a sostenersi a vicenda in questo momento difficile.

A proposito delle indagini, in queste ore sembra che la polizia abbia escluso la matrice terroristica: si parla infatti di un sospetto che era noto ai servizi di salute mentale della città.

Nel corso di una conferenza stampa, gli inquirenti hanno poi dichiarato anche che secondo l’indagine della polizia l’uomo che ha aperto il fuoco nel centro commerciale molto probabilmente ha agito da solo e ha selezionato le sue vittime a caso.

Pubblicitàspot_img
Pubblicitàspot_img

Ultimi articoli