Da Berlusconi al Pd, tutti solidali con Sangiuliano e il Tg2

La vergognosa ridda di attacchi violenti e volgari partiti dal web contro il Tge “colpevole” di aver dedicato uno speciale alla memoria della tragedia delle Foibe è bipartisan. Dal Partito democratico e fino a Berlusconi, tutti hanno espresso la loro solidarietà al telegiornale della seconda rete Rai finita nel mirino di hater negazionisti. Filippo Sensi (Pd) ha scritto su twitter: “Solidarietà al Tg2 Rai per l’oltraggio indegno sulle foibe. La pazienza della memoria e il dovere dell’informazione unica risposta contro questa vergogna”. “Esprimo la mia solidarietà e quella di Azione al direttore del Tg2, Gennaro Sangiuliano, e a tutta la redazione del giornale per l’ignobile insulto ricevuto sotto al post che annunciava lo speciale sulle Foibe. Un gesto codardo che sfregia la memoria di chi fu ucciso e di chi fu perseguitato e costretto ad abbandonare la propria terra. Un gesto altrettanto grave e intimidatorio verso chi fa informazione raccontando una delle pagine più buie della storia d’Italia”, ha dichiarato Carlo Calenda, leader di Azione.
“Un attacco vergognoso e ignobile da parte di qualche odiatore da tastiera contro lo speciale Tg2Post sul Giorno del ricordo. Italia Viva condanna questo gesto e porge solidarietà alla redazione del Tg2 e al direttore Sangiuliano e soprattutto alle vittime delle Foibe ed ai loro famigliari per l’intollerabile tentativo di infangare la loro memoria”. Così il presidente dei senatori di Italia Viva, Davide Faraone.
“Desidero esprimere la mia solidarietà al tg2 Rai e al suo direttore, Gennaro Sangiuliano. Il nostro governo sostenne l’approvazione della legge che istituiva il ‘Giorno del Ricordo’ delle vittime delle foibe perché sentivamo forte il dovere di mantenere viva l’attenzione su una dolorosa e tragica vicenda che riguarda l’intero popolo italiano. E’ inaccettabile che qualcuno pensi di contestare la messa in onda di uno speciale che la racconta”, scrive su Twitter Silvio Berlusconi.

La vergognosa ridda di attacchi violenti e volgari partiti dal web contro il Tge “colpevole” di aver dedicato uno speciale alla memoria della tragedia delle Foibe è bipartisan. Dal Partito democratico e fino a Berlusconi, tutti hanno espresso la loro solidarietà al telegiornale della seconda rete Rai finita nel mirino di hater negazionisti. Filippo Sensi (Pd) ha scritto su twitter: “Solidarietà al Tg2 Rai per l’oltraggio indegno sulle foibe. La pazienza della memoria e il dovere dell’informazione unica risposta contro questa vergogna”. “Esprimo la mia solidarietà e quella di Azione al direttore del Tg2, Gennaro Sangiuliano, e a tutta la redazione del giornale per l’ignobile insulto ricevuto sotto al post che annunciava lo speciale sulle Foibe. Un gesto codardo che sfregia la memoria di chi fu ucciso e di chi fu perseguitato e costretto ad abbandonare la propria terra. Un gesto altrettanto grave e intimidatorio verso chi fa informazione raccontando una delle pagine più buie della storia d’Italia”, ha dichiarato Carlo Calenda, leader di Azione.
“Un attacco vergognoso e ignobile da parte di qualche odiatore da tastiera contro lo speciale Tg2Post sul Giorno del ricordo. Italia Viva condanna questo gesto e porge solidarietà alla redazione del Tg2 e al direttore Sangiuliano e soprattutto alle vittime delle Foibe ed ai loro famigliari per l’intollerabile tentativo di infangare la loro memoria”. Così il presidente dei senatori di Italia Viva, Davide Faraone.
“Desidero esprimere la mia solidarietà al tg2 Rai e al suo direttore, Gennaro Sangiuliano. Il nostro governo sostenne l’approvazione della legge che istituiva il ‘Giorno del Ricordo’ delle vittime delle foibe perché sentivamo forte il dovere di mantenere viva l’attenzione su una dolorosa e tragica vicenda che riguarda l’intero popolo italiano. E’ inaccettabile che qualcuno pensi di contestare la messa in onda di uno speciale che la racconta”, scrive su Twitter Silvio Berlusconi.

Pubblicitàspot_img
Pubblicitàspot_img

Ultimi articoli

Squalo bianco

Il lato sinistro di Giuseppi

Lega Sud

Sorpresa il partito del Nord

Il ministro Fedriga