DELEGA FISCALE, LEGA: RISPETTARE OPINIONE PARLAMENTO

Quest’oggi al termine dell’incontro al Mef tra governo e maggioranza,  i deputati della Lega Massimo Bitonci e Alberto Gusmeroli, capogruppo in commissione Bilancio e vicepresidente della commissione Finanze hanno affermato: “Prosegue il confronto con il governo sulla delega fiscale per giungere a una soluzione condivisa. E` stato deciso di fissare un ulteriore incontro oggi pomeriggio. I temi posti dalla Lega sono numerosi e complessi. Stamane abbiamo ribadito che il Parlamento è già stato esautorato delle proprie prerogative e che il parere delle commissioni parlamentari sui decreti attuativi della delega fiscale deve essere vincolante, secondo i precedenti giurisprudenziali. Abbiamo chiesto di prevedere una No tax area, dove tutti i contribuenti con redditi da lavoro dipendente, autonomo occasionale o pensione, inferiori ai 10mila euro possano scegliere se avvalersi del regime di detrazione e deduzione oppure di una tassazione a zero senza obbligo di presentazione della dichiarazione dei redditi: sarebbe una semplificazione per milioni di contribuenti”.

I deputati hanno poi aggiunto: “Abbiamo messo in discussione il sistema duale, che esiste solo nei paesi scandinavi: sarebbe demagogico inserirlo in una delega per la riforma del fisco. E` inaccettabile una tassazione unica ad aliquota proporzionale per tutte le tipologie di reddito: autonomo, di capitale, immobiliare e finanziario. Ciò perché nel nostro attuale regime esistono già diverse flat o imposte proporzionali che diversificano le varie basi imponibili e hanno dimostrato di funzionare bene. Abbiamo inoltre richiesto e ottenuto che nella delega non sia previsto l`obbligo per i contribuenti di inviare alcuna documentazione già in possesso di qualsiasi amministrazione

Quest’oggi al termine dell’incontro al Mef tra governo e maggioranza,  i deputati della Lega Massimo Bitonci e Alberto Gusmeroli, capogruppo in commissione Bilancio e vicepresidente della commissione Finanze hanno affermato: “Prosegue il confronto con il governo sulla delega fiscale per giungere a una soluzione condivisa. E` stato deciso di fissare un ulteriore incontro oggi pomeriggio. I temi posti dalla Lega sono numerosi e complessi. Stamane abbiamo ribadito che il Parlamento è già stato esautorato delle proprie prerogative e che il parere delle commissioni parlamentari sui decreti attuativi della delega fiscale deve essere vincolante, secondo i precedenti giurisprudenziali. Abbiamo chiesto di prevedere una No tax area, dove tutti i contribuenti con redditi da lavoro dipendente, autonomo occasionale o pensione, inferiori ai 10mila euro possano scegliere se avvalersi del regime di detrazione e deduzione oppure di una tassazione a zero senza obbligo di presentazione della dichiarazione dei redditi: sarebbe una semplificazione per milioni di contribuenti”.

I deputati hanno poi aggiunto: “Abbiamo messo in discussione il sistema duale, che esiste solo nei paesi scandinavi: sarebbe demagogico inserirlo in una delega per la riforma del fisco. E` inaccettabile una tassazione unica ad aliquota proporzionale per tutte le tipologie di reddito: autonomo, di capitale, immobiliare e finanziario. Ciò perché nel nostro attuale regime esistono già diverse flat o imposte proporzionali che diversificano le varie basi imponibili e hanno dimostrato di funzionare bene. Abbiamo inoltre richiesto e ottenuto che nella delega non sia previsto l`obbligo per i contribuenti di inviare alcuna documentazione già in possesso di qualsiasi amministrazione

Pubblicitàspot_img
Pubblicitàspot_img

Ultimi articoli