DI MAIO: OGNI POPOLO MERITA PACE

“Pace. È quello che ogni popolo al mondo merita: vivere nella pace e nella libertà. E lo merita anche l`Ucraina”. Si è espresso in questo modo Luigi Di Maio sul proprio profilo Facebook in seguito al discorso del leader ucraino Volodymyr Zelensky al Parlamento italiano.

Il ministro degli Esteri a aggiunto: “Davanti a un’invasione barbara, che sta seminando morte e distruzione, massimo appoggio alla resistenza del popolo ucraino, 117 sono i bambini morti finora sotto le bombe russe e come detto dal presidente Zelensky, oggi in collegamento con il nostro Parlamento, ‘ci sono morti, migliaia di feriti, decine di migliaia di famiglie distrutte, milioni di case abbandonate. Ormai seppelliamo i morti nelle fosse comuni nei parchi. 117 non è il numero finale, la guerra continua, i missili russi non smettono di uccidere'”.

Il capo della Farnesina ha concluso: “Questo conflitto sanguinoso e assurdo è alle porte d’Europa, e noi stiamo dando tutto il nostro sostegno al popolo ucraino, che difende il proprio Paese con coraggio e dignità. Ma difende anche noi: resistendo ai confini dell`Unione Europea, resiste per ogni singolo Stato che ne fa parte”, ha insistito Di Maio. “Ogni nostra azione ha come obiettivo finale una soluzione di pace, è il nostro impegno e continuiamo a lavorare con determinazione”.

“Pace. È quello che ogni popolo al mondo merita: vivere nella pace e nella libertà. E lo merita anche l`Ucraina”. Si è espresso in questo modo Luigi Di Maio sul proprio profilo Facebook in seguito al discorso del leader ucraino Volodymyr Zelensky al Parlamento italiano.

Il ministro degli Esteri a aggiunto: “Davanti a un’invasione barbara, che sta seminando morte e distruzione, massimo appoggio alla resistenza del popolo ucraino, 117 sono i bambini morti finora sotto le bombe russe e come detto dal presidente Zelensky, oggi in collegamento con il nostro Parlamento, ‘ci sono morti, migliaia di feriti, decine di migliaia di famiglie distrutte, milioni di case abbandonate. Ormai seppelliamo i morti nelle fosse comuni nei parchi. 117 non è il numero finale, la guerra continua, i missili russi non smettono di uccidere'”.

Il capo della Farnesina ha concluso: “Questo conflitto sanguinoso e assurdo è alle porte d’Europa, e noi stiamo dando tutto il nostro sostegno al popolo ucraino, che difende il proprio Paese con coraggio e dignità. Ma difende anche noi: resistendo ai confini dell`Unione Europea, resiste per ogni singolo Stato che ne fa parte”, ha insistito Di Maio. “Ogni nostra azione ha come obiettivo finale una soluzione di pace, è il nostro impegno e continuiamo a lavorare con determinazione”.

Pubblicitàspot_img
Pubblicitàspot_img

Ultimi articoli