DNA, PARLAMENTARI M5S: MANCATA NOMINA GRATTERI OCCASIONE PERSA

“La mancata nomina del Procuratore di Catanzaro Nicola Gratteri a Procuratore Nazionale Antimafia è senza ombra di dubbio un`occasione persa non solo per la Calabria ma per l`intero Paese”. Queste le dichiarazioni da parte di Auddino, Orrico e Tucci, parlamentari calabresi del Movimento 5 Stelle.

“Il Procuratore Gratteri è sicuramente uno tra i più validi magistrati antimafia che l`Italia abbia avuto ed attualmente il punto di riferimento nella lotta alla criminalità organizzata. Il suo instancabile e coraggioso impegno al servizio dello Stato ha prodotto risultati eccezionali nella lotta alla `ndrangheta: enormi quantitativi di stupefacenti sequestrati e arresti che hanno portato a considerevoli condanne. Un lavoro importante che si sta rivelando prezioso per il futuro della Calabria e per la lotta nazionale alle mafie. Ecco perché Gratteri meritava di salire alla guida della DNA; francamente la decisione del Csm in merito alla sua mancata nomina ci appare alquanto incomprensibile. La nomina di Gratteri era una scelta così logica e di buon senso da sembrare quasi scontata; ci dispiace dover constatare come l`organo di autogoverno della magistratura abbia evidentemente fatto considerazioni diverse optando per una scelta differente che sinceramente non comprendiamo” hanno terminato gli esponenti pentastellati.

“La mancata nomina del Procuratore di Catanzaro Nicola Gratteri a Procuratore Nazionale Antimafia è senza ombra di dubbio un`occasione persa non solo per la Calabria ma per l`intero Paese”. Queste le dichiarazioni da parte di Auddino, Orrico e Tucci, parlamentari calabresi del Movimento 5 Stelle.

“Il Procuratore Gratteri è sicuramente uno tra i più validi magistrati antimafia che l`Italia abbia avuto ed attualmente il punto di riferimento nella lotta alla criminalità organizzata. Il suo instancabile e coraggioso impegno al servizio dello Stato ha prodotto risultati eccezionali nella lotta alla `ndrangheta: enormi quantitativi di stupefacenti sequestrati e arresti che hanno portato a considerevoli condanne. Un lavoro importante che si sta rivelando prezioso per il futuro della Calabria e per la lotta nazionale alle mafie. Ecco perché Gratteri meritava di salire alla guida della DNA; francamente la decisione del Csm in merito alla sua mancata nomina ci appare alquanto incomprensibile. La nomina di Gratteri era una scelta così logica e di buon senso da sembrare quasi scontata; ci dispiace dover constatare come l`organo di autogoverno della magistratura abbia evidentemente fatto considerazioni diverse optando per una scelta differente che sinceramente non comprendiamo” hanno terminato gli esponenti pentastellati.

Pubblicitàspot_img
Pubblicitàspot_img

Ultimi articoli