Dolomiti, trovato morto il turista spagnolo disperso

E’ stato purtroppo trovato morto il turista spagnolo di cui era stata denunciata la scomparsa ieri. L’uomo, trent’anni, si trovava in vacanza sulle Dolomiti per un’escursione. A dare l’allarme era stato il fratello, che aspettava a casa Javier (questo il nome dell’uomo) di ritorno dal suo viaggio in Italia.

Le ricerche, immediatamente partite, si erano concentrate nell’Alta via Numero Uno. L’uomo – riferisce il Gazzettino – era arrivato da Londra per la traversata dolomitica che stava percorrendo in solitaria. Prima che se ne perdessero le tracce aveva trascorso una notte al Rifugio Pramperet e da lì si era allontanato intorno alle 7 del mattino diretto a Belluno, dove aveva prenotato una stanza in albergo, dove però non si è mai presentato.

Alle ricerche hanno partecipato, oltre a protezione civile, vigili del fuoco e forze dell’ordine, soccorritori del soccorso alpino di Belluno, Agordo e Longarone, con mezzi aerei e unità cinofile.

Il corpo è stato individuato in un canalone nell’Agordino, sopra La Valle, da un elicottero della Protezione civile della Regione Veneto che stava perlustrando la zona.

Stando alle ricostruzioni dell’accaduto, Javier sembra abbia preso un sentiero sbagliato. E, lungo la Costa del Barancion, è scivolato precipitando per una cinquantina di metri. Dopo il nulla osta della magistratura per la rimozione – riferisce Il Dolomiti – la salma del giovane è stata recuperata.

E’ stato purtroppo trovato morto il turista spagnolo di cui era stata denunciata la scomparsa ieri. L’uomo, trent’anni, si trovava in vacanza sulle Dolomiti per un’escursione. A dare l’allarme era stato il fratello, che aspettava a casa Javier (questo il nome dell’uomo) di ritorno dal suo viaggio in Italia.

Le ricerche, immediatamente partite, si erano concentrate nell’Alta via Numero Uno. L’uomo – riferisce il Gazzettino – era arrivato da Londra per la traversata dolomitica che stava percorrendo in solitaria. Prima che se ne perdessero le tracce aveva trascorso una notte al Rifugio Pramperet e da lì si era allontanato intorno alle 7 del mattino diretto a Belluno, dove aveva prenotato una stanza in albergo, dove però non si è mai presentato.

Alle ricerche hanno partecipato, oltre a protezione civile, vigili del fuoco e forze dell’ordine, soccorritori del soccorso alpino di Belluno, Agordo e Longarone, con mezzi aerei e unità cinofile.

Il corpo è stato individuato in un canalone nell’Agordino, sopra La Valle, da un elicottero della Protezione civile della Regione Veneto che stava perlustrando la zona.

Stando alle ricostruzioni dell’accaduto, Javier sembra abbia preso un sentiero sbagliato. E, lungo la Costa del Barancion, è scivolato precipitando per una cinquantina di metri. Dopo il nulla osta della magistratura per la rimozione – riferisce Il Dolomiti – la salma del giovane è stata recuperata.

Pubblicitàspot_img
Pubblicitàspot_img

Ultimi articoli