Elezioni, D’Alfonso (Pd): Italia più giusta, aperta e produttiva

 

Luciano D`Alfonso, presidente della Commissione Finanze e Tesoro, ha quest’oggi dichiarato: “L`accordo per il futuro dell`Italia definito da Enrico Letta e da Calenda rafforza l`offerta politica della coalizione che prende impegni per mantenerli con serietà. L`agenda degli impegni nazionali per la ripresa economica ha necessità di riforme coraggiose, capaci di recuperare il divario infrastrutturale e normativo a favore dei progetti di vita di persone, imprese e territori. Abbiamo importanti risorse economiche di derivazione europea, avevamo messo in cantiere innovazioni normative fondamentali, adesso serve una classe dirigente nazionale concentrata per raggiungere gli obiettivi della transizione della nostra economia, ponendosi il problema dei redditi da lavoro da liberare rispetto al cuneo fiscale, la questione della sostenibilità energetica delle nostre imprese, le priorità dell`agenda urbana per la qualità della vita delle nostre città. Una coalizione politica costruita sulla serietà può assumere impegni e mantenerli, anche assicurando semplicità e facilità nella vita delle imprese e delle cento città italiane. Un’Italia più giusta, aperta e produttiva ora è possibile se sapremo spiegare le nostre ragioni agli Italiani”.

 

Luciano D`Alfonso, presidente della Commissione Finanze e Tesoro, ha quest’oggi dichiarato: “L`accordo per il futuro dell`Italia definito da Enrico Letta e da Calenda rafforza l`offerta politica della coalizione che prende impegni per mantenerli con serietà. L`agenda degli impegni nazionali per la ripresa economica ha necessità di riforme coraggiose, capaci di recuperare il divario infrastrutturale e normativo a favore dei progetti di vita di persone, imprese e territori. Abbiamo importanti risorse economiche di derivazione europea, avevamo messo in cantiere innovazioni normative fondamentali, adesso serve una classe dirigente nazionale concentrata per raggiungere gli obiettivi della transizione della nostra economia, ponendosi il problema dei redditi da lavoro da liberare rispetto al cuneo fiscale, la questione della sostenibilità energetica delle nostre imprese, le priorità dell`agenda urbana per la qualità della vita delle nostre città. Una coalizione politica costruita sulla serietà può assumere impegni e mantenerli, anche assicurando semplicità e facilità nella vita delle imprese e delle cento città italiane. Un’Italia più giusta, aperta e produttiva ora è possibile se sapremo spiegare le nostre ragioni agli Italiani”.

Pubblicitàspot_img
Pubblicitàspot_img

Ultimi articoli