ENERGIA, LANDINI: SERVONO PROVVEDIMENTI URGENTI

“Il Governo ci deve convocare urgentemente.  È necessario trovare subito soluzioni sul caro energia e sui beni di prima necessità e bisogna farlo coinvolgendo le organizzazioni sindacali”. Queste alcune delle parole pronunciate oggi dal segretario generale della Cgil, Maurizio Landini, nell`assemblea generale della confederazione.

Landini ha poi aggiunto: “I lavoratori stanno pagando un prezzo troppo alto per una situazione che la guerra e la fase che stiamo vivendo ha ulteriormente aggravato. Gli interventi sul fisco varati dal Governo, come avevamo ampiamente previsto e denunciato, non hanno apportato alcun vantaggio per il mondo del lavoro. La situazione non è più sostenibile, quindi deve essere subito convocato un tavolo di confronto con il governo per trovare le soluzioni necessarie per affrontare la fase che stiamo attraversando”.

Il segretario generale della Cgil conclude: “soluzioni che nell`immediato possano andare dall’azzeramento dell’Iva sui beni di consumo più diffusi, al taglio delle accise sui carburanti, fino alla tassazione degli extra profitti delle imprese energetiche. Alla luce di quello che stiamo vivendo, inoltre, servono più che mai nuove politiche economico sociali e un intervento sul fisco a favore dei redditi più bassi”.

“Il Governo ci deve convocare urgentemente.  È necessario trovare subito soluzioni sul caro energia e sui beni di prima necessità e bisogna farlo coinvolgendo le organizzazioni sindacali”. Queste alcune delle parole pronunciate oggi dal segretario generale della Cgil, Maurizio Landini, nell`assemblea generale della confederazione.

Landini ha poi aggiunto: “I lavoratori stanno pagando un prezzo troppo alto per una situazione che la guerra e la fase che stiamo vivendo ha ulteriormente aggravato. Gli interventi sul fisco varati dal Governo, come avevamo ampiamente previsto e denunciato, non hanno apportato alcun vantaggio per il mondo del lavoro. La situazione non è più sostenibile, quindi deve essere subito convocato un tavolo di confronto con il governo per trovare le soluzioni necessarie per affrontare la fase che stiamo attraversando”.

Il segretario generale della Cgil conclude: “soluzioni che nell`immediato possano andare dall’azzeramento dell’Iva sui beni di consumo più diffusi, al taglio delle accise sui carburanti, fino alla tassazione degli extra profitti delle imprese energetiche. Alla luce di quello che stiamo vivendo, inoltre, servono più che mai nuove politiche economico sociali e un intervento sul fisco a favore dei redditi più bassi”.

Pubblicitàspot_img
Pubblicitàspot_img

Ultimi articoli