Energia, Prysmian sceglie la sostenibilità per i suoi cavi

Una delle problematiche più avvertite nel settore dell’innovazione per i sistemi in cavo per l’energia e le telecomunicazioni è quella dell’impatto ambientale. Prysmian Group, leader mondiale nel comparto, ha da tempo intensificato il settore della ricerca per assicurare sostenibilità alla produzione di cavi. Ora, ha ampliato la gamma di minicavi Sirocco Extreme includendo un cavo a 576 fibre. Questa tipologia offre diametri e densità di fibre record per la gamma dei minicavi soffiati, con 576 fibre e un diametro di 8,2 mm, che assicurano una densità di fibre di 10,9 fibre per mm2 e sono installabili anche in un condotto da 10 mm.

“I cavi in fibra ottica insensibili alla piegatura sono una parte cruciale del passaggio del mondo verso una connettività flessibile e affidabile – spiega Ian Griffiths, direttore R&D Telecom Business di Prysmian Group -. Con il loro numero estremo di fibre e il diametro ridotto, i minicavi

Sirocco Extreme rendono le installazioni più veloci, economiche e di minore impatto ambientale”.

Con questi cavi, si fa notare nel Gruppo – si continua a far leva sulle proprie conoscenze e capacità globali per rispondere alle sfide tecnologiche in continua crescita che i propri clienti devono affrontare. In questa ottica, i miglioramenti dei prodotti sono una tappa dell’impegno sulla strada delle risposte alle esigenze in continua evoluzione del mercato e per offrire una soluzione scalabile, future-proof, ad alta densità, fisicamente compatta e facilmente implementabile.

La strada della sostenibilità per Prysmian è fatta anche di altre tappe. Il lancio della label Eco cable, per esempio, che è la prima etichetta brevettata nell’industria dei cavi che permette alle utility e ai distributori di rendere le loro supply chain e value proposition ancora più “green”, combinabile con altri protocolli di certificazione della sostenibilità come la EPD (Environmental Product Declaration) e la EU Ecolabel (il marchio di eccellenza ambientale per prodotti e servizi che rispettano standard ambientali elevati durante tutto il loro ciclo di vita). O le iniziative per l’azzeramento delle emissioni nette di CO2 grazie al metodo di “Design to Sustainability” completamente automatizzato che misurerà la valutazione della Carbon Footprint per l’85% di tutte le famiglie di prodotti in cavo entro il 2022. O ancora Alesea, la soluzione IoT per gestire modelli smart per le forniture in cavo. E P-Laser, il cavo 100% riciclabile ed ecosostenibile impiegato nelle applicazioni HVDC per progetti “low carbon” e la PRY-CAM, che monitora il funzionamento e l’efficienza dei sistemi elettrici.

Una delle problematiche più avvertite nel settore dell’innovazione per i sistemi in cavo per l’energia e le telecomunicazioni è quella dell’impatto ambientale. Prysmian Group, leader mondiale nel comparto, ha da tempo intensificato il settore della ricerca per assicurare sostenibilità alla produzione di cavi. Ora, ha ampliato la gamma di minicavi Sirocco Extreme includendo un cavo a 576 fibre. Questa tipologia offre diametri e densità di fibre record per la gamma dei minicavi soffiati, con 576 fibre e un diametro di 8,2 mm, che assicurano una densità di fibre di 10,9 fibre per mm2 e sono installabili anche in un condotto da 10 mm.

“I cavi in fibra ottica insensibili alla piegatura sono una parte cruciale del passaggio del mondo verso una connettività flessibile e affidabile – spiega Ian Griffiths, direttore R&D Telecom Business di Prysmian Group -. Con il loro numero estremo di fibre e il diametro ridotto, i minicavi

Sirocco Extreme rendono le installazioni più veloci, economiche e di minore impatto ambientale”.

Con questi cavi, si fa notare nel Gruppo – si continua a far leva sulle proprie conoscenze e capacità globali per rispondere alle sfide tecnologiche in continua crescita che i propri clienti devono affrontare. In questa ottica, i miglioramenti dei prodotti sono una tappa dell’impegno sulla strada delle risposte alle esigenze in continua evoluzione del mercato e per offrire una soluzione scalabile, future-proof, ad alta densità, fisicamente compatta e facilmente implementabile.

La strada della sostenibilità per Prysmian è fatta anche di altre tappe. Il lancio della label Eco cable, per esempio, che è la prima etichetta brevettata nell’industria dei cavi che permette alle utility e ai distributori di rendere le loro supply chain e value proposition ancora più “green”, combinabile con altri protocolli di certificazione della sostenibilità come la EPD (Environmental Product Declaration) e la EU Ecolabel (il marchio di eccellenza ambientale per prodotti e servizi che rispettano standard ambientali elevati durante tutto il loro ciclo di vita). O le iniziative per l’azzeramento delle emissioni nette di CO2 grazie al metodo di “Design to Sustainability” completamente automatizzato che misurerà la valutazione della Carbon Footprint per l’85% di tutte le famiglie di prodotti in cavo entro il 2022. O ancora Alesea, la soluzione IoT per gestire modelli smart per le forniture in cavo. E P-Laser, il cavo 100% riciclabile ed ecosostenibile impiegato nelle applicazioni HVDC per progetti “low carbon” e la PRY-CAM, che monitora il funzionamento e l’efficienza dei sistemi elettrici.

Pubblicitàspot_img
Pubblicitàspot_img

Ultimi articoli