Femminicidi, due donne uccise in pochi giorni

Le vittime avevano 42 e 35 anni. L’arma del delitto è in entrambi i casi una pistola e gli assassini risultano essere già stati identificati

Si allunga l’elenco delle vittime di femminicidio. Due i casi recentemente verificatisi: il primo, domenica a Sarzana; il secondo nelle scorse ore a Vicenza. Quest’ultimo crimine è stato commesso in strada, dove la vittima, una donna di 42 anni di origine serba, è stata raggiunta da alcuni colpi di pistola mentre, dopo aver accompagnato a scuola i due figli, era appena risalita in auto. Sembra che a sparare sia stato il suo ex marito, che ora sarebbe in fuga.

Sul posto sono immediatamente intervenuti la polizia e il pubblico ministero di turno, che sta coordinando le ricerche del sospettato. Essendo l’uomo armato e pericoloso, il magistrato ha chiesto l’intervento di elicotteri e reparti speciali.

Quanto invece al primo omicidio, quello di Sarzana, ad uccidere con due colpi di pistola alla testa Nevile Pietri, la trentacinquenne di origini albanesi da anni residente in Italia, potrebbe essere stato un artigiano carrarese di 32 anni. I carabinieri del nucleo investigativo di La Spezia, infatti, lo hanno a lungo interrogato e pare proprio in seguito a tale audizione, l’uomo sia stato formalmente indagato per omicidio volontario. In proposito in una nota ufficiale degli uomini dell’Arma che si stanno occupando del caso si legge che “il provvedimento è arrivato a conclusione dei riscontri raccolti nel corso delle prime indagini”.

Nel frattempo l’indagato, che risulta avere precedenti per reati contro il patrimonio, rapina e reati legati alla droga, per bocca del suo legale di fiducia si dichiara “completamente estraneo ai fatti” anche se a dire degli inquirenti sul suo conto sarebbero stati raccolti “numerosi gravi indizi”.

Il corpo di Nevile Pietri era stato rinvenuto nelle prime ore di domenica lungo il greto del torrente Parmignola, a Marinella di Sarzana. Assai probabile, a quanto si è appreso, il collegamento con il mondo della prostituzione.

Sempre in tema di femminicidi, proprio oggi è arrivata la notizia della condanna a sei anni di reclusione per morte come conseguenza di un altro reato, lesioni e stalking per Marco Venturi, fidanzato della stilista Carlotta Benusiglio. La donna era stata trovata cadavere la notte del 31 maggio 2016 a Milano.

Le vittime avevano 42 e 35 anni. L’arma del delitto è in entrambi i casi una pistola e gli assassini risultano essere già stati identificati

Si allunga l’elenco delle vittime di femminicidio. Due i casi recentemente verificatisi: il primo, domenica a Sarzana; il secondo nelle scorse ore a Vicenza. Quest’ultimo crimine è stato commesso in strada, dove la vittima, una donna di 42 anni di origine serba, è stata raggiunta da alcuni colpi di pistola mentre, dopo aver accompagnato a scuola i due figli, era appena risalita in auto. Sembra che a sparare sia stato il suo ex marito, che ora sarebbe in fuga.

Sul posto sono immediatamente intervenuti la polizia e il pubblico ministero di turno, che sta coordinando le ricerche del sospettato. Essendo l’uomo armato e pericoloso, il magistrato ha chiesto l’intervento di elicotteri e reparti speciali.

Quanto invece al primo omicidio, quello di Sarzana, ad uccidere con due colpi di pistola alla testa Nevile Pietri, la trentacinquenne di origini albanesi da anni residente in Italia, potrebbe essere stato un artigiano carrarese di 32 anni. I carabinieri del nucleo investigativo di La Spezia, infatti, lo hanno a lungo interrogato e pare proprio in seguito a tale audizione, l’uomo sia stato formalmente indagato per omicidio volontario. In proposito in una nota ufficiale degli uomini dell’Arma che si stanno occupando del caso si legge che “il provvedimento è arrivato a conclusione dei riscontri raccolti nel corso delle prime indagini”.

Nel frattempo l’indagato, che risulta avere precedenti per reati contro il patrimonio, rapina e reati legati alla droga, per bocca del suo legale di fiducia si dichiara “completamente estraneo ai fatti” anche se a dire degli inquirenti sul suo conto sarebbero stati raccolti “numerosi gravi indizi”.

Il corpo di Nevile Pietri era stato rinvenuto nelle prime ore di domenica lungo il greto del torrente Parmignola, a Marinella di Sarzana. Assai probabile, a quanto si è appreso, il collegamento con il mondo della prostituzione.

Sempre in tema di femminicidi, proprio oggi è arrivata la notizia della condanna a sei anni di reclusione per morte come conseguenza di un altro reato, lesioni e stalking per Marco Venturi, fidanzato della stilista Carlotta Benusiglio. La donna era stata trovata cadavere la notte del 31 maggio 2016 a Milano.

Pubblicitàspot_img
Pubblicitàspot_img

Ultimi articoli