Esteri

FOLLIA BAKHMUT

di Ernesto Ferrante -


Proseguono in maniera sempre più intensa e violenta i combattimenti a Bakhmut. Gli uomini della Wagner controllano oltre il 40% della città e continuano ad avanzare verso il centro da nord, sud e da est. Sui canali Telegram riconducibili alla PMC russa è apparso un video in cui gli uomini di Prigozhin hanno issato la loro bandiera sul T-34 in via Gorkov. In altri filmati pubblicati dal canale Russia1 si vede un attacco russo ad una colonna militare ucraina intenta a scappare. Ormai anche le ultime strade di campagna utilizzate dai militari di Kiev si trovano sotto il tiro dell’artiglieria nemica.
Il suo accerchiamento sempre più evidente, oltre ad essere un problema dal punto di vista militare, lo sta diventando anche da quello politico. Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky, si ostina a voler difendere ad ogni costo il centro orientale, mentre i vertici della Difesa, viste le grandi perdite, ritengono più razionale un ripiegamento su una linea del fronte più semplice da gestire.
A poco è servito il comunicato apparso nel pomeriggio sul suo sito ufficiale, volto a dimostrare unità di intenti. “Valutando il corso dell’operazione di difesa, si legge sul portale, il presidente ha interpellato il comandante in capo delle Forze Armate Valery Zaluzhny e il comandante del gruppo operativo e strategico delle truppe “Khortytsa” Alexander Syrsky in merito alle misure da intraprendere in direzione di Bakhmut. Essi si sono espressi a favore del proseguimento dell’operazione di difesa e dell’ulteriore rafforzamento della nostra posizione a Bakhmut”. Zelensky ha recentemente liquidato due figure dirigenziali dell’SBU e annunciato l’invio di nuovi rinforzi per non perdere quello che gli Usa hanno definito un luogo più “simbolico che strategico”.
Il Consiglio dei ministri ucraino ha approvato un meccanismo di evacuazione forzata dei bambini dalle zone di combattimento attivo. Lo ha riferito Ukrainska Pravda, spiegando che al momento i criteri stabiliti si applicano solo alla città di Bakhmut. I minori che dovranno essere evacuati saranno accompagnati da un genitore o un tutore. “E’ dovere del governo proteggere la vita e la salute dei minori”, ha detto la vice premier Iryna Vereshchuk, sottolineando che “se gli adulti non sono in grado di occuparsi della sicurezza dei minori, lo deve fare il governo”.
La Bielorussia ha reso noto l’arresto di oltre 20 persone per un sabotaggio compiuto contro un aereo militare russo A-50 nella base militare di Machulishchi, vicino a Minsk. Lo scorso mese, attivisti anti-governativi bielorussi avevano rivendicato di aver fatto esplodere un sofisticato velivolo da ricognizione con un attacco con i droni ad uno scalo nei pressi della capitale. La ricostruzione non aveva convinto russi e bielorussi.
Il presidente bielorusso Aleksandr Lukashenko ha chiamato in causa Volodymyr Zelensky, dandogli del bastardo. “C’è solo una conclusione. Pensavo che l’Ucraina avesse bisogno di pace e che Zelensky facesse il tifo per il suo popolo. Ma Zelensky è solo un bastardo. Queste operazioni non possono essere portate avanti senza l’approvazione del leader del paese”, ha accusato Lukashenko, rivelando che il presunto responsabile dell’attacco ha un passaporto russo e uno ucraino ed è stato addestrato dai servizi ucraini per perpetrare “attacchi terroristici”.


Torna alle notizie in home

Le ultime news


Anticipata con una presentazione allo spazio cultura di Borgo San Mauro parte oggi la 37° edizione dell'Aurisina Cup con moltissime novità. Fino a sabato 22 giugno presso il Complesso Sportivo di Visogliano prenderà il via la tanto attesa 37° edizione dell'Aurisina Cup Trofeo Andrea Miorin, organizzata e promossa dal GRUPPO CULTURALE E SPORTIVO AJSER 2000 con il contributo del Comune di Duino Aurisina Občina Devin Nabrežina, dellaZKB Trieste Gorizia, dalla Finzicarta Sas
19 Giu 2024