GIORNALISTI: DAL 1 LUGLIO 2022 L’INPGI PASSA ALL’INPS

Inpgi addio tra poco meno di un anno. L’Istituto Nazionale di Previdenza dei Giornalisti Italiani dal 1 luglio 2022 passera’ infatti , facendo salvo quanto maturato al 30 giugno dello stesso anno, all’Inps. E’ quanto prevede la legge di Bilancio per il 2022. ”In particolare – si legge nella manovra – per gli assicurati presso la gestione sostitutiva dell’ Inpgi, l’importo della pensione è determinato dalla somma: a) delle quote di pensione corrispondenti alle anzianità contributive acquisite fino al 30 giugno 2022 calcolate applicando le disposizioni vigenti presso l’Inpgi; b) della quota di pensione corrispondente alle anzianità contributive acquisite a decorrere dal 1 luglio 2022, applicando le disposizioni vigenti nel Fondo pensioni lavoratori dipendenti”. Piu’ in particolare, per coloro andati in quiescenza dopo il 31 dicembre 2016, il trattamento pensionistico verra’ calcolato esclusivamente con il sistema contributivo. Per quanto riguarda i soggetti già assicurati con Inpgi che abbiano maturato i requisiti per i pensionamento entro il 30 giugno 2022 conseguono il diritto alla prestazione pensionistica secondo la medesima normativa. A decorrere dal 1° luglio 2022 e fino al 31 dicembre 2023, i trattamenti di disoccupazione e di cassa integrazione guadagni sono riconosciuti ai giornalisti aventi diritto secondo le regole previste dall’ Inpgi alla data del 30 giugno 2022. A decorrere dal 1° luglio 2022 e fino al 31 dicembre 2023 l’assicurazione infortuni continua a essere gestita secondo le regole previste dalla normativa regolamentare vigente presso l’ Inpgi alla data del 30 giugno 2022. A decorrere dal 1° gennaio 2024 si applica la disciplina prevista per la generalità dei lavoratori iscritti al Fondo pensioni lavoratori dipendenti. Per garantire la continuità delle funzioni il ddl prevede inoltre che un contingente di personale non superiore a 100 lavoratori, selezionati nell’ambito dei dipendenti a tempo indeterminato in servizio al 31 dicembre 2021, attraverso una procedura di selezione finalizzata all’accertamento dell’idoneità del profilo professionale di destinazione, nonché alla valutazione delle capacità in ordine alle funzioni da svolgere, sia inquadrato presso l’Inps mentre l’Inpgi2 continuera’ a svolgere regolarmente le sue funzioni. Sarà anche integrato il Consiglio di indirizzo e vigilanza dell’Inps con due membri designati in rappresentanza delle organizzazioni sindacali maggiormente rappresentative della categoria di giornalisti.

red/rf

Inpgi addio tra poco meno di un anno. L’Istituto Nazionale di Previdenza dei Giornalisti Italiani dal 1 luglio 2022 passera’ infatti , facendo salvo quanto maturato al 30 giugno dello stesso anno, all’Inps. E’ quanto prevede la legge di Bilancio per il 2022. ”In particolare – si legge nella manovra – per gli assicurati presso la gestione sostitutiva dell’ Inpgi, l’importo della pensione è determinato dalla somma: a) delle quote di pensione corrispondenti alle anzianità contributive acquisite fino al 30 giugno 2022 calcolate applicando le disposizioni vigenti presso l’Inpgi; b) della quota di pensione corrispondente alle anzianità contributive acquisite a decorrere dal 1 luglio 2022, applicando le disposizioni vigenti nel Fondo pensioni lavoratori dipendenti”. Piu’ in particolare, per coloro andati in quiescenza dopo il 31 dicembre 2016, il trattamento pensionistico verra’ calcolato esclusivamente con il sistema contributivo. Per quanto riguarda i soggetti già assicurati con Inpgi che abbiano maturato i requisiti per i pensionamento entro il 30 giugno 2022 conseguono il diritto alla prestazione pensionistica secondo la medesima normativa. A decorrere dal 1° luglio 2022 e fino al 31 dicembre 2023, i trattamenti di disoccupazione e di cassa integrazione guadagni sono riconosciuti ai giornalisti aventi diritto secondo le regole previste dall’ Inpgi alla data del 30 giugno 2022. A decorrere dal 1° luglio 2022 e fino al 31 dicembre 2023 l’assicurazione infortuni continua a essere gestita secondo le regole previste dalla normativa regolamentare vigente presso l’ Inpgi alla data del 30 giugno 2022. A decorrere dal 1° gennaio 2024 si applica la disciplina prevista per la generalità dei lavoratori iscritti al Fondo pensioni lavoratori dipendenti. Per garantire la continuità delle funzioni il ddl prevede inoltre che un contingente di personale non superiore a 100 lavoratori, selezionati nell’ambito dei dipendenti a tempo indeterminato in servizio al 31 dicembre 2021, attraverso una procedura di selezione finalizzata all’accertamento dell’idoneità del profilo professionale di destinazione, nonché alla valutazione delle capacità in ordine alle funzioni da svolgere, sia inquadrato presso l’Inps mentre l’Inpgi2 continuera’ a svolgere regolarmente le sue funzioni. Sarà anche integrato il Consiglio di indirizzo e vigilanza dell’Inps con due membri designati in rappresentanza delle organizzazioni sindacali maggiormente rappresentative della categoria di giornalisti.

red/rf

Pubblicitàspot_img
Pubblicitàspot_img

Ultimi articoli