Il Governo si scorda del no profit nella manovra, la denuncia del Forum del Terzo Settore

No profit dimenticato nella manovra del Governo: questa la denuncia che arriva dal Forum del Terzo settore. “Questa Legge di Bilancio, nei fatti, dimentica un intero comparto socio-economico: il Terzo settore. Perfino i sostegni contro i rincari energetici, che sappiamo tutti essere fondamentali in questo momento, sono distribuiti alle varie categorie eccetto che ad associazioni e organizzazioni di volontariato. E’ una lacuna molto grave: ci appelliamo ancora una volta a Governo e Parlamento affinchè sia colmata” dice la portavoce Vanessa Pallucchi.

“Chi offre servizi agli anziani, gestisce centri culturali o svolge attività di educazione e socializzazione per i bambini e  paga le bollette esattamente come tutte le altre imprese o famiglie: perché il trattamento è diverso? Senza aiuti al Terzo settore – denuncia Pallucchi – si vanno a penalizzare quelle realtà che rappresentano il collante di solidarietà che tiene coeso il nostro Paese e intervengono soprattutto laddove c’è maggiore bisogno di risposta sociale. Le conseguenze saranno pesanti, comprese inevitabili chiusure di attività e riduzioni di servizi che ad oggi solo il Terzo settore riesce a svolgere: si rimedi per il bene delle nostre comunità”.

No profit dimenticato nella manovra del Governo: questa la denuncia che arriva dal Forum del Terzo settore. “Questa Legge di Bilancio, nei fatti, dimentica un intero comparto socio-economico: il Terzo settore. Perfino i sostegni contro i rincari energetici, che sappiamo tutti essere fondamentali in questo momento, sono distribuiti alle varie categorie eccetto che ad associazioni e organizzazioni di volontariato. E’ una lacuna molto grave: ci appelliamo ancora una volta a Governo e Parlamento affinchè sia colmata” dice la portavoce Vanessa Pallucchi.

“Chi offre servizi agli anziani, gestisce centri culturali o svolge attività di educazione e socializzazione per i bambini e  paga le bollette esattamente come tutte le altre imprese o famiglie: perché il trattamento è diverso? Senza aiuti al Terzo settore – denuncia Pallucchi – si vanno a penalizzare quelle realtà che rappresentano il collante di solidarietà che tiene coeso il nostro Paese e intervengono soprattutto laddove c’è maggiore bisogno di risposta sociale. Le conseguenze saranno pesanti, comprese inevitabili chiusure di attività e riduzioni di servizi che ad oggi solo il Terzo settore riesce a svolgere: si rimedi per il bene delle nostre comunità”.

Pubblicitàspot_img
Pubblicitàspot_img

Ultimi articoli