Imprese, Bombardieri: sostegni pubblici alle imprese solo a delle condizioni

“Gli aiuti pubblici alle imprese siano condizionati, come accade in altri Paesi. Gli aiuti alle imprese “vanno bene, perché senza le imprese non c’è lavoro. Ma condizioniamoli. In tutto il mondo si chiede alle aziende di dare conto degli aiuti”. Questo il pensiero di Pierpaolo Bombardieri, segretario generale della Uil, espresso al congresso della Uilca. Secondo Bombardieri,
I sostegni devono però essere subordinati al rispetto dei contratti, alle norme sulla sicurezza e al mantenimento degli insediamenti produttivi. “Se sei un’azienda che delocalizza, se scappi dal Paese, se non rispetti le norme sulla sicurezza io gli aiuti te li tolgo”, ha aggiunto.
Bombardieri ha infine sottolineato la posizione della Uil in merito ai bonus: “siamo per gli interventi strutturali”, ha dichiarato, suggerendo tra le altre cose di “tassare la speculazione finanziaria, che è pari al 22% del Pil del mondo”.

“Gli aiuti pubblici alle imprese siano condizionati, come accade in altri Paesi. Gli aiuti alle imprese “vanno bene, perché senza le imprese non c’è lavoro. Ma condizioniamoli. In tutto il mondo si chiede alle aziende di dare conto degli aiuti”. Questo il pensiero di Pierpaolo Bombardieri, segretario generale della Uil, espresso al congresso della Uilca. Secondo Bombardieri,
I sostegni devono però essere subordinati al rispetto dei contratti, alle norme sulla sicurezza e al mantenimento degli insediamenti produttivi. “Se sei un’azienda che delocalizza, se scappi dal Paese, se non rispetti le norme sulla sicurezza io gli aiuti te li tolgo”, ha aggiunto.
Bombardieri ha infine sottolineato la posizione della Uil in merito ai bonus: “siamo per gli interventi strutturali”, ha dichiarato, suggerendo tra le altre cose di “tassare la speculazione finanziaria, che è pari al 22% del Pil del mondo”.

Pubblicitàspot_img
Pubblicitàspot_img

Ultimi articoli