Italia Viva in piazza per Draghi… in posa davanti Louis Vuitton. Si scatena la reazione dei social

Italia Viva nelle piazze di tutta Italia per chiedere a Draghi di restare. A Roma, in piazza San Lorenzo in Lucina, i sostenitori del partito dell’ex premier e segretario Pd Matteo Renzi hanno posato con i loro cartelli davanti alle vetrine di Louis Vuitton. Oltre a “Avanti con Draghi”, tra i cartelli spicca “Draghi statista, Conte stagista”.

Immediata la reazione del popolo dei social. Chi ha preso in giro i renziani per aver scelto una griffe dell’alta moda come sfondo – come a sottolineare che loro sarebbero “per i ricchi e non per il popolo” -, chi da stagista si è sentito insultato e ha ricordato che purtroppo l’Italia oggi è un Paese fondato sui lavoratori precari. Per non parlare della gaffe oggettiva di aver utilizzato “stagista” come insulto, tipico del “classismo” imputato ai renziani. Insomma, Iv è stata messa alla berlina. C’è in effetti scrive che nella manifestazione pro Draghi, Louis Vuitton “rimane la cosa più di sinistra”. Evidentemente per Renzi e i (pochi) suoi, come diceva Oscar Wilde, “non importa che se ne parli bene o male l’importante è che se ne parli”.

Italia Viva nelle piazze di tutta Italia per chiedere a Draghi di restare. A Roma, in piazza San Lorenzo in Lucina, i sostenitori del partito dell’ex premier e segretario Pd Matteo Renzi hanno posato con i loro cartelli davanti alle vetrine di Louis Vuitton. Oltre a “Avanti con Draghi”, tra i cartelli spicca “Draghi statista, Conte stagista”.

Immediata la reazione del popolo dei social. Chi ha preso in giro i renziani per aver scelto una griffe dell’alta moda come sfondo – come a sottolineare che loro sarebbero “per i ricchi e non per il popolo” -, chi da stagista si è sentito insultato e ha ricordato che purtroppo l’Italia oggi è un Paese fondato sui lavoratori precari. Per non parlare della gaffe oggettiva di aver utilizzato “stagista” come insulto, tipico del “classismo” imputato ai renziani. Insomma, Iv è stata messa alla berlina. C’è in effetti scrive che nella manifestazione pro Draghi, Louis Vuitton “rimane la cosa più di sinistra”. Evidentemente per Renzi e i (pochi) suoi, come diceva Oscar Wilde, “non importa che se ne parli bene o male l’importante è che se ne parli”.

Pubblicitàspot_img
Pubblicitàspot_img

Ultimi articoli

Squalo bianco

Il lato sinistro di Giuseppi

Lega Sud

Sorpresa il partito del Nord

Il ministro Fedriga