La guerra non si ferma: quali prospettive in Europa?

Quali prospettive in Europa, per il conflitto in corso tra Russia e Ucraina? Valdis Dombrovskis, vicepresidente esecutivo per Un’economia al servizio delle persone, è preoccupato per l’andamento ormai intermittente delle economie del Vecchio Continente: “La guerra della Russia contro l’Ucraina continua a gettare una lunga ombra sull’Europa e sulla nostra economia. Ci troviamo ad affrontare sfide su molteplici fronti, dall’aumento dei prezzi dell’energia e dei prodotti alimentari alle prospettive globali estremamente incerte. Siamo fortunati a partire da una posizione di forza, avendo superato la crisi precedente con un solido ritorno alla crescita. La crescita economica subirà un forte rallentamento nella seconda parte di quest’anno, ma acquisirà maggiore forza nel 2023. In considerazione dell’elevata inflazione e dell’inasprimento delle condizioni di finanziamento, sarà importante trovare il giusto equilibrio tra il passaggio a un orientamento di bilancio più prudente e la protezione dei più vulnerabili. Dovremmo anche ridurre la nostra dipendenza dai combustibili fossili russi”.

Al versante della crescita e ai riflessi della congiuntura sulla vita di famiglie e imprese dedica le sue riflessioni Paolo Gentiloni, commissario per l’Economia: “L’invasione non provocata dell’Ucraina da parte della Russia continua a provocare shock nell’economia mondiale. Le azioni di Mosca stanno
perturbando l’approvvigionamento di energia e cereali, facendo salire i prezzi e indebolendo la fiducia. In Europa lo slancio della riapertura delle nostre economie è destinato a sostenere la crescita annua nel 2022, ma per il 2023 abbiamo rivisto notevolmente al ribasso le nostre previsioni. Si prevede che l’inflazione record raggiunga un picco nel corso di quest’anno e diminuisca
gradualmente nel 2023. Poiché l’andamento della guerra e l’affidabilità delle forniture di gas non sono noti, questa previsione è soggetta a un’elevata incertezza e a rischi di revisione al ribasso. Per navigare in queste acque agitate, l’Europa deve dimostrare leadership: solidarietà, sostenibilità e sicurezza sono le tre parole che devono definire le nostre politiche”.

Quali prospettive in Europa, per il conflitto in corso tra Russia e Ucraina? Valdis Dombrovskis, vicepresidente esecutivo per Un’economia al servizio delle persone, è preoccupato per l’andamento ormai intermittente delle economie del Vecchio Continente: “La guerra della Russia contro l’Ucraina continua a gettare una lunga ombra sull’Europa e sulla nostra economia. Ci troviamo ad affrontare sfide su molteplici fronti, dall’aumento dei prezzi dell’energia e dei prodotti alimentari alle prospettive globali estremamente incerte. Siamo fortunati a partire da una posizione di forza, avendo superato la crisi precedente con un solido ritorno alla crescita. La crescita economica subirà un forte rallentamento nella seconda parte di quest’anno, ma acquisirà maggiore forza nel 2023. In considerazione dell’elevata inflazione e dell’inasprimento delle condizioni di finanziamento, sarà importante trovare il giusto equilibrio tra il passaggio a un orientamento di bilancio più prudente e la protezione dei più vulnerabili. Dovremmo anche ridurre la nostra dipendenza dai combustibili fossili russi”.

Al versante della crescita e ai riflessi della congiuntura sulla vita di famiglie e imprese dedica le sue riflessioni Paolo Gentiloni, commissario per l’Economia: “L’invasione non provocata dell’Ucraina da parte della Russia continua a provocare shock nell’economia mondiale. Le azioni di Mosca stanno
perturbando l’approvvigionamento di energia e cereali, facendo salire i prezzi e indebolendo la fiducia. In Europa lo slancio della riapertura delle nostre economie è destinato a sostenere la crescita annua nel 2022, ma per il 2023 abbiamo rivisto notevolmente al ribasso le nostre previsioni. Si prevede che l’inflazione record raggiunga un picco nel corso di quest’anno e diminuisca
gradualmente nel 2023. Poiché l’andamento della guerra e l’affidabilità delle forniture di gas non sono noti, questa previsione è soggetta a un’elevata incertezza e a rischi di revisione al ribasso. Per navigare in queste acque agitate, l’Europa deve dimostrare leadership: solidarietà, sostenibilità e sicurezza sono le tre parole che devono definire le nostre politiche”.

Pubblicitàspot_img
Pubblicitàspot_img

Ultimi articoli