La molecola verde per fare più forte il distretto di Marghera: Edison entra nell’Hydrogen Park

Hydrogen Park fa più grande il suo portafoglio di attori dell’energia. Edison, player della
transizione energetica e tra i principali produttori nazionali di energia, è entrata nel Consorzio per
l’idrogeno di Porto Marghera. Il valore delle sue quote è del 9,732% delle quote.

Il Consorzio è nato a Porto Marghera nel 2003 e lavora per sperimentare su scala industriale nel settore dell’idrogeno. Oggi, l’esperienza maturata e l’integrazione delle infrastrutture esistenti, lo fanno il primo punto di applicazione della strategia energetica europea fondata sulla molecola verde.

L’ingresso di Edison è salutato come un importante risultato per il territorio da Vincenzo Marinese, vertice di Confindustria Venezia per l’area che ospita Hydrogen Park: “La competenza di Edison nell’ambito delle rinnovabili permetterà di consolidare il primato dell’Hydrogen Valley di Porto Marghera, il distretto dell’idrogeno dell’area vasta metropolitana. L’ingresso di questo player strategico rappresenta un’ulteriore opportunità di sviluppo per il tessuto economico e sociale di Venezia, che tende sempre più alla riconversione industriale, alla sostenibilità ambientale ed energetica”.

Dall’operazione, ora ci si attende un’accelerazione ai processi di sperimentazione in corso, attraverso la garanzia di quantitativi di rinnovabili potenzialmente illimitati per produrre idrogeno verde, una necessità utile ad assicurare l’approvvigionamento dei distretti industriali, che sono altamente energivori.

Hydrogen Park fa più grande il suo portafoglio di attori dell’energia. Edison, player della
transizione energetica e tra i principali produttori nazionali di energia, è entrata nel Consorzio per
l’idrogeno di Porto Marghera. Il valore delle sue quote è del 9,732% delle quote.

Il Consorzio è nato a Porto Marghera nel 2003 e lavora per sperimentare su scala industriale nel settore dell’idrogeno. Oggi, l’esperienza maturata e l’integrazione delle infrastrutture esistenti, lo fanno il primo punto di applicazione della strategia energetica europea fondata sulla molecola verde.

L’ingresso di Edison è salutato come un importante risultato per il territorio da Vincenzo Marinese, vertice di Confindustria Venezia per l’area che ospita Hydrogen Park: “La competenza di Edison nell’ambito delle rinnovabili permetterà di consolidare il primato dell’Hydrogen Valley di Porto Marghera, il distretto dell’idrogeno dell’area vasta metropolitana. L’ingresso di questo player strategico rappresenta un’ulteriore opportunità di sviluppo per il tessuto economico e sociale di Venezia, che tende sempre più alla riconversione industriale, alla sostenibilità ambientale ed energetica”.

Dall’operazione, ora ci si attende un’accelerazione ai processi di sperimentazione in corso, attraverso la garanzia di quantitativi di rinnovabili potenzialmente illimitati per produrre idrogeno verde, una necessità utile ad assicurare l’approvvigionamento dei distretti industriali, che sono altamente energivori.

Pubblicitàspot_img
Pubblicitàspot_img

Ultimi articoli