Lavoro, la UE: i giovani i più colpiti dagli effetti della pandemia

Occupazione: i giovani tra i più colpiti in Europa dagli effetti della pandemia. Lo rileva la Commissione UE che ha pubblicato la sua rassegna 2022 sull’occupazione e gli sviluppi sociali in Europa (ESDE) . Tra gli altri risultati, un recupero più lento per loro rispetto ad altri gruppi di età. Possibili spiegazioni sono legate alla loro elevata quota di contratti a tempo determinato e alle difficoltà nel trovare un primo lavoro dopo aver lasciato la scuola, l’università o la formazione.

Il nuovo rapporto UE aiuta a identificare e sostenere le politiche occupazionali e sociali necessarie per affrontare le sfide che i giovani devono affrontare per diventare economicamente indipendenti, di fronte al peggioramento della situazione socioeconomica dovuto all’invasione russa dell’Ucraina.

Il commissario per l’Occupazione e i diritti sociali, Nicolas Schmit spiega la situazione: “Molti giovani sono altamente istruiti, dotati di competenze digitali e si interessano attivamente alle questioni ecologiche. Questo può aiutarli a cogliere le opportunità della ripresa e delle transizioni digitale e verde. Il 2022 è l’Anno Europeo della Gioventù, perché l’Unione Europea si impegna ad ascoltare i giovani, a sostenere e migliorare le loro possibilità di vita. Ciò significa anche sostenere i giovani ucraini fuggiti dalla guerra, aiutandoli a entrare nel sistema educativo e nel mercato del lavoro dell’UE”.

La revisione ESDE, sulla base degli ultimi dati annuali, rileva che la ripresa dalla pandemia di COVID-19 non è stata diffusa in modo uniforme. I giovani sotto i 30 anni devono ancora affrontare sfide significative per trovare un lavoro o per trovare un lavoro che corrisponda alle loro capacità ed esperienze. Sebbene la disoccupazione giovanile sia diminuita nel 2021, in particolare verso la fine dell’anno, è rimasta di 1 punto percentuale (pp) in più rispetto a prima della crisi (nel 2019). Tra i lavoratori, quasi 1 giovane su 2 (45,9%) aveva un contratto a tempo determinato, contro 1 su 10 per tutti i lavoratori (10,2%).

In media, i giovani hanno maggiori probabilità di affrontare una situazione sociale e finanziaria difficile. Già prima della pandemia, il reddito da lavoro dei giovani era più volatile di quello dei lavoratori più anziani. Le famiglie guidate da giovani hanno sperimentato una maggiore povertà, sebbene vi siano differenze marcate tra i paesi dell’UE. I giovani hanno avuto difficoltà a far fronte alle proprie spese quotidiane, come quelle per le bollette e l’affitto, con il 61% di loro che si preoccupava di trovare o mantenere un alloggio adeguato nei prossimi dieci anni.

Le sfide che i giovani dovranno affrontare dipendono dal loro livello di istruzione e dal loro background socioeconomico. I giovani con istruzione secondaria hanno 19 punti percentuali di probabilità in meno di trovarsi in una situazione in cui non lavorano e non seguono un percorso di istruzione o formazione rispetto a quelli con un livello di istruzione inferiore. Per quelli con istruzione terziaria, questo rischio è inferiore di 28 punti percentuali. È ancora meno probabile che i giovani provenienti da un contesto svantaggiato abbiano un lavoro, un’istruzione o una formazione.

C’è infine il genere a fare la differenza, un altro fattore che provoca la disuguaglianza tra i giovani. Quando iniziano la loro carriera, le giovani donne nell’UE guadagnano in media il 7,2% in meno rispetto ai loro colleghi uomini, un divario che aumenta con l’età. A livello dell’UE, solo una piccola parte di questo divario – 0,5 punti percentuali – deriva dai risultati scolastici, dalle scelte occupazionali, dalle esperienze lavorative e dal tipo di contratto di lavoro delle donne.

Occupazione: i giovani tra i più colpiti in Europa dagli effetti della pandemia. Lo rileva la Commissione UE che ha pubblicato la sua rassegna 2022 sull’occupazione e gli sviluppi sociali in Europa (ESDE) . Tra gli altri risultati, un recupero più lento per loro rispetto ad altri gruppi di età. Possibili spiegazioni sono legate alla loro elevata quota di contratti a tempo determinato e alle difficoltà nel trovare un primo lavoro dopo aver lasciato la scuola, l’università o la formazione.

Il nuovo rapporto UE aiuta a identificare e sostenere le politiche occupazionali e sociali necessarie per affrontare le sfide che i giovani devono affrontare per diventare economicamente indipendenti, di fronte al peggioramento della situazione socioeconomica dovuto all’invasione russa dell’Ucraina.

Il commissario per l’Occupazione e i diritti sociali, Nicolas Schmit spiega la situazione: “Molti giovani sono altamente istruiti, dotati di competenze digitali e si interessano attivamente alle questioni ecologiche. Questo può aiutarli a cogliere le opportunità della ripresa e delle transizioni digitale e verde. Il 2022 è l’Anno Europeo della Gioventù, perché l’Unione Europea si impegna ad ascoltare i giovani, a sostenere e migliorare le loro possibilità di vita. Ciò significa anche sostenere i giovani ucraini fuggiti dalla guerra, aiutandoli a entrare nel sistema educativo e nel mercato del lavoro dell’UE”.

La revisione ESDE, sulla base degli ultimi dati annuali, rileva che la ripresa dalla pandemia di COVID-19 non è stata diffusa in modo uniforme. I giovani sotto i 30 anni devono ancora affrontare sfide significative per trovare un lavoro o per trovare un lavoro che corrisponda alle loro capacità ed esperienze. Sebbene la disoccupazione giovanile sia diminuita nel 2021, in particolare verso la fine dell’anno, è rimasta di 1 punto percentuale (pp) in più rispetto a prima della crisi (nel 2019). Tra i lavoratori, quasi 1 giovane su 2 (45,9%) aveva un contratto a tempo determinato, contro 1 su 10 per tutti i lavoratori (10,2%).

In media, i giovani hanno maggiori probabilità di affrontare una situazione sociale e finanziaria difficile. Già prima della pandemia, il reddito da lavoro dei giovani era più volatile di quello dei lavoratori più anziani. Le famiglie guidate da giovani hanno sperimentato una maggiore povertà, sebbene vi siano differenze marcate tra i paesi dell’UE. I giovani hanno avuto difficoltà a far fronte alle proprie spese quotidiane, come quelle per le bollette e l’affitto, con il 61% di loro che si preoccupava di trovare o mantenere un alloggio adeguato nei prossimi dieci anni.

Le sfide che i giovani dovranno affrontare dipendono dal loro livello di istruzione e dal loro background socioeconomico. I giovani con istruzione secondaria hanno 19 punti percentuali di probabilità in meno di trovarsi in una situazione in cui non lavorano e non seguono un percorso di istruzione o formazione rispetto a quelli con un livello di istruzione inferiore. Per quelli con istruzione terziaria, questo rischio è inferiore di 28 punti percentuali. È ancora meno probabile che i giovani provenienti da un contesto svantaggiato abbiano un lavoro, un’istruzione o una formazione.

C’è infine il genere a fare la differenza, un altro fattore che provoca la disuguaglianza tra i giovani. Quando iniziano la loro carriera, le giovani donne nell’UE guadagnano in media il 7,2% in meno rispetto ai loro colleghi uomini, un divario che aumenta con l’età. A livello dell’UE, solo una piccola parte di questo divario – 0,5 punti percentuali – deriva dai risultati scolastici, dalle scelte occupazionali, dalle esperienze lavorative e dal tipo di contratto di lavoro delle donne.

Pubblicitàspot_img
Pubblicitàspot_img

Ultimi articoli