Lega: conferma regionalizzazione concessioni idroelettriche

 

Paolo Arrigoni, Paolo Ripamonti ed Elena Testor, senatori della Lega, hanno quest’oggi reso noto che:  “Con l`approvazione del ddl Concorrenza oggi in Senato, grazie all`impegno della Lega c`è la conferma della regionalizzazione delle grandi concessioni idroelettriche e l`autonomia dei territori su questo fronte diventa nei fatti una realtà. La regionalizzazione dell’idroelettrico, introdotta dalla Lega al Governo nel febbraio 2019, è stata attaccata negli ultimi due anni soprattutto dal Pd, che ha tentato più volte di riportare le competenze in capo allo Stato centrale. Bene anche l`allineamento della data statutaria di scadenza delle concessioni al 31.12.2024 per le province autonome di Trento e Bolzano. Ora, già a partire dai prossimi mesi, potranno partire le gare pubbliche per il rinnovo delle concessioni che porteranno ai territori più canoni, elettricità gratuita, compensazioni ambientali e territoriali e anche tanti investimenti fondamentali per potenziare questo asset strategico del sistema energetico del Paese. Un`opportunità per Lombardia, Veneto e Piemonte come anche per tutte le altre regioni”.

 

Paolo Arrigoni, Paolo Ripamonti ed Elena Testor, senatori della Lega, hanno quest’oggi reso noto che:  “Con l`approvazione del ddl Concorrenza oggi in Senato, grazie all`impegno della Lega c`è la conferma della regionalizzazione delle grandi concessioni idroelettriche e l`autonomia dei territori su questo fronte diventa nei fatti una realtà. La regionalizzazione dell’idroelettrico, introdotta dalla Lega al Governo nel febbraio 2019, è stata attaccata negli ultimi due anni soprattutto dal Pd, che ha tentato più volte di riportare le competenze in capo allo Stato centrale. Bene anche l`allineamento della data statutaria di scadenza delle concessioni al 31.12.2024 per le province autonome di Trento e Bolzano. Ora, già a partire dai prossimi mesi, potranno partire le gare pubbliche per il rinnovo delle concessioni che porteranno ai territori più canoni, elettricità gratuita, compensazioni ambientali e territoriali e anche tanti investimenti fondamentali per potenziare questo asset strategico del sistema energetico del Paese. Un`opportunità per Lombardia, Veneto e Piemonte come anche per tutte le altre regioni”.

Pubblicitàspot_img
Pubblicitàspot_img

Ultimi articoli