L’estate è impazzita: allerta meteo in 5 regioni

L’estate continua a fare le bizze. Basilicata, Calabria, Campania, Sardegna e Sicilia sono in allerta gialla a causa del rincorrersi, giorno per giorno, di fenomeni climatici che stonano con il clima estivo. Il maltempo non offre tregue in questa estate degli estremi, sotto tutti i punti di vista. Interessate dalla possibilità di forti rovesci e grandinate le zone interne e montuose. Ancora piogge e temporali al Sud, secondo il dipartimento della Protezione civile, che avverte: i temporali sono fenomeni intensi e veloci; la localizzazione e la tempistica di questi eventi, nella maggior parte dei casi, è impossibile da determinare nel dettaglio con un grande anticipo.

Intanto in Irpinia si continua a spalare dopo il fiume di fango che in seguito alle forti piogge ha invaso le strade trascinando numerose auto in sosta.

Secondo World Meteorological Organization a livello globale abbiamo avuto il terzo luglio più caldo mai registrato, con intense ondate di calore che hanno colpito parti d’Europa. Luglio 2022 è stato anche più secco della media. Per il dipartimento della Protezione civile la siccità ha interessato particolarmente diverse località, compresa la Pianura Padana.

Tornando all’organizzazione delle Nazioni Unite, la sua portavoce Claire Nullis ha precisato che il Regno Unito sta emettendo un nuovo avviso di “caldo estremo” per Inghilterra e Galles e, indicando i nuovi dati del Copernicus Climate Change Service (C3S) dell’Unione europea, ha affermato che luglio 2022 è stato leggermente più fresco rispetto allo stesso mese del 2019 e leggermente più caldo di quello del 2016.
“La differenza tra i tre mesi è troppo vicina per essere definita, ecco perché diciamo che è uno dei tre più caldi”, ha spiegato.

Le temperature a livello globale del mese scorso sono state di 0,4 gradi Celsius (0,72F) al di sopra della media del periodo 1991-2020.

L’estate continua a fare le bizze. Basilicata, Calabria, Campania, Sardegna e Sicilia sono in allerta gialla a causa del rincorrersi, giorno per giorno, di fenomeni climatici che stonano con il clima estivo. Il maltempo non offre tregue in questa estate degli estremi, sotto tutti i punti di vista. Interessate dalla possibilità di forti rovesci e grandinate le zone interne e montuose. Ancora piogge e temporali al Sud, secondo il dipartimento della Protezione civile, che avverte: i temporali sono fenomeni intensi e veloci; la localizzazione e la tempistica di questi eventi, nella maggior parte dei casi, è impossibile da determinare nel dettaglio con un grande anticipo.

Intanto in Irpinia si continua a spalare dopo il fiume di fango che in seguito alle forti piogge ha invaso le strade trascinando numerose auto in sosta.

Secondo World Meteorological Organization a livello globale abbiamo avuto il terzo luglio più caldo mai registrato, con intense ondate di calore che hanno colpito parti d’Europa. Luglio 2022 è stato anche più secco della media. Per il dipartimento della Protezione civile la siccità ha interessato particolarmente diverse località, compresa la Pianura Padana.

Tornando all’organizzazione delle Nazioni Unite, la sua portavoce Claire Nullis ha precisato che il Regno Unito sta emettendo un nuovo avviso di “caldo estremo” per Inghilterra e Galles e, indicando i nuovi dati del Copernicus Climate Change Service (C3S) dell’Unione europea, ha affermato che luglio 2022 è stato leggermente più fresco rispetto allo stesso mese del 2019 e leggermente più caldo di quello del 2016.
“La differenza tra i tre mesi è troppo vicina per essere definita, ecco perché diciamo che è uno dei tre più caldi”, ha spiegato.

Le temperature a livello globale del mese scorso sono state di 0,4 gradi Celsius (0,72F) al di sopra della media del periodo 1991-2020.

Pubblicitàspot_img
Pubblicitàspot_img

Ultimi articoli