Lignano Sabbiadoro, cercano di stuprare la figlia e lui li picchia ora andrà a processo

Cinque ragazzi tra i 17 e i 21 anni sono indagati per stupro di gruppo nei confronti di una 18enne a Lignano Sabbiadoro (Udine). Uno dei cinque accusati era l’ex fidanzato della ragazza; due sono veneti e vengono da Verona, altri due sono lombardi e il quinto è piemontese. Gli accertamenti della Squadra Mobile diretta dal vicequestore Massimiliano Ortolan sono in pieno svolgimento e cercano riscontri sulla ricostruzione della giovane, che si trovava in vacanza al mare con la famiglia. Ieri sono stati sequestrati i cellulari degli accusati: chat e video saranno passati al setaccio. Poi i magistrati chiederanno la prova del Dna. Intanto il padre della ragazza racconta oggi al Corriere della Sera e a La Repubblica di aver affrontato gli accusati dopo che la figlia gli ha raccontato l’accaduto: «Stavamo rientrando dalla spiaggia, ero ancora in costume e con le infradito ai piedi e non avevo il telefonino con me. Avrei voluto chiamare le forze dell’ordine, ma dopo un attimo di incertezza, ho chiesto a mia figlia di accompagnarmi all’appartamento». E ancora: «Quando ho aperto a spallate la porta, dopo avere suonato e bussato invano, si sono chiusi nel bagno. Piagnucolavano, supplicandomi di andare via e minacciandomi di chiamare la polizia e ho capito di trovarmi di fronte a persone insignificanti. Ho lasciato stare, come mi consigliavano i condomini, e ho aspettato gli agenti». L’uomo dice di essere «consapevole che potrei essere denunciato perché ho violato la proprietà privata. Ma non mi preoccupo di questo. Non è nemmeno vero che avrei voluto farmi giustizia da solo. Mia figlia mi aveva raggiunto in spiaggia. Era stravolta. Mi ha raccontato, avrei voluto chiamare la polizia, ma ero senza il cellulare. Quando sono arrivate le forze dell’ordine un poliziotto mi si è avvicinato. Ero stravolto, fuori di me, disperato. Lui si è avvicinato e ha detto “mi metto nei suoi panni, capisco”. Mi sono sentito meno solo, meno triste. Voglio soltanto che mia figlia… lei parla, ci parla, ma cerchiamo di non crearle ansia. Sì, confido nella giustizia».

Cinque ragazzi tra i 17 e i 21 anni sono indagati per stupro di gruppo nei confronti di una 18enne a Lignano Sabbiadoro (Udine). Uno dei cinque accusati era l’ex fidanzato della ragazza; due sono veneti e vengono da Verona, altri due sono lombardi e il quinto è piemontese. Gli accertamenti della Squadra Mobile diretta dal vicequestore Massimiliano Ortolan sono in pieno svolgimento e cercano riscontri sulla ricostruzione della giovane, che si trovava in vacanza al mare con la famiglia. Ieri sono stati sequestrati i cellulari degli accusati: chat e video saranno passati al setaccio. Poi i magistrati chiederanno la prova del Dna. Intanto il padre della ragazza racconta oggi al Corriere della Sera e a La Repubblica di aver affrontato gli accusati dopo che la figlia gli ha raccontato l’accaduto: «Stavamo rientrando dalla spiaggia, ero ancora in costume e con le infradito ai piedi e non avevo il telefonino con me. Avrei voluto chiamare le forze dell’ordine, ma dopo un attimo di incertezza, ho chiesto a mia figlia di accompagnarmi all’appartamento». E ancora: «Quando ho aperto a spallate la porta, dopo avere suonato e bussato invano, si sono chiusi nel bagno. Piagnucolavano, supplicandomi di andare via e minacciandomi di chiamare la polizia e ho capito di trovarmi di fronte a persone insignificanti. Ho lasciato stare, come mi consigliavano i condomini, e ho aspettato gli agenti». L’uomo dice di essere «consapevole che potrei essere denunciato perché ho violato la proprietà privata. Ma non mi preoccupo di questo. Non è nemmeno vero che avrei voluto farmi giustizia da solo. Mia figlia mi aveva raggiunto in spiaggia. Era stravolta. Mi ha raccontato, avrei voluto chiamare la polizia, ma ero senza il cellulare. Quando sono arrivate le forze dell’ordine un poliziotto mi si è avvicinato. Ero stravolto, fuori di me, disperato. Lui si è avvicinato e ha detto “mi metto nei suoi panni, capisco”. Mi sono sentito meno solo, meno triste. Voglio soltanto che mia figlia… lei parla, ci parla, ma cerchiamo di non crearle ansia. Sì, confido nella giustizia».

Pubblicitàspot_img
Pubblicitàspot_img

Ultimi articoli