Attualità

Lo spettro della guerra globale: a vuoto il pressing di Biden, stop ad aiuti per Ucraina e Israele

di Angelo Vitolo -


Negli Usa i repubblicani al Senato hanno bloccato la proposta di legge con gli aiuti per Israele, Ucraina che interessano anche Taiwan: a vuoto la minaccia della guerra globale indicata da Biden. Si tratta di cento milioni di dollari del piano di aiuti proposto da Joe Biden, al momento stoppato da una votazione (49-51) che non ha raggiunto, riferisce ‘Politico.com’, la soglia dei 60 voti a favore necessari per proseguire la discussione.

Joe Biden era sceso in campo in prima persona con un pressing sul proseguimento del sostegno militare statunitense all’Ucraina, affermato come indispensabile per Kiev. “Non si può più attendere”, aveva detto il presidente degli Stati Uniti rivolgendosi con toni solenni dalla Casa Bianca ai membri del Congresso, ove era generale però il disaccordo di democratici e repubblicani sul credito da 106 miliardi di dollari, 61 dei quali da destinare al’Ucraina invasa dalla Russia di cui Washington, con il Regno Unito, è stata il principale appoggio in questi due anni di conflitto.

Un appello agli aiuti agitando lo spettro della guerra mondiale e indicando che dopo l’Ucraina la Russia attaccherà i Paesi Nato.




Torna alle notizie in home