MANCINI SI AFFIDA AL BLOCCO DELL’EUROPEO: “SANNO COSA FARE”

“I ragazzi dell’Europeo sanno cosa devono fare”. Ha dichiararlo è stato il commissario tecnico della nazionale azzurra Roberto Mancini alla vigilia della prima sfida verità verso il Mondiale contro la Macedonia del Nord a Palermo. “Non abbiamo avuto molto tempo, giusto quello per provare qualcosa. Per questo motivo ho confermato i ragazzi dell’Europeo. Si conoscono bene, sanno cosa devono fare” ha ribadito Mancini.
“L’unica cosa che dobbiamo fare è restare concentrati su ciò che dobbiamo fare: l’Italia sa giocare bene a calcio, pensiamo solo a quello. Si parte tutti da 0-0 e dallo stesso punto. In novanta minuti può accadere di tutto e le partite vanno giocate tutte. Non ci sono favoriti. Rigore?
Dopo gli errori con la Svizzera Jorginho ne ha segnati sette di fila, non sarà un problema”.
La nazionale giocherà in uno stadio con capienza al 100%: “Palermo ci ha sempre supportato e lo farà anche questa volta. Sarà capienza al 100% e sarà una cosa positiva in più rispetto al passato”.
Il ct disegna poi un profilo degli avversari: “La Macedonia del Nord si sa difendere bene, ma non credo che sarà una gara da chiudere il prima possibile. Non c’è un risultato da ribaltare, ma dobbiamo restare tranquilli e fare la nostra partita contro una buona squadra che ha anche vinto in Germania. Abbiamo provato qualcosa, poi valuteremo in partita le situazioni. Sicuramente servirà pazienza perché loro si chiudono bene”.
Roberto Mancini in conclusione ribadisce un concetto per lui molto importante: “Non siamo cambiati rispetto a qualche mese fa, abbiamo sempre provato a imporre il nostro gioco. Ovviamente abbiamo avuto poco tempo, ma siamo sempre noi”.

“I ragazzi dell’Europeo sanno cosa devono fare”. Ha dichiararlo è stato il commissario tecnico della nazionale azzurra Roberto Mancini alla vigilia della prima sfida verità verso il Mondiale contro la Macedonia del Nord a Palermo. “Non abbiamo avuto molto tempo, giusto quello per provare qualcosa. Per questo motivo ho confermato i ragazzi dell’Europeo. Si conoscono bene, sanno cosa devono fare” ha ribadito Mancini.
“L’unica cosa che dobbiamo fare è restare concentrati su ciò che dobbiamo fare: l’Italia sa giocare bene a calcio, pensiamo solo a quello. Si parte tutti da 0-0 e dallo stesso punto. In novanta minuti può accadere di tutto e le partite vanno giocate tutte. Non ci sono favoriti. Rigore?
Dopo gli errori con la Svizzera Jorginho ne ha segnati sette di fila, non sarà un problema”.
La nazionale giocherà in uno stadio con capienza al 100%: “Palermo ci ha sempre supportato e lo farà anche questa volta. Sarà capienza al 100% e sarà una cosa positiva in più rispetto al passato”.
Il ct disegna poi un profilo degli avversari: “La Macedonia del Nord si sa difendere bene, ma non credo che sarà una gara da chiudere il prima possibile. Non c’è un risultato da ribaltare, ma dobbiamo restare tranquilli e fare la nostra partita contro una buona squadra che ha anche vinto in Germania. Abbiamo provato qualcosa, poi valuteremo in partita le situazioni. Sicuramente servirà pazienza perché loro si chiudono bene”.
Roberto Mancini in conclusione ribadisce un concetto per lui molto importante: “Non siamo cambiati rispetto a qualche mese fa, abbiamo sempre provato a imporre il nostro gioco. Ovviamente abbiamo avuto poco tempo, ma siamo sempre noi”.

Pubblicitàspot_img
Pubblicitàspot_img

Ultimi articoli