Meloni FdI ha le carte in regola per comandare

“È il momento di giocare in attacco”. Dalla Direzione Nazionale, allargata per l’occasione a parlamentari e coordinatori regionali, le parole di Giorgia Meloni. Nella sua mezz’ora di relazione la leader di FdI, in linea con l’atteggiamento tenuto dal giorno della rielezione di Sergio Mattarella al Quirinale ha dichiarato: “FdI è centrale nel quadro politico. È la consapevolezza che tutti dobbiamo avere perché è il momento di giocare in attacco, ben sapendo che le accuse, le etichette e tutto quello che ci hanno affibbiato finora non è nulla rispetto a quello che accadrà”. Prima di incalzare gli alleati sui temi più cari, la leader di Fratelli d’Italia ha respinto energicamente tutte le accuse di inadeguatezza del suo partito a governare: “Fratelli d’Italia – ha detto – ha le carte in regola per governare questa nazione. Non siamo il ‘partito del no’ come dicono molti ‘signor sì’: siamo il partito che vuole rappresentare con orgoglio il campo del centrodestra. Fratelli d’Italia – ha aggiunto – non è la prosecuzione di An: è quello che avremmo voluto fosse il Pdl e che il Pdl non è riuscito a essere, un partito aperto, fondato saldamente su dei valori, a vocazione maggioritaria”.

“È il momento di giocare in attacco”. Dalla Direzione Nazionale, allargata per l’occasione a parlamentari e coordinatori regionali, le parole di Giorgia Meloni. Nella sua mezz’ora di relazione la leader di FdI, in linea con l’atteggiamento tenuto dal giorno della rielezione di Sergio Mattarella al Quirinale ha dichiarato: “FdI è centrale nel quadro politico. È la consapevolezza che tutti dobbiamo avere perché è il momento di giocare in attacco, ben sapendo che le accuse, le etichette e tutto quello che ci hanno affibbiato finora non è nulla rispetto a quello che accadrà”. Prima di incalzare gli alleati sui temi più cari, la leader di Fratelli d’Italia ha respinto energicamente tutte le accuse di inadeguatezza del suo partito a governare: “Fratelli d’Italia – ha detto – ha le carte in regola per governare questa nazione. Non siamo il ‘partito del no’ come dicono molti ‘signor sì’: siamo il partito che vuole rappresentare con orgoglio il campo del centrodestra. Fratelli d’Italia – ha aggiunto – non è la prosecuzione di An: è quello che avremmo voluto fosse il Pdl e che il Pdl non è riuscito a essere, un partito aperto, fondato saldamente su dei valori, a vocazione maggioritaria”.

Pubblicitàspot_img
Pubblicitàspot_img

Ultimi articoli