MFE, Sala: mercato pubblicità Italia in calo

“Il sentimento è quello che il 2022, dopo il 2021 con crescita doppia cifra, non sarà come ci si aspettava un anno di consolidamento della crescita a una cifra, piuttosto sarà di flessione contenuta, ma rimarremo ben sopra il livello del 2020 e vicini ai livelli del mercato pre-Covid del 2019”. Queste le parole di Stefano Sala, AD di Publitalia e consigliere di MFE (Mediaset), in merito al mercato pubblicitario italiano.
Sala ha inoltre sottolineato che MFE reagisce portando avanti la propria strategia europea: “per agire in mercati incerti e globali bisogna avere scala, quindi noi vogliamo andare in quella direzione, creando un soggetto internazionale che abbia la giusta dimensione e offra agli advertiser un`alternativa a Meta, Amazon, Google e Apple”.

“Il sentimento è quello che il 2022, dopo il 2021 con crescita doppia cifra, non sarà come ci si aspettava un anno di consolidamento della crescita a una cifra, piuttosto sarà di flessione contenuta, ma rimarremo ben sopra il livello del 2020 e vicini ai livelli del mercato pre-Covid del 2019”. Queste le parole di Stefano Sala, AD di Publitalia e consigliere di MFE (Mediaset), in merito al mercato pubblicitario italiano.
Sala ha inoltre sottolineato che MFE reagisce portando avanti la propria strategia europea: “per agire in mercati incerti e globali bisogna avere scala, quindi noi vogliamo andare in quella direzione, creando un soggetto internazionale che abbia la giusta dimensione e offra agli advertiser un`alternativa a Meta, Amazon, Google e Apple”.

Pubblicitàspot_img
Pubblicitàspot_img

Ultimi articoli