Migranti, scatta l’emergenza a Lampedusa In poche ore arrivati in 1500

Sono oltre 1.500 i migranti approdati, in almeno 16 sbarchi in poche ore, a Lampedusa. Una motovedetta della Capitaneria di Porto ha condotto sul molo migranti di varie etnie, tutti uomini, intercettati a due miglia da Lampedusa su un’imbarcazione di legno di dieci metri. La sedicesima imbarcazione – con a bordo 85 siriani fra cui 5 donne, un bambino e un neonato – è stata intercettata e soccorsa. Sbarcati anche 38 migranti tunisini, di cui 2 donne e un bambino, che erano su un’imbarcazione in legno di circa 8 metri. Il primo sbarco ha portato sull’isola siciliana 98 uomini, quasi tutti del Bangladesh, intercettati a tre miglia e mezzo da Lampedusa su imbarcazione di legno con motore fuoribordo, lasciata alla deriva. Poi una motovedetta della guardia di finanza ha scortato altri 16 migranti di nazionalità tunisina, tutti uomini, su una imbarcazione in legno di circa 6 metri con un motore fuoribordo. E ancora altri 398 migranti di varie nazionalità, di cui 24 donne e 6 bambini. E poi 325 persone su un’imbarcazione intercettata a 8 miglia da Lampedusa. E altre 90 persone di varie nazionalità, di cui 83 uomini, 6 donne e una neonata. I vari gruppi sono stati portati all’hotspot dell’isola, che era vuoto. Altri due barconi, con a bordo rispettivamente 109 e 20 migranti, sono stati agganciati e scortati fino a molo Favarolo di Lampedusa. Ad intercettare a 6 miglia dalla costa l’imbarcazione di 20 metri, con a bordo 109 subsahariani, è stata la motovedetta Avallone della guardia di finanza. Mentre una motovedetta della guardia costiera ha invece scortato un barchino di 6 metri, avvistato a 6 miglia, con a bordo 19 tunisini e un maliano. Nel scorse delle ore, si sono succeduti diversi sbarchi. Profughi, almeno 89 e di varia nazionalità sono stati intercettati a circa 6 miglia dalla costa di Lampedusa. Erano su un barcone di 20 metri. Almeno 18 migranti, tutti tunisini, sono giunti domenica sera nell’isola dopo essere stati soccorsi dalla motovedetta Cp 306 Sar. I militari della guardia costiera hanno effettuato il trasbordo del gruppo e lasciato il barchino di sei metri alla deriva.
I vigili del fuoco sono intervenuti al porto per mettere in sicurezza una delle ultime “carrette del mare” che rischiava di colare a picco.
Jacopo Esposito

Sono oltre 1.500 i migranti approdati, in almeno 16 sbarchi in poche ore, a Lampedusa. Una motovedetta della Capitaneria di Porto ha condotto sul molo migranti di varie etnie, tutti uomini, intercettati a due miglia da Lampedusa su un’imbarcazione di legno di dieci metri. La sedicesima imbarcazione – con a bordo 85 siriani fra cui 5 donne, un bambino e un neonato – è stata intercettata e soccorsa. Sbarcati anche 38 migranti tunisini, di cui 2 donne e un bambino, che erano su un’imbarcazione in legno di circa 8 metri. Il primo sbarco ha portato sull’isola siciliana 98 uomini, quasi tutti del Bangladesh, intercettati a tre miglia e mezzo da Lampedusa su imbarcazione di legno con motore fuoribordo, lasciata alla deriva. Poi una motovedetta della guardia di finanza ha scortato altri 16 migranti di nazionalità tunisina, tutti uomini, su una imbarcazione in legno di circa 6 metri con un motore fuoribordo. E ancora altri 398 migranti di varie nazionalità, di cui 24 donne e 6 bambini. E poi 325 persone su un’imbarcazione intercettata a 8 miglia da Lampedusa. E altre 90 persone di varie nazionalità, di cui 83 uomini, 6 donne e una neonata. I vari gruppi sono stati portati all’hotspot dell’isola, che era vuoto. Altri due barconi, con a bordo rispettivamente 109 e 20 migranti, sono stati agganciati e scortati fino a molo Favarolo di Lampedusa. Ad intercettare a 6 miglia dalla costa l’imbarcazione di 20 metri, con a bordo 109 subsahariani, è stata la motovedetta Avallone della guardia di finanza. Mentre una motovedetta della guardia costiera ha invece scortato un barchino di 6 metri, avvistato a 6 miglia, con a bordo 19 tunisini e un maliano. Nel scorse delle ore, si sono succeduti diversi sbarchi. Profughi, almeno 89 e di varia nazionalità sono stati intercettati a circa 6 miglia dalla costa di Lampedusa. Erano su un barcone di 20 metri. Almeno 18 migranti, tutti tunisini, sono giunti domenica sera nell’isola dopo essere stati soccorsi dalla motovedetta Cp 306 Sar. I militari della guardia costiera hanno effettuato il trasbordo del gruppo e lasciato il barchino di sei metri alla deriva.
I vigili del fuoco sono intervenuti al porto per mettere in sicurezza una delle ultime “carrette del mare” che rischiava di colare a picco.
Jacopo Esposito

Pubblicitàspot_img
Pubblicitàspot_img

Ultimi articoli