Moda, Prada acquisisce il 43,65% di Conceria Superior

Il Gruppo Prada ha comunicato l`acquisizione del 43,65% del capitale sociale della conceria Superior di Santa Croce sull`Arno, Toscana.
La società, eccellenza nella lavorazione delle pelli di vitello, ha da poco convogliato i propri investimenti nella digitalizzazione dei processi e in un piano di sviluppo sostenibile basato su tre pilastri: efficienza energetica, economia circolare e tutela della risorsa idrica.
L`accordo, come riporta dal comunicato, include che la responsabilità della gestione rimanga nelle mani dell’ attuale amministratore delegato Stefano Caponi.

“L`ingresso di Prada nel capitale sociale della conceria Superior rappresenta un altro passo importante nel percorso strategico di integrazione verticale della filiera produttiva del Gruppo, con investimenti nelle infrastrutture e nelle persone, per accrescere il nostro know-how industriale nonché controllare la qualità lungo tutte le fasi di lavorazione. Questa operazione ci consentirà di accelerare su temi importanti quali la tracciabilità delle materie prime e la trasparenza della nostra catena di fornitura” ha affermato Patrizio Bertelli, amministratore delegato del Gruppo Prada.

Il Gruppo Prada ha comunicato l`acquisizione del 43,65% del capitale sociale della conceria Superior di Santa Croce sull`Arno, Toscana.
La società, eccellenza nella lavorazione delle pelli di vitello, ha da poco convogliato i propri investimenti nella digitalizzazione dei processi e in un piano di sviluppo sostenibile basato su tre pilastri: efficienza energetica, economia circolare e tutela della risorsa idrica.
L`accordo, come riporta dal comunicato, include che la responsabilità della gestione rimanga nelle mani dell’ attuale amministratore delegato Stefano Caponi.

“L`ingresso di Prada nel capitale sociale della conceria Superior rappresenta un altro passo importante nel percorso strategico di integrazione verticale della filiera produttiva del Gruppo, con investimenti nelle infrastrutture e nelle persone, per accrescere il nostro know-how industriale nonché controllare la qualità lungo tutte le fasi di lavorazione. Questa operazione ci consentirà di accelerare su temi importanti quali la tracciabilità delle materie prime e la trasparenza della nostra catena di fornitura” ha affermato Patrizio Bertelli, amministratore delegato del Gruppo Prada.

Pubblicitàspot_img
Pubblicitàspot_img

Ultimi articoli