Nadef, Sbarra: servono aiuti economici  a sostegno di lavoro e famiglie  

Luigi Sbarra, segretario generale della Cisl, ha commentato con un comunicato i dati derivanti dalle analisi sull’ occupazione: “E’ arrivato il calo dell`occupazione dopo un anno e mezzo di crescita ininterrotta. Dopo il primo segnale di lieve riduzione di luglio, in agosto il calo si fa più consistente. A diminuire sono soprattutto i dipendenti e il segnale preoccupante è che si tratta quasi esclusivamente di lavoratori a tempo indeterminato. Il balzo dei nuovi occupati autonomi attenua solo in parte il calo complessivo. Scende anche il tasso di disoccupazione ma aumentano parecchio gli inattivi. Sono le prime conseguenze avverse del complesso intreccio tra la situazione ucraina ed il caro energia, che minaccia di abbattersi ancora più pesantemente sulla nostra economia”.

Sbarra evidenzia poi che “le difficoltà del nostro apparato produttivo iniziano a riversarsi sul mercato del lavoro, come la Cisl paventa da settimane. Il Governo uscente ha chiuso la sua azione con il decreto aiuti ter, che segue i due precedenti, ma gli interventi, seppur importanti, sono insufficienti. Si è voluto lasciare al prossimo governo la scelta di ulteriori provvedimenti, ma, fortunatamente si è lasciato anche un avanzo consistente reso possibile da un Pil superiore al previsto e un deficit inferiore, come evidenziato dalla nota di aggiornamento al Def presentata ieri. La Cisl chiede che questo tesoretto sia utilizzato interamente per sostenere il lavoro, il reddito delle famiglie compreso un nuovo periodo di cassa integrazione emergenziale senza oneri per le aziende e scomputato dai limiti di durata massima, replicando l`esperienza della cassa covid che ha consentito una rapida ripresa delle attività produttive una volta superata la fase peggiore dell`emergenza. Auspichiamo anche che il nuovo Governo chieda all`Europa di fare la sua parte, non solo per quanto riguarda il price cap per il gas, ma anche con il rifinanziamento del fondo Sure, per sostenere occupazione e misure di protezione sociale nei singoli Stati”.

Luigi Sbarra, segretario generale della Cisl, ha commentato con un comunicato i dati derivanti dalle analisi sull’ occupazione: “E’ arrivato il calo dell`occupazione dopo un anno e mezzo di crescita ininterrotta. Dopo il primo segnale di lieve riduzione di luglio, in agosto il calo si fa più consistente. A diminuire sono soprattutto i dipendenti e il segnale preoccupante è che si tratta quasi esclusivamente di lavoratori a tempo indeterminato. Il balzo dei nuovi occupati autonomi attenua solo in parte il calo complessivo. Scende anche il tasso di disoccupazione ma aumentano parecchio gli inattivi. Sono le prime conseguenze avverse del complesso intreccio tra la situazione ucraina ed il caro energia, che minaccia di abbattersi ancora più pesantemente sulla nostra economia”.

Sbarra evidenzia poi che “le difficoltà del nostro apparato produttivo iniziano a riversarsi sul mercato del lavoro, come la Cisl paventa da settimane. Il Governo uscente ha chiuso la sua azione con il decreto aiuti ter, che segue i due precedenti, ma gli interventi, seppur importanti, sono insufficienti. Si è voluto lasciare al prossimo governo la scelta di ulteriori provvedimenti, ma, fortunatamente si è lasciato anche un avanzo consistente reso possibile da un Pil superiore al previsto e un deficit inferiore, come evidenziato dalla nota di aggiornamento al Def presentata ieri. La Cisl chiede che questo tesoretto sia utilizzato interamente per sostenere il lavoro, il reddito delle famiglie compreso un nuovo periodo di cassa integrazione emergenziale senza oneri per le aziende e scomputato dai limiti di durata massima, replicando l`esperienza della cassa covid che ha consentito una rapida ripresa delle attività produttive una volta superata la fase peggiore dell`emergenza. Auspichiamo anche che il nuovo Governo chieda all`Europa di fare la sua parte, non solo per quanto riguarda il price cap per il gas, ma anche con il rifinanziamento del fondo Sure, per sostenere occupazione e misure di protezione sociale nei singoli Stati”.

Pubblicitàspot_img
Pubblicitàspot_img

Ultimi articoli