Nobili (Iv): vogliamo portare avanti il lavoro di Draghi

 

Intervistato ai microfoni di La7, il deputato e componente della cabina nazionale di regia di Italia Viva Luciano Nobili ha dichiarato: “In campagna elettorale contano i voti e bisogna evitare i veti. Italia Viva non ha posto veti verso nessuno. Però, abbiamo delle idee e vogliamo presentarci davanti agli italiani con la chiarezza e il coraggio di chi vuole portare avanti il lavoro di Mario Draghi, soli o alleati con chi ha le nostre stesse idee. La cattiva politica di Conte, Berlusconi e Salvini ha privato l`Italia del miglior governo che potesse avere e ora costringe gli italiani a una campagna elettorale in piena estate e con tanti problemi aperti: almeno ci si presenti davanti a loro con la chiarezza e la coerenza delle proprie idee. Io voglio tornare in Parlamento solo se gli italiani sceglieranno le mie idee e non perché mi sono alleato con qualcuno con cui, magari, comincerò a litigare il giorno dopo l`elezione. Noi diciamo no a coalizioni che mettono insieme tutto e il contrario di tutto. Che hanno poche idee e molto rancore. Basta prendere l`esempio dei 5 Stelle. All`inizio della scorsa legislatura, nel 2018, dissero che non si sarebbero non dico alleati ma nemmeno seduti a prendere un caffè con altri partiti. È andata a finire che, a parte che con la Meloni, in cinque anni hanno governato con tutti gli altri partiti. E non certo per fare il bene del Paese perché se alla fine di questi cinque anni eravamo più e non meno dipendenti dal gas russo, se oggi gli italiani si devono sobbarcare bollette più pesanti è perché hanno detto no a infrastrutture come i rigassificatori o perché vogliono bloccare il termovalorizzatore a Roma”.

 

Intervistato ai microfoni di La7, il deputato e componente della cabina nazionale di regia di Italia Viva Luciano Nobili ha dichiarato: “In campagna elettorale contano i voti e bisogna evitare i veti. Italia Viva non ha posto veti verso nessuno. Però, abbiamo delle idee e vogliamo presentarci davanti agli italiani con la chiarezza e il coraggio di chi vuole portare avanti il lavoro di Mario Draghi, soli o alleati con chi ha le nostre stesse idee. La cattiva politica di Conte, Berlusconi e Salvini ha privato l`Italia del miglior governo che potesse avere e ora costringe gli italiani a una campagna elettorale in piena estate e con tanti problemi aperti: almeno ci si presenti davanti a loro con la chiarezza e la coerenza delle proprie idee. Io voglio tornare in Parlamento solo se gli italiani sceglieranno le mie idee e non perché mi sono alleato con qualcuno con cui, magari, comincerò a litigare il giorno dopo l`elezione. Noi diciamo no a coalizioni che mettono insieme tutto e il contrario di tutto. Che hanno poche idee e molto rancore. Basta prendere l`esempio dei 5 Stelle. All`inizio della scorsa legislatura, nel 2018, dissero che non si sarebbero non dico alleati ma nemmeno seduti a prendere un caffè con altri partiti. È andata a finire che, a parte che con la Meloni, in cinque anni hanno governato con tutti gli altri partiti. E non certo per fare il bene del Paese perché se alla fine di questi cinque anni eravamo più e non meno dipendenti dal gas russo, se oggi gli italiani si devono sobbarcare bollette più pesanti è perché hanno detto no a infrastrutture come i rigassificatori o perché vogliono bloccare il termovalorizzatore a Roma”.

Pubblicitàspot_img
Pubblicitàspot_img

Ultimi articoli