Plastica, allarme OCSE: inquinamento in aumento, non all’altezza la gestione dei rifiuti e il riciclo

L’inquinamento da plastica sta crescendo incessantemente poiché la gestione dei rifiuti e il riciclaggio non sono all’altezza. Lo denuncia l’OCSE. Sulla Terra viene prodotto il doppio dei rifiuti di plastica rispetto a due decenni fa, la maggior parte dei quali finisce in discarica, incenerita o dispersa nell’ambiente. Solo il 9% viene riciclato con successo.

Dati allarmanti, secondo il nuovo rapporto dell’OCSE che, in vista dei colloqui delle Nazioni Unite sull’azione internazionale per ridurre i rifiuti di plastica, ha redatto il primo Global Plastics Outlook.

Esso evidenzia che, mentre l’aumento della popolazione e dei redditi determinano un aumento incessante della quantità di plastica utilizzata e gettata via, le politiche per frenarne la dispersione nell’ambiente stanno diminuendo.

Quasi la metà di tutti i rifiuti di plastica viene generata nei paesi dell’OCSE, secondo l’Outlook. I rifiuti di plastica prodotti annualmente per persona variano da 221 kg negli Stati Uniti e 114 kg nei Paesi europei dell’OCSE a 69 kg, in media, per Giappone e Corea.

La maggior parte dell’inquinamento da plastica deriva dalla raccolta e dallo smaltimento inadeguati di rifiuti di plastica più grandi noti come macroplastiche, ma anche la fuoriuscita di microplastiche (polimeri sintetici di diametro inferiore a 5 mm) da elementi come pellet di plastica industriali, tessuti sintetici, segnaletica orizzontale e usura degli pneumatici desta preoccupazione.

I Paesi dell’OCSE sono protagonisti del 14% delle perdite complessive di plastica. E dell’11% delle perdite di macroplastiche e del 35% delle perdite di microplastiche.

L’Outlook evidenzia che la cooperazione internazionale per ridurre l’inquinamento da plastica dovrebbe includere il sostegno ai Paesi a basso reddito nello sviluppo di migliori infrastrutture di gestione dei rifiuti per ridurre le perdite di plastica. E rileva che l’emergenza sanitaria causata dal Covid ha condotto a una diminuzione del 2,2% dell’uso della plastica nel 2020 a causa del rallentamento dell’attività economica. Ma un aumento dei rifiuti plastici, degli imballaggi per cibo da asporto e delle attrezzature mediche in plastica come le mascherine ha fatto aumentare i rifiuti.

Con la ripresa dell’attività economica nel 2021, anche il consumo di plastica è rimbalzato. La riduzione dell’inquinamento da plastica richiederà un’azione e una cooperazione internazionale per ridurre la produzione di plastica, anche attraverso l’innovazione, una migliore progettazione dei prodotti e lo sviluppo di alternative rispettose dell’ambiente, nonché sforzi per migliorare la gestione dei rifiuti e aumentare il riciclaggio.

Divieti e tasse sulla plastica monouso esistono in più di 120 Paesi, ma non contribuiscono a ridurre l’inquinamento generale. La maggior parte delle normative si limita a direttive come sui sacchetti di plastica, che costituiscono una piccola parte dei rifiuti di plastica. E che invece l’OCSE considera più efficaci nel ridurre i rifiuti che nel limitare il consumo di plastica.

Le tasse sulle discariche e sull’incenerimento che incentivano il riciclaggio esistono solo in una minoranza di Paesi. Le prospettive invitano a un maggiore utilizzo di strumenti quali i regimi di responsabilità estesa del produttore per imballaggi e beni durevoli, le tasse sulle discariche, il rimborso del deposito e i sistemi Pay-as-You-Throw.

La maggior parte delle plastiche in uso oggi sono materie vergini o primarie, ottenute da petrolio greggio o gas. La produzione globale di plastica da plastica riciclata – o secondaria – è più che quadruplicata da 6,8 milioni di tonnellate (Mt) nel 2000 a 29,1 Mt nel 2019, ma questa è ancora solo il 6% della dimensione della produzione totale di plastica.

È necessario, allora, fare di più per creare un mercato separato e funzionante per la plastica riciclata, che è ancora considerata un sostituto della plastica vergine. La definizione di obiettivi di contenuto riciclato e l’investimento in tecnologie di riciclaggio migliorate potrebbero contribuire a rendere i mercati secondari più competitivi e redditizi.

I dati del Rapporto sono numerosi. Il consumo di plastica è quadruplicato negli ultimi 30 anni, trainato dalla crescita nei mercati emergenti. La produzione mondiale di plastica è raddoppiata dal 2000 al 2019 per raggiungere 460 milioni di tonnellate. La plastica rappresenta il 3,4% delle emissioni globali di gas serra. La produzione globale di rifiuti di plastica è più che raddoppiata dal 2000 al 2019 a 353 milioni di tonnellate.

E ancora, quasi i due terzi dei rifiuti di plastica provengono da materie plastiche con una durata inferiore a cinque anni, con il 40% proveniente da imballaggi, il 12% da beni di consumo e l’11% da abbigliamento e tessuti. Solo il 9% dei rifiuti di plastica viene riciclato (il 15% viene raccolto per il riciclaggio ma il 40% viene smaltito come residuo).

Un altro 19% viene incenerito, il 50% finisce in discarica e il 22% elude i sistemi di gestione dei rifiuti e finisce in discariche incontrollate, viene bruciato in pozzi aperti o finisce in ambienti terrestri o acquatici, soprattutto nei Paesi più poveri.

Nel 2019, 6,1 milioni di tonnellate (Mt) di rifiuti di plastica sono fuoriuscite negli ambienti acquatici e 1,7 Mt sono sfociati negli oceani. Attualmente ci sono circa 30 Mt di rifiuti di plastica nei mari e negli oceani e altri 109 Mt si sono accumulati nei fiumi. L’accumulo di plastica nei fiumi implica che le perdite nell’oceano continueranno per decenni a venire, anche se i rifiuti di plastica gestiti in modo errato potrebbero essere notevolmente ridotti.

Se si considerano le catene del valore globali e il commercio di materie plastiche, l’allineamento degli approcci di progettazione e la regolamentazione delle sostanze chimiche sarà fondamentale per migliorare la circolarità della plastica. Su questo, un approccio internazionale alla gestione dei rifiuti dovrebbe portare a tutte le fonti disponibili di finanziamenti, compresi gli aiuti allo sviluppo, mobilitati per aiutare i Paesi a reddito medio e basso a sostenere costi stimati di 25 miliardi di euro all’anno per migliorare le infrastrutture di gestione dei rifiuti.

L’inquinamento da plastica sta crescendo incessantemente poiché la gestione dei rifiuti e il riciclaggio non sono all’altezza. Lo denuncia l’OCSE. Sulla Terra viene prodotto il doppio dei rifiuti di plastica rispetto a due decenni fa, la maggior parte dei quali finisce in discarica, incenerita o dispersa nell’ambiente. Solo il 9% viene riciclato con successo.

Dati allarmanti, secondo il nuovo rapporto dell’OCSE che, in vista dei colloqui delle Nazioni Unite sull’azione internazionale per ridurre i rifiuti di plastica, ha redatto il primo Global Plastics Outlook.

Esso evidenzia che, mentre l’aumento della popolazione e dei redditi determinano un aumento incessante della quantità di plastica utilizzata e gettata via, le politiche per frenarne la dispersione nell’ambiente stanno diminuendo.

Quasi la metà di tutti i rifiuti di plastica viene generata nei paesi dell’OCSE, secondo l’Outlook. I rifiuti di plastica prodotti annualmente per persona variano da 221 kg negli Stati Uniti e 114 kg nei Paesi europei dell’OCSE a 69 kg, in media, per Giappone e Corea.

La maggior parte dell’inquinamento da plastica deriva dalla raccolta e dallo smaltimento inadeguati di rifiuti di plastica più grandi noti come macroplastiche, ma anche la fuoriuscita di microplastiche (polimeri sintetici di diametro inferiore a 5 mm) da elementi come pellet di plastica industriali, tessuti sintetici, segnaletica orizzontale e usura degli pneumatici desta preoccupazione.

I Paesi dell’OCSE sono protagonisti del 14% delle perdite complessive di plastica. E dell’11% delle perdite di macroplastiche e del 35% delle perdite di microplastiche.

L’Outlook evidenzia che la cooperazione internazionale per ridurre l’inquinamento da plastica dovrebbe includere il sostegno ai Paesi a basso reddito nello sviluppo di migliori infrastrutture di gestione dei rifiuti per ridurre le perdite di plastica. E rileva che l’emergenza sanitaria causata dal Covid ha condotto a una diminuzione del 2,2% dell’uso della plastica nel 2020 a causa del rallentamento dell’attività economica. Ma un aumento dei rifiuti plastici, degli imballaggi per cibo da asporto e delle attrezzature mediche in plastica come le mascherine ha fatto aumentare i rifiuti.

Con la ripresa dell’attività economica nel 2021, anche il consumo di plastica è rimbalzato. La riduzione dell’inquinamento da plastica richiederà un’azione e una cooperazione internazionale per ridurre la produzione di plastica, anche attraverso l’innovazione, una migliore progettazione dei prodotti e lo sviluppo di alternative rispettose dell’ambiente, nonché sforzi per migliorare la gestione dei rifiuti e aumentare il riciclaggio.

Divieti e tasse sulla plastica monouso esistono in più di 120 Paesi, ma non contribuiscono a ridurre l’inquinamento generale. La maggior parte delle normative si limita a direttive come sui sacchetti di plastica, che costituiscono una piccola parte dei rifiuti di plastica. E che invece l’OCSE considera più efficaci nel ridurre i rifiuti che nel limitare il consumo di plastica.

Le tasse sulle discariche e sull’incenerimento che incentivano il riciclaggio esistono solo in una minoranza di Paesi. Le prospettive invitano a un maggiore utilizzo di strumenti quali i regimi di responsabilità estesa del produttore per imballaggi e beni durevoli, le tasse sulle discariche, il rimborso del deposito e i sistemi Pay-as-You-Throw.

La maggior parte delle plastiche in uso oggi sono materie vergini o primarie, ottenute da petrolio greggio o gas. La produzione globale di plastica da plastica riciclata – o secondaria – è più che quadruplicata da 6,8 milioni di tonnellate (Mt) nel 2000 a 29,1 Mt nel 2019, ma questa è ancora solo il 6% della dimensione della produzione totale di plastica.

È necessario, allora, fare di più per creare un mercato separato e funzionante per la plastica riciclata, che è ancora considerata un sostituto della plastica vergine. La definizione di obiettivi di contenuto riciclato e l’investimento in tecnologie di riciclaggio migliorate potrebbero contribuire a rendere i mercati secondari più competitivi e redditizi.

I dati del Rapporto sono numerosi. Il consumo di plastica è quadruplicato negli ultimi 30 anni, trainato dalla crescita nei mercati emergenti. La produzione mondiale di plastica è raddoppiata dal 2000 al 2019 per raggiungere 460 milioni di tonnellate. La plastica rappresenta il 3,4% delle emissioni globali di gas serra. La produzione globale di rifiuti di plastica è più che raddoppiata dal 2000 al 2019 a 353 milioni di tonnellate.

E ancora, quasi i due terzi dei rifiuti di plastica provengono da materie plastiche con una durata inferiore a cinque anni, con il 40% proveniente da imballaggi, il 12% da beni di consumo e l’11% da abbigliamento e tessuti. Solo il 9% dei rifiuti di plastica viene riciclato (il 15% viene raccolto per il riciclaggio ma il 40% viene smaltito come residuo).

Un altro 19% viene incenerito, il 50% finisce in discarica e il 22% elude i sistemi di gestione dei rifiuti e finisce in discariche incontrollate, viene bruciato in pozzi aperti o finisce in ambienti terrestri o acquatici, soprattutto nei Paesi più poveri.

Nel 2019, 6,1 milioni di tonnellate (Mt) di rifiuti di plastica sono fuoriuscite negli ambienti acquatici e 1,7 Mt sono sfociati negli oceani. Attualmente ci sono circa 30 Mt di rifiuti di plastica nei mari e negli oceani e altri 109 Mt si sono accumulati nei fiumi. L’accumulo di plastica nei fiumi implica che le perdite nell’oceano continueranno per decenni a venire, anche se i rifiuti di plastica gestiti in modo errato potrebbero essere notevolmente ridotti.

Se si considerano le catene del valore globali e il commercio di materie plastiche, l’allineamento degli approcci di progettazione e la regolamentazione delle sostanze chimiche sarà fondamentale per migliorare la circolarità della plastica. Su questo, un approccio internazionale alla gestione dei rifiuti dovrebbe portare a tutte le fonti disponibili di finanziamenti, compresi gli aiuti allo sviluppo, mobilitati per aiutare i Paesi a reddito medio e basso a sostenere costi stimati di 25 miliardi di euro all’anno per migliorare le infrastrutture di gestione dei rifiuti.

Pubblicitàspot_img
Pubblicitàspot_img

Ultimi articoli