Poliziotti aggrediti a Torino da “tifosi” del Senegal, è polemica

Il Senegal vince la Coppa d’Africa e a Torino esplode il caos. Che, ovviamente, diventa anche politico. Una volante della polizia è stata accerchiata e assaltata a calci, mentre gli agenti sono stati costretti ad allontanarsi. Autori dell’aggressione una decina di scalmanati sedicenti tifosi del Senegal. L’episodio è a Torino, durante i festeggiamenti per la vittoria della Coppa d’Africa, nell’area di corso Palermo nel quartiere Barriera di Milano. Altri disordini si sono registrati a Milano e in altre parti d’Italia. Ma il caso di Torino è diventato immediatamente virale a causa del fatto che i disordini sono stati filmati e pubblicati su internet. Il ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese, in una nota ha espresso “la sua più ferma e netta condanna per l’aggressione subita a Torino da un equipaggio della Polizia di Stato durante un servizio di controllo del territorio”.

Il ministro dell’Interno ha poi aggiunto che “nel ribadire la sua gratitudine a tutte le donne e gli uomini delle forze di polizia impegnati quotidianamente per tutelare la sicurezza dei cittadini, assicura il massimo impegno affinché vengano individuati al più presto i responsabili di questo gravissimo episodio”. Ma la polemica è servita. Dal centrodestra piovono accuse. Fratelli d’Italia, con la deputata Augusta Montaruli e l’assessore regionale agli Affari Legali Maurizio Marrone, ha tuonato: “I video parlano chiaro, bande di immigrati che aggrediscono le volanti della polizia nel quartiere, costringendole alla fuga, e poi generano il caos”. Quindi gli esponenti della destra torinese e piemontese hanno aggiunto, polemizzando con l’amministrazione comunale: “Di sicuro per loro lo psicologo da strada proposto dal sindaco è una barzelletta Torino nord si sta trasformando in un maxi ghetto dove imperversano gli spacciatori della mafia africana”.

Il Senegal vince la Coppa d’Africa e a Torino esplode il caos. Che, ovviamente, diventa anche politico. Una volante della polizia è stata accerchiata e assaltata a calci, mentre gli agenti sono stati costretti ad allontanarsi. Autori dell’aggressione una decina di scalmanati sedicenti tifosi del Senegal. L’episodio è a Torino, durante i festeggiamenti per la vittoria della Coppa d’Africa, nell’area di corso Palermo nel quartiere Barriera di Milano. Altri disordini si sono registrati a Milano e in altre parti d’Italia. Ma il caso di Torino è diventato immediatamente virale a causa del fatto che i disordini sono stati filmati e pubblicati su internet. Il ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese, in una nota ha espresso “la sua più ferma e netta condanna per l’aggressione subita a Torino da un equipaggio della Polizia di Stato durante un servizio di controllo del territorio”.

Il ministro dell’Interno ha poi aggiunto che “nel ribadire la sua gratitudine a tutte le donne e gli uomini delle forze di polizia impegnati quotidianamente per tutelare la sicurezza dei cittadini, assicura il massimo impegno affinché vengano individuati al più presto i responsabili di questo gravissimo episodio”. Ma la polemica è servita. Dal centrodestra piovono accuse. Fratelli d’Italia, con la deputata Augusta Montaruli e l’assessore regionale agli Affari Legali Maurizio Marrone, ha tuonato: “I video parlano chiaro, bande di immigrati che aggrediscono le volanti della polizia nel quartiere, costringendole alla fuga, e poi generano il caos”. Quindi gli esponenti della destra torinese e piemontese hanno aggiunto, polemizzando con l’amministrazione comunale: “Di sicuro per loro lo psicologo da strada proposto dal sindaco è una barzelletta Torino nord si sta trasformando in un maxi ghetto dove imperversano gli spacciatori della mafia africana”.

Pubblicitàspot_img
Pubblicitàspot_img

Ultimi articoli