Premio “giornali e giornalismi nelle scuole 2020”

Non sarà annullata, nonostante l’emergenza sanitaria che ha bloccato a casa l’Italia intera,  l’edizione 2020 del concorso nazionale del Consiglio nazionale dell’Ordine dei giornalisti “Giornali e giornalismi nelle scuole”.

Anche per questa diciassettesima edizione, a cui oltre 500 scuole da tutta Italia hanno inviato i loro bellissimi elaborati, saranno assegnati i riconoscimenti che l’iniziativa merita. 

Si tratta, peraltro, di una straordinaria produzione scolastica, nell’ambito della quale ogni singolo giornale, ogni periodico, ogni radiogiornale o telegiornale, ogni pubblicazione online elaborata dai ragazzi delle scuole elementari, medie e superiori, rappresenta la traccia fondamentale per un più stretto rapporto tra scuola e informazione. Uno strumento di arricchimento comunicativo e di modernizzazione del linguaggio concepito proprio per valorizzare l’attività di informazione quale occasione di maturazione di una coscienza civile.

Nel momento in cui sono scattate le misure di contenimento della diffusione del Covid-19, che ha richiesto per tutti l’osservanza di rigide regole di lockdown, il gruppo di lavoro dei giornalisti chiamati a valutare gli elaborati inviati al Cnog dalle scuole, aveva praticamente già concluso il proprio compito. Stabilite anche le date in cui, tradizionalmente, vengono consegnati i riconoscimenti, che da alcuni anni si assegnano a Cesena, entro la fine del mese di aprile. Già confermata la partecipazione di importanti direttori di giornali e dei vertici del Consiglio Nazionale dei Giornalisti che con entusiasmo si sarebbero confrontati anche quest’anno con i ragazzi, almeno 700, in arrivo da tutte le regioni d’Italia accompagnati dai loro insegnanti. Il lockdown e la chiusura anticipata delle scuole, però, almeno per quest’anno, impediscono che il programma dell’incontro venga rispettato. Ma non sarà un’edizione senza riconoscimenti, che saranno comunque consegnati alle testate (cartacee, online, video, audio) che più di altre hanno onorato lo spirito del concorso. Sul sito del Cnog sarà, a breve, pubblicato l’elenco delle scuole vincitrici che riceveranno i diplomi per posta ordinaria. Si tratta, come prevede il regolamento, di 25 scuole per ogni ordine, per un totale di 75 premi. 

Carolina Biordi

 

Non sarà annullata, nonostante l’emergenza sanitaria che ha bloccato a casa l’Italia intera,  l’edizione 2020 del concorso nazionale del Consiglio nazionale dell’Ordine dei giornalisti “Giornali e giornalismi nelle scuole”.

Anche per questa diciassettesima edizione, a cui oltre 500 scuole da tutta Italia hanno inviato i loro bellissimi elaborati, saranno assegnati i riconoscimenti che l’iniziativa merita. 

Si tratta, peraltro, di una straordinaria produzione scolastica, nell’ambito della quale ogni singolo giornale, ogni periodico, ogni radiogiornale o telegiornale, ogni pubblicazione online elaborata dai ragazzi delle scuole elementari, medie e superiori, rappresenta la traccia fondamentale per un più stretto rapporto tra scuola e informazione. Uno strumento di arricchimento comunicativo e di modernizzazione del linguaggio concepito proprio per valorizzare l’attività di informazione quale occasione di maturazione di una coscienza civile.

Nel momento in cui sono scattate le misure di contenimento della diffusione del Covid-19, che ha richiesto per tutti l’osservanza di rigide regole di lockdown, il gruppo di lavoro dei giornalisti chiamati a valutare gli elaborati inviati al Cnog dalle scuole, aveva praticamente già concluso il proprio compito. Stabilite anche le date in cui, tradizionalmente, vengono consegnati i riconoscimenti, che da alcuni anni si assegnano a Cesena, entro la fine del mese di aprile. Già confermata la partecipazione di importanti direttori di giornali e dei vertici del Consiglio Nazionale dei Giornalisti che con entusiasmo si sarebbero confrontati anche quest’anno con i ragazzi, almeno 700, in arrivo da tutte le regioni d’Italia accompagnati dai loro insegnanti. Il lockdown e la chiusura anticipata delle scuole, però, almeno per quest’anno, impediscono che il programma dell’incontro venga rispettato. Ma non sarà un’edizione senza riconoscimenti, che saranno comunque consegnati alle testate (cartacee, online, video, audio) che più di altre hanno onorato lo spirito del concorso. Sul sito del Cnog sarà, a breve, pubblicato l’elenco delle scuole vincitrici che riceveranno i diplomi per posta ordinaria. Si tratta, come prevede il regolamento, di 25 scuole per ogni ordine, per un totale di 75 premi. 

Carolina Biordi

 

Pubblicitàspot_img
Pubblicitàspot_img

Ultimi articoli