Previdenza, Cnpr Forum: “Piena autonomia alle Casse professionali”

“Dalla doppia tassazione ai limiti agli investimenti: l’autonomia della previdenza privatizzata è in pericolo?” Se ne è parlato in un webinar promosso dalla Cassa nazionale di previdenza dei Ragionieri e degli Esperti contabili presieduta da Luigi Pagliuca, cui hanno partecipato esponenti dei partiti politici e professionisti.

“L’Italia è il Paese delle cose fatte a metà come avvenuto per la privatizzazione delle casse di previdenza – ha detto Gianluca Cantalamessa, parlamentare della Lega in Commissione Finanze a Montecitorio. Si è lavorato fino al raggiungimento di un primo step e poi si è arenato tutto. Condivido l’analisi del professore Sabino Cassese quando afferma che bisogna superare tutte le incongruenze che impediscono agli enti previdenziali professionali la loro piena autonomia. Gli effetti sono sotto gli occhi di tutti, a partire dal fenomeno della doppia tassazione che è profondamente iniquo”.

Sulle riflessioni dell’ex giudice della Corte Costituzionale si è soffermato anche Renzo Tondo, deputato di Noi con l’Italia nella Commissione parlamentare di controllo sull’attività degli enti previdenziali: “Ascolto sempre con attenzione il professore Cassese in particolare sul tema dell’autonomia delle casse di previdenza. Sono completamente d’accordo sull’ipotesi di non toccare il ruolo privato che esse hanno. Da lavoratore autonomo conosco l’importanza e la necessità di immaginare e pensare che tutti i lavoratori autonomi debbano essere messi nelle condizioni migliori possibili per costruirsi il proprio futuro accumulando quelle risorse che possano garantire loro una pensione dignitosa dopo tanti anni di lavoro”.

Sul tema dell’autonomia delle casse si è espresso anche Gianfranco Di Sarno, parlamentare di “Insieme per il futuro” nella Commissione parlamentare di controllo sull’attività degli enti previdenziali: “L’autonomia è una risorsa preziosa per le casse di previdenza che tutti gli iscritti devono dimostrare di meritare anche attraverso comportamenti responsabili. Mi associo alle riflessioni del professore Cassese anche se ritengo che sarebbe profondamente sbagliato far finta di non vedere la gestione poco virtuosa di alcune di esse. Pensiamo, ad esempio, a quanto accaduto al fondo Enasarco e alle profonde criticità che sono maturate in seguito alla loro gestione. Ancora oggi quella situazione versa in condizioni molto precarie con equilibri di bilancio altrettanto precari che non consentono di rimediare agli errori del passato se non attraverso un intervento pubblico”

Secondo Graziano Musella, deputato di Forza Italia in Commissione Lavoro alla Camera dei Deputati, “bisogna credere sempre di più nella libertà d’impresa e Forza Italia lo ha sempre fatto con grande coerenza e determinazione. Pensiamo a quanto previsto nel decreto Ristori dove abbiamo cercato di dare un sostegno reale alle libere professioni e agli imprenditori. Ma sul tema delle autonomie delle casse è importante prevedere un sistema di controllo pubblico per evitare che si creino nuovi sistemi caratterizzati da una cattiva gestione delle casse stesse”.

Il punto di vista dei professionisti è stato illustrato da Angela Perrone, commercialista e revisore legale dell’Odcec di Roma: “Condividiamo le parole di Sabino Cassese quando dice che il tema dell’autonomia delle casse di previdenza avrebbe dovuto essere sostenuto e non ridimensionato con tutti gli interventi legislativi che si sono susseguiti da trent’anni a questa parte. Due gli errori fondamentali: ritenerle organismi di diritto pubblico mentre la legge gli aveva attribuito una natura privatistica; assimilarle alla pubblica amministrazione applicando loro norme e procedure di evidenza pubblica. L’autonomia va recuperata affinchè possano espletare la loro missione”.

Per Paolo Longoni, consigliere d’amministrazione della Cnpr, “i rapporti tra gli enti previdenziali privatizzati e gli organi dello Stato, che dovrebbero vigilare, in realtà stanno subendo un’involuzione negli ultimi anni che è giudicata da autorevoli studiosi particolarmente pericolosa. Involuzioni normative che portano verso una pubblicizzazione di queste casse assimilandole sempre più alla pubblica amministrazione. Credo che su questo vada richiamata l’attenzione e la vigilanza di tutti noi. Gli enti di previdenza privatizzati dicono no al tentativo di assimilazione alla normativa della pubblica amministrazione. Questo non deve essere fermo non per tutelare quello che viene definito il patrimonio degli enti previdenziali privati ma per difendere l’autonomia anche finanziaria. Noi abbiamo l’obbligo di essere in equilibrio a 30 e a 50 anni. E la previdenza pubblica questo obbligo non ce l’ha”.

“Dalla doppia tassazione ai limiti agli investimenti: l’autonomia della previdenza privatizzata è in pericolo?” Se ne è parlato in un webinar promosso dalla Cassa nazionale di previdenza dei Ragionieri e degli Esperti contabili presieduta da Luigi Pagliuca, cui hanno partecipato esponenti dei partiti politici e professionisti.

“L’Italia è il Paese delle cose fatte a metà come avvenuto per la privatizzazione delle casse di previdenza – ha detto Gianluca Cantalamessa, parlamentare della Lega in Commissione Finanze a Montecitorio. Si è lavorato fino al raggiungimento di un primo step e poi si è arenato tutto. Condivido l’analisi del professore Sabino Cassese quando afferma che bisogna superare tutte le incongruenze che impediscono agli enti previdenziali professionali la loro piena autonomia. Gli effetti sono sotto gli occhi di tutti, a partire dal fenomeno della doppia tassazione che è profondamente iniquo”.

Sulle riflessioni dell’ex giudice della Corte Costituzionale si è soffermato anche Renzo Tondo, deputato di Noi con l’Italia nella Commissione parlamentare di controllo sull’attività degli enti previdenziali: “Ascolto sempre con attenzione il professore Cassese in particolare sul tema dell’autonomia delle casse di previdenza. Sono completamente d’accordo sull’ipotesi di non toccare il ruolo privato che esse hanno. Da lavoratore autonomo conosco l’importanza e la necessità di immaginare e pensare che tutti i lavoratori autonomi debbano essere messi nelle condizioni migliori possibili per costruirsi il proprio futuro accumulando quelle risorse che possano garantire loro una pensione dignitosa dopo tanti anni di lavoro”.

Sul tema dell’autonomia delle casse si è espresso anche Gianfranco Di Sarno, parlamentare di “Insieme per il futuro” nella Commissione parlamentare di controllo sull’attività degli enti previdenziali: “L’autonomia è una risorsa preziosa per le casse di previdenza che tutti gli iscritti devono dimostrare di meritare anche attraverso comportamenti responsabili. Mi associo alle riflessioni del professore Cassese anche se ritengo che sarebbe profondamente sbagliato far finta di non vedere la gestione poco virtuosa di alcune di esse. Pensiamo, ad esempio, a quanto accaduto al fondo Enasarco e alle profonde criticità che sono maturate in seguito alla loro gestione. Ancora oggi quella situazione versa in condizioni molto precarie con equilibri di bilancio altrettanto precari che non consentono di rimediare agli errori del passato se non attraverso un intervento pubblico”

Secondo Graziano Musella, deputato di Forza Italia in Commissione Lavoro alla Camera dei Deputati, “bisogna credere sempre di più nella libertà d’impresa e Forza Italia lo ha sempre fatto con grande coerenza e determinazione. Pensiamo a quanto previsto nel decreto Ristori dove abbiamo cercato di dare un sostegno reale alle libere professioni e agli imprenditori. Ma sul tema delle autonomie delle casse è importante prevedere un sistema di controllo pubblico per evitare che si creino nuovi sistemi caratterizzati da una cattiva gestione delle casse stesse”.

Il punto di vista dei professionisti è stato illustrato da Angela Perrone, commercialista e revisore legale dell’Odcec di Roma: “Condividiamo le parole di Sabino Cassese quando dice che il tema dell’autonomia delle casse di previdenza avrebbe dovuto essere sostenuto e non ridimensionato con tutti gli interventi legislativi che si sono susseguiti da trent’anni a questa parte. Due gli errori fondamentali: ritenerle organismi di diritto pubblico mentre la legge gli aveva attribuito una natura privatistica; assimilarle alla pubblica amministrazione applicando loro norme e procedure di evidenza pubblica. L’autonomia va recuperata affinchè possano espletare la loro missione”.

Per Paolo Longoni, consigliere d’amministrazione della Cnpr, “i rapporti tra gli enti previdenziali privatizzati e gli organi dello Stato, che dovrebbero vigilare, in realtà stanno subendo un’involuzione negli ultimi anni che è giudicata da autorevoli studiosi particolarmente pericolosa. Involuzioni normative che portano verso una pubblicizzazione di queste casse assimilandole sempre più alla pubblica amministrazione. Credo che su questo vada richiamata l’attenzione e la vigilanza di tutti noi. Gli enti di previdenza privatizzati dicono no al tentativo di assimilazione alla normativa della pubblica amministrazione. Questo non deve essere fermo non per tutelare quello che viene definito il patrimonio degli enti previdenziali privati ma per difendere l’autonomia anche finanziaria. Noi abbiamo l’obbligo di essere in equilibrio a 30 e a 50 anni. E la previdenza pubblica questo obbligo non ce l’ha”.

Pubblicitàspot_img
Pubblicitàspot_img

Ultimi articoli