Punta Campanella al Nauticsud: Rispettare la biodiversità

L’ Area Marina protetta di Punta Campanella parteciperà a Nauticsud per promuovere il Campo boe, una fruizione del mare sostenibile e i progetti di salvaguardia per delfini e tartarughe.

Dalla settimana prossima, Nauticsud, il salone internazionale dedicato alla filiera nautica che si svolgerà dal 12 al 20 febbraio alla Mostra d’Oltremare a Napoli, giunta alla 48esima edizione, vedrà la presenza dell’area protetta campana.

“Un’occasione – dice il presidente Lucio Cacace – per promuovere il Parco marino della costiera sorrentino amalfitana, per sensibilizzare i visitatori al rispetto delle regole e della biodiversità, per far conoscere il nostro Campo Boe sostenibile e i nostri progetti di tutela nei confronti dei delfini e delle tartarughe”.

In vetrina, le meraviglie paesaggistiche e naturali dell’area e il Campo boe sostenibile che consente l’ormeggio a 35 natanti nella cornice di Marina del Cantone senza causare impatti per i fondali e danni per la prateria di posidonia.

Spazio, nello stand, anche al regolamento del Parco, con le zone in cui è interdetto il transito o l’ancoraggio- come il Vervece, Vetara, Li Galli, la Baia di Ieranto, Crapolla- per tutelare un’area dal grande patrimonio naturalistico. Regole che permettono una fruizione corretta e sostenibile del mare, senza creare pericoli e danni per la ricca biodiversità.

In primo piano, anche l’importanza della Citizen Science, il “cittadino scienziato” che contribuisce alla ricerca con le sue osservazioni, e le azioni di tutela portate avanti dal Parco, come LifeDelfi, il progetto coordinato dall’Irbim Cnr, che vede Punta Campanella tra i partner.

Sarà promossa anche l’App “Marine Ranger”, un’applicazione gratuita che consente ai diportisti, ma non solo, di segnalare tutti gli avvistamenti di delfini, altri cetacei, tartarughe marine in difficoltà.

L’ Area Marina protetta di Punta Campanella parteciperà a Nauticsud per promuovere il Campo boe, una fruizione del mare sostenibile e i progetti di salvaguardia per delfini e tartarughe.

Dalla settimana prossima, Nauticsud, il salone internazionale dedicato alla filiera nautica che si svolgerà dal 12 al 20 febbraio alla Mostra d’Oltremare a Napoli, giunta alla 48esima edizione, vedrà la presenza dell’area protetta campana.

“Un’occasione – dice il presidente Lucio Cacace – per promuovere il Parco marino della costiera sorrentino amalfitana, per sensibilizzare i visitatori al rispetto delle regole e della biodiversità, per far conoscere il nostro Campo Boe sostenibile e i nostri progetti di tutela nei confronti dei delfini e delle tartarughe”.

In vetrina, le meraviglie paesaggistiche e naturali dell’area e il Campo boe sostenibile che consente l’ormeggio a 35 natanti nella cornice di Marina del Cantone senza causare impatti per i fondali e danni per la prateria di posidonia.

Spazio, nello stand, anche al regolamento del Parco, con le zone in cui è interdetto il transito o l’ancoraggio- come il Vervece, Vetara, Li Galli, la Baia di Ieranto, Crapolla- per tutelare un’area dal grande patrimonio naturalistico. Regole che permettono una fruizione corretta e sostenibile del mare, senza creare pericoli e danni per la ricca biodiversità.

In primo piano, anche l’importanza della Citizen Science, il “cittadino scienziato” che contribuisce alla ricerca con le sue osservazioni, e le azioni di tutela portate avanti dal Parco, come LifeDelfi, il progetto coordinato dall’Irbim Cnr, che vede Punta Campanella tra i partner.

Sarà promossa anche l’App “Marine Ranger”, un’applicazione gratuita che consente ai diportisti, ma non solo, di segnalare tutti gli avvistamenti di delfini, altri cetacei, tartarughe marine in difficoltà.

Pubblicitàspot_img
Pubblicitàspot_img

Ultimi articoli