AdnKronos

Rafah, con incursione Israele a rischio la vita di 600mila bambini: l’allarme di Save the Children

di adnkronos -


(Adnkronos) – Non c’è più tempo per proteggere i bambini a Rafah: l’incombente attacco di terra sta costringendo centinaia di migliaia di persone alla fuga e impedendo gli sforzi per portare aiuti umanitari nell'“ultimo rifugio” di Gaza. E' l’allarme lanciato da Save the Children, che ricorda che oggi, 6 maggio, le forze israeliane hanno emesso degli ordini di trasferimento chiedendo ai civili nella parte orientale di Rafah di spostarsi nella cosiddetta “zona umanitaria” israeliana di Al-Mawasi, che, secondo quanto riferito, viene contemporaneamente ampliata. Allo stesso tempo, gli ordini invitano i civili a non spostarsi verso Gaza City e l'area di Wadi Gaza, lasciando la popolazione senza opzioni. Gli ordini seguono una notte di intensi bombardamenti a Rafah, che hanno ucciso almeno 22 persone, tra cui otto bambini. Sempre ieri sera, gli attacchi al valico di Kerem Shalom avrebbero ucciso 3 persone. Non c'è stato alcun dialogo tra le autorità israeliane e le agenzie umanitarie attraverso strutture formali di coordinamento umanitario prima dell'espansione della cosiddetta “zona umanitaria” ad Al-Mawasi, evidenzia il comunicato. “Speravamo che questo giorno non arrivasse mai – ha dichiarato Inger Ashing, direttrice generale di Save the Children International – Per settimane abbiamo avvisato che non esiste un piano di evacuazione fattibile per sfollare e proteggere legalmente i civili. Per settimane abbiamo avvertito delle conseguenze devastanti che tutto ciò avrà sui bambini e sulla nostra capacità di assisterli in una situazione già molto complessa. Per settimane abbiamo chiesto un'azione preventiva. Invece, la comunità internazionale ha distolto lo sguardo. Ora non può più farlo". "L'incursione annunciata non solo metterà a rischio la vita di oltre 600.000 bambini, ma nel migliore dei casi interromperà e nel peggiore causerà il collasso del sistema degli aiuti umanitari che attualmente lotta per mantenere in vita la popolazione di Gaza – prosegue – L’intervento umanitario in questo momento è concentrato a Rafah, l'unico valico consentito alle agenzie umanitarie come Save the Children. Ora il sistema di coordinamento istituito a Rafah è a rischio di interruzione, i magazzini, i veicoli, gli uffici, gli alloggi del personale. Non c'è nessun posto sicuro a Gaza e, con le attuali restrizioni, non c'è nessun posto dove le persone possano accedere ai beni di prima necessità per sopravvivere. L'allontanamento forzato delle persone da Rafah e l'ulteriore interruzione degli aiuti segneranno probabilmente il destino di molti bambini". "Avevamo già esaurito le parole per descrivere la situazione catastrofica di Rafah, ma il prossimo capitolo la porterà a livelli indescrivibili – continua l'organizzazione – Più della metà della popolazione di Gaza è fuggita a Rafah e non ha un posto sicuro dove andare. Molti sono feriti o semplicemente troppo vecchi, malati o deboli per fuggire di nuovo. Le famiglie cercano disperatamente di evitare che i loro figli muoiano di fame e la malnutrizione sta già mietendo vittime. L'intera popolazione di Gaza sta sperimentando la fame estrema e sappiamo che l'imminente incursione avrà un impatto sull'accesso dei bambini a cibo, acqua e cure mediche nel momento in cui ne hanno più bisogno. La negazione dell'accesso umanitario è una grave violazione contro i bambini, la fame non deve mai essere usata come arma di guerra". "Chiediamo a tutti gli Stati di agire ora per proteggere i civili e prevenire ulteriori atrocità a Rafah. Il governo di Israele deve rispettare il divieto di trasferimento forzato e di deportazione dei civili previsto dal diritto internazionale umanitario e fornire ai civili i beni di prima necessità per la sopravvivenza – prosegue – Ora più che mai abbiamo bisogno di un cessate il fuoco immediato e definitivo, attuato dalle parti in conflitto. C'è molto di più che può e deve essere fatto per salvare le vite dei bambini". Save the Children fornisce servizi e supporto essenziali ai bambini palestinesi dal 1953. L’Organizzazione ha messo in atto tutte le misure possibili per sostenere il proprio personale, tenerlo al sicuro e continuare a supportare i bambini e le famiglie nella Striscia di Gaza. Tuttavia, queste opzioni sono limitate dalla condotta delle ostilità: nessun luogo è sicuro a Gaza, anche per il nostro personale e i nostri partner, conclude il comunicato.  —internazionale/esteriwebinfo@adnkronos.com (Web Info)


Torna alle notizie in home

Le ultime news

Dopo la splendida cerimonia di inaugurazione di sabato 18 maggio al Magazzino 26 di Porto Vecchio a Trieste la Mostra “Da Lubiana a Trieste, la Pietra di Aurisina, del Carso e dell’Istria in Italia e nel Mondo” entra nel vivo degli eventi collaterali con l'incontro con il fotografo Lorenzo Parenzan, dal titolo
Il centro Benessere Capelli ha offerto a Francesco Facchinetti un servizio completo e personalizzato, dalla consulenza iniziale alla realizzazione del patch e all'applicazione del trattamento vero e proprio. Grazie alla competenza e all'esperienza del team di professionisti del centro, Facchinetti ha potuto godere di un'esperienza confortevole e soddisfacente, ottenendo risultati estetici eccellenti e una maggiore fiducia in se stesso.