Release G-20: meccanismo flessibile per la riduzione del debito e per lo sviluppo sostenibile

La pandemia del Covid-19 ha generato una pan-crisi di enormi proporzioni. Alcune considerazioni ci portano all’idea RELEASE G-20 promossa da LINK2007 che auspicabilmente sarà lanciata nel G-20 dalla Presidenza italiana nel 2021.

Senza investimenti non c’è sviluppo economico, non ci sono entrate fiscali, non ci può essere rimborso del debito. L’iniziativa RELEASE G-20 può generare una sorta di fondo di recupero per i Paesi fragili.

Dopo la sospensione temporanea del debito nel 2020, RELEASE G-20 è un’iniziativa che auspicabilmente sarà lanciata dalla Presidenza italiana, per una conversione flessibile, totale o parziale, del debito pubblico e privato garantito dai governi, verso la creazione di fondi per gli obiettivi dello sviluppo sostenibile – SDG al fine di stimolare, garantire, sfruttare le opportunità di altri finanziamenti per investimenti sostenibili.

L’obiettivo è quello di aiutare a procedere, verso gli obiettivi della sostenibilità-OS, i Paesi più vulnerabili di fronte a crisi economica causata dalla pandemia che aggiunge e amplifica i limiti strutturali preesistenti della povertà e del sottosviluppo, e di accelerare gli investimenti a lungo termine in infrastrutture resilienti e servizi per lo sviluppo sostenibile, per mezzo di investimenti pubblici e incentivi per quelli privati.

Nell’ambito dello spirito di flessibilità del G-20, in alcuni casi di particolare fragilità, di quei Paesi altamente indebitati, che si ritiene non abbiano livelli di debito sostenibili dopo la pandemia, la cancellazione parziale o totale del debito dovrebbe rimanere un’opzione.

L’iniziativa RELEASE G-20 prevede la riduzione parziale o totale del debito con la creazione da parte del paese debitore di un fondo di contropartita in valuta locale per lo sviluppo sostenibile (fondo SDG) a partire dal controvalore delle restituzioni a loro naturale scadenza.

RELEASE G-20 potrebbe essere la giusta proposta per trovare un accordo a lungo termine finalizzato alla riduzione permanente del peso del debito e per individuare un processo sistematico di ristrutturazione del debito sovrano per i paesi più fragili e altamente indebitati, legato agli obiettivi globali della sostenibilità-OSS, promuovendo investimenti secondo gli indicatori quantitativi di impatto collegati ai suddetti obiettivi: ogni Paese indebitato ridurrebbe in tal modo il suo debito pubblico in cambio di un impegno a investire l’equivalente in valuta locale in un tempo concordato nella sua economia in linea con i princìpi di sostenibilità.

La conversione del debito di un paese in un fondo di investimento ha molti vantaggi: aumenta la sua proprietà; stimola ad assumersi la piena responsabilità della gestione dei fondi, contribuendo in tal modo a costruire la sua capacità amministrativa; risulta più conveniente ai fini di convincere i creditori a rafforzare il loro sistema di relazioni.

L’iniziativa avrà un grande impatto sulla scena politica internazionale sia in quanto passo cruciale per rispettare gli impegni nel finanziamento dei risultati dello sviluppo sostenibile, sia nella programmazione e nelle operazioni da promuovere nell’ambito della cooperazione internazionale, affinché le ristrutturazioni del debito siano eque, ordinate, tempestive ed efficienti e diano spazio ai Paesi di investire negli obiettivi della sostenibilità-OSS, come richiesto dall’Agenda d’azione di Addis Abeba.

In generale, tutti i Paesi del G-20, compresi i Paesi membri che fanno capo anche ad altri specifici coordinamenti come i BRICS, potrebbero avere un vantaggio politico e operativo nel proporre un’azione combinata di riduzione condizionata del debito dei Paesi poveri a favore di investimenti privati sostenibili e strategici provenienti dal loro settore privato. Una crescita equilibrata è un prerequisito per raggiungere la sostenibilità e ridurre la dipendenza dai finanziamenti esteri.

La conversione del debito potrebbe e dovrebbe essere accompagnata dall’adeguamento dell’assistenza allo sviluppo attraverso la blended finance per creare posti di lavoro dignitosi e raggiungere un livello più elevato di sostenibilità. Il Paese in cui si attiverà RELEASE G-20 avrà la possibilità di sfruttare più fondi rispetto al solo aiuto allo sviluppo, che rimane essenziale. Le condizioni di finanziamento dovrebbero essere semplici, trasparenti e facilmente rintracciabili da tutte le Istituzioni coinvolte. Un partner ideale nella Ue sarà il piano di investimenti esterni e il Fondo europeo per lo sviluppo sostenibile (EFSD) che mira esattamente alla riduzione dei rischi per gli investitori privati e co-investire con i fondi SDG generati dal RELEASE G-20. Affinché questa iniziativa sia accettabile e sostenibile, dobbiamo guardare al favore delle opinioni pubbliche e dei responsabili politici dei Paesi creditori. Dobbiamo anche guardare ai Paesi debitori per indurli ad accettare che i flussi finanziari siano mobilitati (dal bilancio generale) in un fondo interno per lo sviluppo sostenibile con l’obiettivo di promuovere e facilitare gli investimenti in questa direzione segnata dalla necessità di raggiungere gli obiettivi strategici generali.

La conversione del debito può essere graduale al fine di aumentare, nel tempo, la leva dell’impatto in fase di definizione delle politiche del paese. Si può prevedere un’ulteriore e più profonda conversione in base al modo con il quale i fondi siano effettivamente utilizzati dai singoli Paesi. L’approccio graduale permette di modificare la strategia di sviluppo e offre ai creditori qualche leva in termini di sicurezza. Inoltre, in caso di cattiva governance, la conversione del debito potrebbe addirittura essere sospesa.

Parte del RELEASE G-20 sarà il forte coinvolgimento di attori privati, attraverso le varie piattaforme, alle Nazioni Unite o ad altri livelli di confronto, finalizzati alla promozione del dialogo. Nell’ambito dell’azione RELEASE G-20, è necessario evitare che i creditori privati approfittino della moratoria, e quindi della cancellazione, e assicurare che le risorse liberate dalla sospensione dei pagamenti per il debito verso Enti pubblici non siano utilizzate per nuovi debiti ai privati senza collegamenti agli investimenti sostenibili. Per questo motivo, è necessario che il G-20, attraverso il Forum Business B20, faccia la necessaria opera di persuasione e si accordi con i debitori per fare pressione sul settore privato, anche selezionando un campione di casi specifici. Il G-20 vedrà il coinvolgimento del gruppo G7, delle Istituzioni Finanziarie Internazionali e del club di Parigi e degli investitori privati con il sostegno del B20 (settore finanziario). L’Unione europea, in quanto membro a pieno titolo del G-20, potrebbe svolgere una parte importante del lavoro con la leadership italiana, con la forza della BEI, della BERS e del FES e promuovere il rilascio del G-20.

Nella campagna di sostegno all’iniziativa, è auspicabile che l’azione della Task force sulla Resilienza finanziaria-T20 possa essere combinata con il coinvolgimento di leader spirituali, intellettuali e scientifici, premi Nobel per la pace e l’economia, personalità di importanza mondiale nell’economia culturale e finanziaria. L’Italia, come ponte naturale tra Europa e Africa, con la sua presidenza del G-20 nel 2021, può e dovrebbe assumere la leadership di questa iniziativa. Le opinioni espresse dall’ambasciatore Roberto Ridolfi sono personali e non riflettono le posizioni ufficiali della FAO né quelle dell’Unione europea.

Roberto Ridolfi

 

La pandemia del Covid-19 ha generato una pan-crisi di enormi proporzioni. Alcune considerazioni ci portano all’idea RELEASE G-20 promossa da LINK2007 che auspicabilmente sarà lanciata nel G-20 dalla Presidenza italiana nel 2021.

Senza investimenti non c’è sviluppo economico, non ci sono entrate fiscali, non ci può essere rimborso del debito. L’iniziativa RELEASE G-20 può generare una sorta di fondo di recupero per i Paesi fragili.

Dopo la sospensione temporanea del debito nel 2020, RELEASE G-20 è un’iniziativa che auspicabilmente sarà lanciata dalla Presidenza italiana, per una conversione flessibile, totale o parziale, del debito pubblico e privato garantito dai governi, verso la creazione di fondi per gli obiettivi dello sviluppo sostenibile – SDG al fine di stimolare, garantire, sfruttare le opportunità di altri finanziamenti per investimenti sostenibili.

L’obiettivo è quello di aiutare a procedere, verso gli obiettivi della sostenibilità-OS, i Paesi più vulnerabili di fronte a crisi economica causata dalla pandemia che aggiunge e amplifica i limiti strutturali preesistenti della povertà e del sottosviluppo, e di accelerare gli investimenti a lungo termine in infrastrutture resilienti e servizi per lo sviluppo sostenibile, per mezzo di investimenti pubblici e incentivi per quelli privati.

Nell’ambito dello spirito di flessibilità del G-20, in alcuni casi di particolare fragilità, di quei Paesi altamente indebitati, che si ritiene non abbiano livelli di debito sostenibili dopo la pandemia, la cancellazione parziale o totale del debito dovrebbe rimanere un’opzione.

L’iniziativa RELEASE G-20 prevede la riduzione parziale o totale del debito con la creazione da parte del paese debitore di un fondo di contropartita in valuta locale per lo sviluppo sostenibile (fondo SDG) a partire dal controvalore delle restituzioni a loro naturale scadenza.

RELEASE G-20 potrebbe essere la giusta proposta per trovare un accordo a lungo termine finalizzato alla riduzione permanente del peso del debito e per individuare un processo sistematico di ristrutturazione del debito sovrano per i paesi più fragili e altamente indebitati, legato agli obiettivi globali della sostenibilità-OSS, promuovendo investimenti secondo gli indicatori quantitativi di impatto collegati ai suddetti obiettivi: ogni Paese indebitato ridurrebbe in tal modo il suo debito pubblico in cambio di un impegno a investire l’equivalente in valuta locale in un tempo concordato nella sua economia in linea con i princìpi di sostenibilità.

La conversione del debito di un paese in un fondo di investimento ha molti vantaggi: aumenta la sua proprietà; stimola ad assumersi la piena responsabilità della gestione dei fondi, contribuendo in tal modo a costruire la sua capacità amministrativa; risulta più conveniente ai fini di convincere i creditori a rafforzare il loro sistema di relazioni.

L’iniziativa avrà un grande impatto sulla scena politica internazionale sia in quanto passo cruciale per rispettare gli impegni nel finanziamento dei risultati dello sviluppo sostenibile, sia nella programmazione e nelle operazioni da promuovere nell’ambito della cooperazione internazionale, affinché le ristrutturazioni del debito siano eque, ordinate, tempestive ed efficienti e diano spazio ai Paesi di investire negli obiettivi della sostenibilità-OSS, come richiesto dall’Agenda d’azione di Addis Abeba.

In generale, tutti i Paesi del G-20, compresi i Paesi membri che fanno capo anche ad altri specifici coordinamenti come i BRICS, potrebbero avere un vantaggio politico e operativo nel proporre un’azione combinata di riduzione condizionata del debito dei Paesi poveri a favore di investimenti privati sostenibili e strategici provenienti dal loro settore privato. Una crescita equilibrata è un prerequisito per raggiungere la sostenibilità e ridurre la dipendenza dai finanziamenti esteri.

La conversione del debito potrebbe e dovrebbe essere accompagnata dall’adeguamento dell’assistenza allo sviluppo attraverso la blended finance per creare posti di lavoro dignitosi e raggiungere un livello più elevato di sostenibilità. Il Paese in cui si attiverà RELEASE G-20 avrà la possibilità di sfruttare più fondi rispetto al solo aiuto allo sviluppo, che rimane essenziale. Le condizioni di finanziamento dovrebbero essere semplici, trasparenti e facilmente rintracciabili da tutte le Istituzioni coinvolte. Un partner ideale nella Ue sarà il piano di investimenti esterni e il Fondo europeo per lo sviluppo sostenibile (EFSD) che mira esattamente alla riduzione dei rischi per gli investitori privati e co-investire con i fondi SDG generati dal RELEASE G-20. Affinché questa iniziativa sia accettabile e sostenibile, dobbiamo guardare al favore delle opinioni pubbliche e dei responsabili politici dei Paesi creditori. Dobbiamo anche guardare ai Paesi debitori per indurli ad accettare che i flussi finanziari siano mobilitati (dal bilancio generale) in un fondo interno per lo sviluppo sostenibile con l’obiettivo di promuovere e facilitare gli investimenti in questa direzione segnata dalla necessità di raggiungere gli obiettivi strategici generali.

La conversione del debito può essere graduale al fine di aumentare, nel tempo, la leva dell’impatto in fase di definizione delle politiche del paese. Si può prevedere un’ulteriore e più profonda conversione in base al modo con il quale i fondi siano effettivamente utilizzati dai singoli Paesi. L’approccio graduale permette di modificare la strategia di sviluppo e offre ai creditori qualche leva in termini di sicurezza. Inoltre, in caso di cattiva governance, la conversione del debito potrebbe addirittura essere sospesa.

Parte del RELEASE G-20 sarà il forte coinvolgimento di attori privati, attraverso le varie piattaforme, alle Nazioni Unite o ad altri livelli di confronto, finalizzati alla promozione del dialogo. Nell’ambito dell’azione RELEASE G-20, è necessario evitare che i creditori privati approfittino della moratoria, e quindi della cancellazione, e assicurare che le risorse liberate dalla sospensione dei pagamenti per il debito verso Enti pubblici non siano utilizzate per nuovi debiti ai privati senza collegamenti agli investimenti sostenibili. Per questo motivo, è necessario che il G-20, attraverso il Forum Business B20, faccia la necessaria opera di persuasione e si accordi con i debitori per fare pressione sul settore privato, anche selezionando un campione di casi specifici. Il G-20 vedrà il coinvolgimento del gruppo G7, delle Istituzioni Finanziarie Internazionali e del club di Parigi e degli investitori privati con il sostegno del B20 (settore finanziario). L’Unione europea, in quanto membro a pieno titolo del G-20, potrebbe svolgere una parte importante del lavoro con la leadership italiana, con la forza della BEI, della BERS e del FES e promuovere il rilascio del G-20.

Nella campagna di sostegno all’iniziativa, è auspicabile che l’azione della Task force sulla Resilienza finanziaria-T20 possa essere combinata con il coinvolgimento di leader spirituali, intellettuali e scientifici, premi Nobel per la pace e l’economia, personalità di importanza mondiale nell’economia culturale e finanziaria. L’Italia, come ponte naturale tra Europa e Africa, con la sua presidenza del G-20 nel 2021, può e dovrebbe assumere la leadership di questa iniziativa. Le opinioni espresse dall’ambasciatore Roberto Ridolfi sono personali e non riflettono le posizioni ufficiali della FAO né quelle dell’Unione europea.

Roberto Ridolfi

 

Pubblicitàspot_img
Pubblicitàspot_img

Ultimi articoli