Russia, anche il grano esportato verrà pagato in rubli?

Dopo che è già accaduto con il gas, forse anche per il grano che la Russia esporta negli altri Paesi del mondo potrebbe essere richiesto il pagamento in rubli. Mosca sta infatti prendendo in considerazione l’idea di imporre la propria moneta come valuta per gli scambi commerciali anche del frumento.

La notizia arriva dal Capo dipartimento per la cooperazione economica del ministero degli esteri russo Dmitry Birichevsky, che parlando della questione con l’agenzia di stampa Sputnik ha dichiarato: “Negli ultimi anni, abbiamo costantemente seguito una politica per ridurre la quota delle valute di Paesi ostili, principalmente del dollaro Usa e dell’euro, nel commercio estero della Russia. Il governo russo ha adottato le misure necessarie affinché il business russo possa effettuare pagamenti che coinvolgono partner stranieri in rubli, nelle loro valute nazionali o in valute idonee di Paesi terzi. Questo lavoro riguarda anche il mercato del grano”.

Dopo che è già accaduto con il gas, forse anche per il grano che la Russia esporta negli altri Paesi del mondo potrebbe essere richiesto il pagamento in rubli. Mosca sta infatti prendendo in considerazione l’idea di imporre la propria moneta come valuta per gli scambi commerciali anche del frumento.

La notizia arriva dal Capo dipartimento per la cooperazione economica del ministero degli esteri russo Dmitry Birichevsky, che parlando della questione con l’agenzia di stampa Sputnik ha dichiarato: “Negli ultimi anni, abbiamo costantemente seguito una politica per ridurre la quota delle valute di Paesi ostili, principalmente del dollaro Usa e dell’euro, nel commercio estero della Russia. Il governo russo ha adottato le misure necessarie affinché il business russo possa effettuare pagamenti che coinvolgono partner stranieri in rubli, nelle loro valute nazionali o in valute idonee di Paesi terzi. Questo lavoro riguarda anche il mercato del grano”.

Pubblicitàspot_img
Pubblicitàspot_img

Ultimi articoli

Squalo bianco

Il lato sinistro di Giuseppi

Lega Sud

Sorpresa il partito del Nord

Il ministro Fedriga