Sbarca su Netflix la nuova serie targata “Flanagan”

Per chi ama il genere horror, c’è già una data sul calendario: 7 ottobre. Netflix ha messo in circolazione, anche in italiano, il trailer ufficiale della nuova serie The Midnight Club di Mike Flanagan, considerato il nome del momento quando si tratta di farsela sotto dalla paura, già produttore di The Haunting of Hill House e di Midnight Mass. La storia che ci attende sulla piattaforma si basa sull’omonimo romanzo di Christopher Pike, datato 1994, e da altre opere dello stesso autore. La serie sarà un concentrato ben pensato di horror con uno storytelling ad alto tasso di suspence, composta da 10 episodi, in cui si vedranno le sorti di un gruppo di otto malati terminali nella casa di cura di Rotterdam, che si danno appuntamento a mezzanotte per condividere tra loro storie spaventose. Un Decamerone in stile noir, pronto a intrecciare quanto di più spaventoso una mente possa concepire, se stimolata da altre menti altrettanto affamate di paura da raccontare, un po’ per esorcizzare la propria, un po’ per emergere nel gruppo. La vita e la morte si tengono a braccetto: ognuno dei protagonisti sa che la propria ora è dietro l’angolo, ma nessuno conosce la scaletta esatta che seguirà Osiride. In uno di questi rendez vous, nei quali le faccende e gli orrori privati della malattia stimoleranno la creatività dei narratori, il gruppo farà un patto, secondo il quale, nel caso uno di loro dovesse morire (cosa che si intuisce già dalle premesse), gli altri metteranno in atto tutti gli strumenti dell’occulto per mettersi in contatto con lui dall’oltretomba e lui o lei lancerà dei segnali per farsi trovare. Una sorta di speranza, per tutti quanti, che garantisca la vita oltre la morte. Ma anche oltre la noia: quella che si prova trascorrendo ore interminabili nei letti di ospedale. Un club dell’orrore dove solo la mente ha la capacità di modellare la realtà, vista come una prigione dalla quale fuggire solo attraverso il gusto del brivido. E del cinismo. I protagonisti, infatti, sono dei giovani: nulla, se non la malattia grave, protagonista quanto loro, potrebbe metterli in braccio alla morte secondo i normali tempi che ci sono dati su questo mondo. Da qui la ricerca ossessiva di forme di comunicazione con l’aldilà, fatte di testimonianze, illusioni, dicerie e speranze. Le porte dell’ospedale si aprono al pubblico attraverso l’esperienza di Ilonka, malata di cancro alla tiroide. “Ci sono così tante storie su questo posto. Storie di persone che credevano di morire e non sono morte – sussurra la giovane nel trailer. Non mi interessa che cosa comporta. Se c’è un modo per salvare noi, metterei a ferro e fuoco il mondo”. Tra gli interpreti noti al pubblico Adia, Igby Rigney, Ruth Codd, Aya Furukawa, Annarah Shephard, William Chris Sumpter e Sauriyan Sapkota, con Heather Langenkamp che presterà il volto all’enigmatica dottoressa che presiede Rotterdam Home (ve la ricordate in Nightmare?). L’autore aveva già spoilerato qualche nome lo scorso febbraio su Twitter. La trasformazione da romanzo a serie è ad opera di Flanagan in prima persona e della scrittrice di “The Haunting of Bly Manor” Leah Fong. “Sogno questo progetto da quando ero un adolescente e non vedo l’ora di intraprendere una nuova avventura con il mio partner in crime alla Intrepid Pictures, Travor Macy, così come con il fantastico gruppo che abbiamo riunito – ha commentato Flanagan, entusiasta all’uscita del trailer ufficiale che in due giorni ha fatto milioni di visualizzazioni”. Flanagan è il produttore esecutivo di Intrepid Pictures insieme a Trevor Macy e Adam Fasullo, vicepresidente televisivo di Intrepid Pictures. Fong è anche produttore esecutivo con Julia Bicknell e l’autore di “The Midnight Club”, Pike. Elan Gale, James Flanagan e Chinaka Hodge scrivono sulla serie, con Flanagan che sappiamo già aver anche diretto i primi due episodi. Nelle due serie che hanno preceduto The Midnight Club, Flanagan aveva diretto in assolo. Qui sono numerosi i contributi blasonati alla regia: Viet Nguyen (Lucifer, Le terrificanti avventure di Sabrina), Axelle Carolyn (Creepshow, The Haunting of Bly Manor), Morgan Beggs (C’era una volta, Smallville), Emmanuel Osei-Kuffour (Black Box) e Michael Fimognari (direttore della fotografia di The Haunting of Hill House). Netflix aveva confermato a fine novembre scorso che il debutto era in programma per il 2022. Le riprese sono cominciate lo scorso marzo.

Per chi ama il genere horror, c’è già una data sul calendario: 7 ottobre. Netflix ha messo in circolazione, anche in italiano, il trailer ufficiale della nuova serie The Midnight Club di Mike Flanagan, considerato il nome del momento quando si tratta di farsela sotto dalla paura, già produttore di The Haunting of Hill House e di Midnight Mass. La storia che ci attende sulla piattaforma si basa sull’omonimo romanzo di Christopher Pike, datato 1994, e da altre opere dello stesso autore. La serie sarà un concentrato ben pensato di horror con uno storytelling ad alto tasso di suspence, composta da 10 episodi, in cui si vedranno le sorti di un gruppo di otto malati terminali nella casa di cura di Rotterdam, che si danno appuntamento a mezzanotte per condividere tra loro storie spaventose. Un Decamerone in stile noir, pronto a intrecciare quanto di più spaventoso una mente possa concepire, se stimolata da altre menti altrettanto affamate di paura da raccontare, un po’ per esorcizzare la propria, un po’ per emergere nel gruppo. La vita e la morte si tengono a braccetto: ognuno dei protagonisti sa che la propria ora è dietro l’angolo, ma nessuno conosce la scaletta esatta che seguirà Osiride. In uno di questi rendez vous, nei quali le faccende e gli orrori privati della malattia stimoleranno la creatività dei narratori, il gruppo farà un patto, secondo il quale, nel caso uno di loro dovesse morire (cosa che si intuisce già dalle premesse), gli altri metteranno in atto tutti gli strumenti dell’occulto per mettersi in contatto con lui dall’oltretomba e lui o lei lancerà dei segnali per farsi trovare. Una sorta di speranza, per tutti quanti, che garantisca la vita oltre la morte. Ma anche oltre la noia: quella che si prova trascorrendo ore interminabili nei letti di ospedale. Un club dell’orrore dove solo la mente ha la capacità di modellare la realtà, vista come una prigione dalla quale fuggire solo attraverso il gusto del brivido. E del cinismo. I protagonisti, infatti, sono dei giovani: nulla, se non la malattia grave, protagonista quanto loro, potrebbe metterli in braccio alla morte secondo i normali tempi che ci sono dati su questo mondo. Da qui la ricerca ossessiva di forme di comunicazione con l’aldilà, fatte di testimonianze, illusioni, dicerie e speranze. Le porte dell’ospedale si aprono al pubblico attraverso l’esperienza di Ilonka, malata di cancro alla tiroide. “Ci sono così tante storie su questo posto. Storie di persone che credevano di morire e non sono morte – sussurra la giovane nel trailer. Non mi interessa che cosa comporta. Se c’è un modo per salvare noi, metterei a ferro e fuoco il mondo”. Tra gli interpreti noti al pubblico Adia, Igby Rigney, Ruth Codd, Aya Furukawa, Annarah Shephard, William Chris Sumpter e Sauriyan Sapkota, con Heather Langenkamp che presterà il volto all’enigmatica dottoressa che presiede Rotterdam Home (ve la ricordate in Nightmare?). L’autore aveva già spoilerato qualche nome lo scorso febbraio su Twitter. La trasformazione da romanzo a serie è ad opera di Flanagan in prima persona e della scrittrice di “The Haunting of Bly Manor” Leah Fong. “Sogno questo progetto da quando ero un adolescente e non vedo l’ora di intraprendere una nuova avventura con il mio partner in crime alla Intrepid Pictures, Travor Macy, così come con il fantastico gruppo che abbiamo riunito – ha commentato Flanagan, entusiasta all’uscita del trailer ufficiale che in due giorni ha fatto milioni di visualizzazioni”. Flanagan è il produttore esecutivo di Intrepid Pictures insieme a Trevor Macy e Adam Fasullo, vicepresidente televisivo di Intrepid Pictures. Fong è anche produttore esecutivo con Julia Bicknell e l’autore di “The Midnight Club”, Pike. Elan Gale, James Flanagan e Chinaka Hodge scrivono sulla serie, con Flanagan che sappiamo già aver anche diretto i primi due episodi. Nelle due serie che hanno preceduto The Midnight Club, Flanagan aveva diretto in assolo. Qui sono numerosi i contributi blasonati alla regia: Viet Nguyen (Lucifer, Le terrificanti avventure di Sabrina), Axelle Carolyn (Creepshow, The Haunting of Bly Manor), Morgan Beggs (C’era una volta, Smallville), Emmanuel Osei-Kuffour (Black Box) e Michael Fimognari (direttore della fotografia di The Haunting of Hill House). Netflix aveva confermato a fine novembre scorso che il debutto era in programma per il 2022. Le riprese sono cominciate lo scorso marzo.

Pubblicitàspot_img
Pubblicitàspot_img

Ultimi articoli