Attualità

“Se non torni con me, fai la fine di Giulia”: braccialetto elettronico a un 64enne in Sicilia

di Angelo Vitolo -


“Se non torni con me ti faccio finire come a quella di cui stanno parlando in televisione”: la fine di Giulia Cecchettin, una minaccia esplicita di femminicidio. Circostanze che si stanno ripetendo in tutto il Paese, ad opera di uomini, giovani o adulti come in questo caso, che utilizzano la eco della drammatica vicenda che ha portato all’uccisione della giovane veneta per dare forza alla loro volontà di dominare un rapporto sentimentale interrotto.

Così un uomo 64enne di Priolo Gargallo, in provincia di Siracusa, si è rivolto alla sua ex compagna, con un chiaro richiamo a Giulia Cecchettin assassinata da Filippo Turetta. L’uomo autore della minaccia alla sua ex compagna è stato arrestato dalla polizia. Nei suoi confronti è stata eseguita un’ordinanza di custodia cautelare ai domiciliari con uso del braccialetto elettronico per atti persecutori, ordinanza emessa dal gip di Siracusa su richieste della Procura al termine degli atti iniziali di indagine successivi alla denuncia circostanziata della donna.


Torna alle notizie in home