Servizi Usa: “La guerra in Ucraina sarà lunga”

La guerra in Ucraina purtroppo continua: non si registrano distensioni nella quotidiana conflittualità  verbale o rallentamenti nei bombardamenti, anzi. Dopo la disgrazia del centro commerciale di Kremenchuk, secondo fonti ucraine locali ieri sulla città di Mykolaiv sarebbero stati lanciati ben più di 10 missili di cui uno ha centrato un palazzo causando 6 morti e 6 feriti.

Il dramma umanitario che sta colpendo l’Ucraina si fa sempre più pesante nelle vittime e nei danni alle strutture. E così, oggi il primo ministro giapponese Fumio Kishida su Telegram ha annunciato lo stanziamento di ben 100 milioni di dollari in aiuti umanitari.

Ma se la comunità internazionale appare solidale nei confronti della popolazione ucraina, notizie oltremodo preoccupanti e concretamente allarmanti provengono dall’Intelligence americana sulla durata della guerra. Secondo, Avril Haines, vicedirettrice della Central Intelligence Agency, la guerra sarà lunga e lenta perché l’obiettivo primario di Putin sarebbe la conquista di gran parte del suolo ucraino, non solo del Donbass. “Percepiamo una frattura fra gli obiettivi militari a breve termine di Putin in questa regione e le sue capacità militari. Una mancata corrispondenza fra le sue ambizioni e quello che i militari sono in grado di ottenere”. Queste le dichiarazioni rilasciate dalla Haines nella riunione avvenuta presso il dipartimento del Commercio.

(Mariangela Marchioni)

La guerra in Ucraina purtroppo continua: non si registrano distensioni nella quotidiana conflittualità  verbale o rallentamenti nei bombardamenti, anzi. Dopo la disgrazia del centro commerciale di Kremenchuk, secondo fonti ucraine locali ieri sulla città di Mykolaiv sarebbero stati lanciati ben più di 10 missili di cui uno ha centrato un palazzo causando 6 morti e 6 feriti.

Il dramma umanitario che sta colpendo l’Ucraina si fa sempre più pesante nelle vittime e nei danni alle strutture. E così, oggi il primo ministro giapponese Fumio Kishida su Telegram ha annunciato lo stanziamento di ben 100 milioni di dollari in aiuti umanitari.

Ma se la comunità internazionale appare solidale nei confronti della popolazione ucraina, notizie oltremodo preoccupanti e concretamente allarmanti provengono dall’Intelligence americana sulla durata della guerra. Secondo, Avril Haines, vicedirettrice della Central Intelligence Agency, la guerra sarà lunga e lenta perché l’obiettivo primario di Putin sarebbe la conquista di gran parte del suolo ucraino, non solo del Donbass. “Percepiamo una frattura fra gli obiettivi militari a breve termine di Putin in questa regione e le sue capacità militari. Una mancata corrispondenza fra le sue ambizioni e quello che i militari sono in grado di ottenere”. Queste le dichiarazioni rilasciate dalla Haines nella riunione avvenuta presso il dipartimento del Commercio.

(Mariangela Marchioni)

Pubblicitàspot_img
Pubblicitàspot_img

Ultimi articoli